aggregazione-solo-il-municipio-di-pollegio-propende-per-il-no
I Municipi di Bodio, Personico e Giornico invitato invece il plenum ad approvare la trattanda (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
6 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
11 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
12 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
16 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
16 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
17 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
17 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
17 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
1 gior

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
1 gior

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
1 gior

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
16.02.2021 - 21:08

Aggregazione, solo il Municipio di Pollegio propende per il ‘No’

Bassa Leventina: lunedì i Legislativi di Pollegio, Giornico, Personico e Bodio dovranno esprimersi sulla relazione finale della Commissione di studio

Si parlerà di un tema di grande importanza durante le sedute dei legislativi di Bodio, Giornico, Personico e Pollegio, tutte in programma lunedì 22 febbraio. Sui loro banchi i consiglieri comunali troveranno la relazione finale della Commissione di studio per l’unione dei quattro comuni della Bassa Leventina in un ente locale unico chiamato Sassi Grossi. Un documento di 60 pagine – elaborato dal 2013 e depositato lo scorso novembre – che i quattro plenum dovranno decidere se avallare. Il voto non sarà vincolante per le sorti del progetto di aggregazione di cui si parla ormai da un decennio, ma sarà tuttavia un segnale importante anche in ottica del dibattito pubblico che prenderà avvio nei prossimi mesi e che dovrebbe portare alla votazione popolare consultiva, prevista il prossimo mese di ottobre. 

La sinistra di Pollegio: ’Sarebbe un salto nel buio’

Gli Esecutivi di Bodio, Giornico e Personico hanno preavvisato favorevolmente i messaggi municipali licenziati, ritenendo l’aggregazione una via indispensabile per il rilancio della regione e per creare un nuovo assetto istituzionale moderno, dinamico, forte e riconosciuto quale partner a livello cantonale. Non la pensa così la maggioranza del Municipio di Pollegio, Comune nel quale si preannuncia la discussione più accesa. La sezione del Partito socialista e Indipendenti – che il 18 aprile proverà a riconfermare tre seggi su cinque all'interno dell'Esecutivo nonostante l'annunciata uscita di scena del sindaco John Mercoli, il quale sarà tuttavia in lista per il Legislativo – ha recentemente ribadito la propria voce contraria. “Non siamo contrari alle aggregazioni, abbiamo sempre asserito che le aggregazioni possono essere una strada da percorrere, ma evidentemente non a qualsiasi costo. Di conseguenza – si legge ancora nel volantino inviato a tutti i fuochi – siamo contrari a quelle che non portano nessun valore aggiunto”. Per la sinistra di Pollegio, l'unione con Bodio, Giornico e Personico sarebbe “un salto nel buio”, che andrebbe a generare “solo incertezze e impoverimento per il nostro Comune”. 

L'esempio di Bissone

Dopo il voto dei Consigli comunali, saranno i municipi a dover dare il proprio preavviso sul progetto. La Commissione di studio, dopo aver allegato le decisioni di esecutivo e legislativo, consegnerà il rapporto al Consiglio di Stato e in aprile si terranno le elezioni a Pollegio e Giornico, mentre a Bodio e Personico le elezioni si sono tenute in forma tacita l'anno scorso. Come detto la votazione consultiva è attesa in ottobre. Non è tuttavia una certezza che a Pollegio si andrà a votare. Fa scuola il caso di Bissone, dove nel gennaio 2020 il Consiglio comunale si era espresso contro l'aggregazione con Arogno, Maroggia, Melano e Rovio, approvando una risoluzione – condivisa dal Municipio – che si chiamava fuori dal progetto. Nel marzo del 2020, il Consiglio di Stato aveva quindi deciso di escludere Bissone senza portare la cittadinanza alle urne. 

Le richieste al governo

Quattro i progetti chiave per i quali la Commissione di studio ritiene doveroso che il Consiglio di Stato garantisca, attraverso un impegno politico vincolante, il suo pieno sostegno. Si chiede innanzitutto un contributo cantonale – da intendere sia a livello didattico, sia in termini di investimento nelle infrastrutture di mobilità e formative – “per garantire la realizzazione di un vero polo formativo e un centro di competenze di importanza cantonale e nazionale che faccia perno sul Campus formativo di Bodio”. In secondo luogo la Commissione ritiene cruciale l'elaborazione di un progetto di sviluppo “che possa rilanciare il comprensorio e concretizzare così gli intendimenti che hanno portato all'integrazione della zona industriale ex-Monteforno nei Poli di sviluppo economico ai sensi del Piano Direttore cantonale (scheda R7)”. In terzo luogo l'auspicio che l'autorità cantonale sostenga, sia da un profilo finanziario, sia facilitando la realizzazione di strutture ricettive adeguate alla richiesta del mercato, “la creazione di una Fondazione che promuova le numerose testimonianze storiche e culturali presenti sul territorio”. Da ultimo si chiede al Cantone un contributo finanziario di mezzo milione, più la facilitazione della conversione “grazie ai suoi buoni uffici”, per la riqualifica del comparto del Collegio Santa Maria a Pollegio, attribuendogli una nuova destinazione per attività di interesse pubblico. 

Obiettivo ripopolamento

Uno dei maggiori obiettivi dell'aggregazione è trovare un antidoto alla flessione dei residenti. Dal 1990 al 2017 la popolazione complessiva dei quattro Comuni – confrontata con un progressivo invecchiamento – è infatti diminuita del 11,5%, passando da 3'396 abitanti agli attuali 3'005: da 1'219 a 1'031 a Bodio; da 1'092 a 873 a Giornico e da 403 a 344 a Personico. Unica eccezione Pollegio,  dove il dato è aumentato da 682 a 757. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aggregazione bassa leventina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved