ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
1 ora

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
6 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
8 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
8 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
10 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
10 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
16.02.2021 - 12:01
Aggiornamento: 17:50

Educatori di strada, ‘un servizio per tutto il Bellinzonese’

Proposta interpartitica di Ppd, Plr e Sinistra sollecita una valutazione al Municipio cittadino

educatori-di-strada-un-servizio-per-tutto-il-bellinzonese
Avvicinare, ascoltare, aiutare: una missione sempre più necessaria, anche alle nostre latitudini (Ti-Press)

Sondare la fattibilità di un servizio regionale unico di educatori di strada (di prossimità) con gli altri Comuni del distretto; e in caso di riscontri positivi presentare al Consiglio comunale un progetto di massima condiviso in modalità intercomunale, che ne definisca la struttura, l’organizzazione, le modalità di funzionamento e un’equa ripartizione dei costi. Lo chiede al Municipio di Bellinzona un’interpellanza interpartitica (Ppd, Plr e Sinistra) dopo l’avallo in Consiglio comunale, lo scorso novembre, della mozione Lo Russo per l’istituzione del servizio nel comprensorio cittadino aggregato impiegando due persone al 50% ciascuna. Contemporaneamente una decisione simile veniva presa dai legislativi di Arbedo-Castione e Lumino per un servizio in comune tramite l’assunzione di un operatore al 50%.

Ora, considerato che l’esigenza per un servizio rivolto al disagio giovanile è abbastanza sentita in tutto il comprensorio indipendentemente dai confini giurisdizionali dei singoli Comuni, dalla politica arriva la proposta di valutare l’ipotesi di una collaborazione intercomunale. “Appare logico e funzionale alla sua efficacia, ipotizzare un servizio sociale di prossimità con una struttura e un’organizzazione allargata ove possano collaborare e partecipare il maggior numero possibile di Comuni dell’intero Distretto”, scrivono gli interpellanti Emilio Scossa Baggi, Paolo Locatelli, Vito Lo Russo, Silvia Gada, Alessandro Lucchini e Charles Barras. Il valore aggiunto di una struttura organizzata su un territorio più vasto, aggiungono, “consisterebbe nel beneficiare di conoscenze accresciute del fenomeno, nella possibilità di svolgere interventi mirati coordinati volti a un’efficace integrazione delle risorse del territorio”. Una simile struttura “oltre ad attivare sul terreno la presenza coordinata di più persone (esigenza ritenuta fondamentale dagli specialisti in materia) offrirebbe alla popolazione un’organizzazione più efficace”. Ne gioverebbe – sono convinti i sei consiglieri – l’operatività del servizio e, in una visione di breve-medio termine, pure il carico finanziario annuo. L’attività degli educatori di  prossimità “risulterebbe più efficace, meglio pianificata, organizzata e coordinata su tutto il territorio, con supplenze e presenze sempre garantite. Prendendo inoltre spunto da analoghe esperienze fatte in altre città svizzere, si evince chiaramente come sia imprescindibile poter operare in team e non singolarmente”.

Leggi anche:

Bellinzona si doterà di un educatore di strada, anzi due

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved