museo-di-storia-naturale-faido-e-locarno-a-confronto
Gli storici hotel Suisse e Milano di Faido, indicati come possibile sede ma scartati (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 min

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionel dell’energia
Bellinzonese
17 min

Diaporama di Giuseppe Brenna sugli alpi di Leventina

L’alpinista giovedì 7 luglio presso il Dazio Grande presenterà in conferenza la sua ultima fatica editoriale
Ticino
33 min

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
1 ora

A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova

All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Mendrisiotto
3 ore

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
7 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
7 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
21 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
23 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
1 gior

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
16.02.2021 - 13:05
Aggiornamento: 17:30

Museo di storia naturale: Faido e Locarno a confronto

Audizione oggi davanti alla Gestione del Gran Consiglio: Zali consegna due documenti con i motivi della scelta fatta; chiesto anche un rapporto comparativo

Nuovo museo cantonale di storia naturale: verificare più approfonditamente la decisione (e i motivi ad essa correlata) che nel 2017 ha portato il Consiglio di Stato a scegliere il comparto di Santa Caterina a Locarno, di proprietà cantonale, scartando le altre otto opzioni presentate da altrettante località ticinesi. Lo ha deciso stamane la Commissione gestione del Gran Consiglio dopo aver ascoltato, dapprima per la durata di un’ora e un quarto, una delegazione giunta dalla Media Leventina in difesa della proposta di destinare a tale scopo gli storici hotel Suisse e Milano di Faido, di proprietà privata; ascoltato successivamente, più brevemente, il consigliere di Stato Claudio Zali, responsabile del dossier, che ha consegnato ai commissari due documenti contenenti i motivi favorevoli a Locarno e sfavorevoli alle altre otto località. Tuttavia la Gestione, volendo andare ancora più a fondo della questione, ha fatto propria la richiesta avanzata dal deputato leventinese Michele Guerra, sostenuto da alcuni colleghi, affinché il Dipartimento del territorio e la Sezione della logistica presentino nelle prossime settimane un rapporto comparativo fra le varianti Locarno e Faido. Locarno che in base all'analisi delle idoneità paesaggistiche, pianificatorie, infrastrutturali e architettoniche effettuata nel 2017 dalla Logistica, si piazza in testa, mentre Faido al quinto posto su nove candidature.

Su cosa si decide

Sul tavolo della Gestione, ricordiamo, vi sono da una parte il messaggio governativo che per l’adattamento del comparto di Santa Caterina in Città Vecchia a Locarno chiede lo stanziamento di un primo credito di progettazione pari a 9,5 milioni di franchi, cui ne seguiranno altri 36 per la realizzazione; dall’altra c’è una mozione interpartitica sottoscritta l’anno scorso da ben 27 granconsiglieri che sollecitano l’avvio di un approfondito studio comparativo tra Locarno e Faido. Stamane la delegazione leventinese, formata dal sindaco Roland David, dal professor Remigio Ratti e dai giornalisti Claudio Mésoniat e Tiziana Mona (quest’ultima quale promotrice del gruppo Museo nella natura in Leventina), ha esposto e ribadito tutti i punti a favore della soluzione medio leventinese, non solo a favore di una località periferica, ma anche connessi allo stretto rapporto con il territorio prealpino e alpino che un museo di questo tipo potrebbe avere se collocato a Faido. Un lungo elenco di punti a favore (compresa la ricerca di fondi privati per il finanziamento dell’acquisto dei due alberghi situati vicino alla stazione ferroviaria) che nell’arco dei mesi e degli anni non ha mosso di un millimetro le granitiche convinzioni governative, forti del rapporto elaborato da un collegio d’esperti.

Voglia di capire meglio

La mozione elaborata da Sara Imelli (Ppd), Diana Tenconi (Plr) e Michele Guerra (Lega) e sottoscritta da altri 24 deputati sensibili alle zone periferiche in cerca di sviluppo, ricordiamo, chiede al CdS di procedere con una comparazione dettagliata coinvolgendo degli esperti esterni. Una proposta che non sta in piedi, chiediamo, visto lo stato avanzato del progetto Santa Caterina? «In Gestione – risponde alla ‘Regione’ il suo coordinatore Matteo Quadranti – è maturata l’esigenza di comprendere dettagliatamente tutti i motivi favorevoli a Locarno e di esclusione non solo di Faido, ma anche delle altre proposte giunte dal resto del Ticino. I documenti consegnatici stamane dal consigliere di Stato potrebbero aiutarci in questo compito, incluso il rapporto comparativo chiesto e atteso per le prossime settimane. Procedere con un’analisi esterna, come chiesto dalla mozione? Allo stato attuale è prematuro dare una nostra indicazione rispettivamente sul messaggio con il credito per Santa Caterina e sulla mozione interpartitica. Un’opinione maturerà nel corso della primavera, e non è detto che debba essere unanime». I relatori indicati per la stesura dei rapporti commissionali sono i locarnesi Fiorenzo Dadò (Ppd) e Nicola Pini (Plr) insieme al bassoleventinese Michele Guerra (Lega). 

I relatori

Michele Guerra, che aveva insistito affinché la Gestione organizzasse le due audizioni odierne, rimarca di essere l'unico leventinese nella commissione e si dichiara a favore della variante Faido: «Il rapporto comparativo chiesto oggi ci permetterà di avere un quadro più completo, aiutandoci a prendere la decisione migliore nell'interesse di tutto il Ticino, evitando guerre territoriali». Dal canto suo Fiorenzo Dadò guarda verso il Verbano: «Il progetto presentato dal Consiglio di Stato, dopo attente verifiche e approfondimenti, è sicuramente molto interessante  e a prima vista l'opzione migliore – dice alla 'Regione' –. Questo progetto, e non lo dico da locarnese, risponde a tutta una serie di esigenze e si inserisce, secondo me, in un contesto ideale dal profilo naturalistico, logistico e della sua accessibilità. Stamattina abbiamo comunque sentito i promotori dei museo a Faido, faremo come commissione le nostre valutazioni». Infine Nicola Pini evidenzia dal canto suo che il messaggio governativo per la progettazione ingloba anche la mozione, da lui stesso firmata con altri deputati, che chiede di abbinare al museo una ‘Casa delle valli’, occasione immaginata per presentare da vari punti di vista la storia passata e presente di importanti realtà discoste del Ticino. Quanto alla via intrapresa dal governo, i documenti e gli approfondimenti sin qui fatti, nonché il sopralluogo eseguito nel comparto di Santa Caterina, «mi inducono a ritenere la soluzione Locarno convincente. Non da ultimo perché valorizza un vasto comparto che vanta una storia secolare nel cuore di Città Vecchia». Una soluzione peraltro «legata a doppio filo col territorio, viste le sinergie già delineate con istituzioni affini fra cui le Isole di Brissago, l’Istituto federale di meteorologia, le Bolle di Magadino, ecc.». In definitiva quanto finora già noto e approfondito, «conferma che Faido può avere un senso, ma quella di Locarno è un’occasione unica».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
caterina esclusione faido gran consiglio locarno museo storia naturale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved