ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 min

Al Teatro Paravento si pana attraverso la nebbia

Domenica va in scena un’opera ispirata al Macbeth di Shakespeare e frutto del progetto “La Bottega del Teatro” dell’Associazione Giullari di Gulliver
Bellinzonese
10 min

Faido, pranzo in compagnia al Centro Atte

Mercoledì 5 ottobre
Ticino
20 min

79,5 milioni di disavanzo d’esercizio nel preventivo 2023

Inserita anche una spesa di 20,5 milioni per l’adeguamento dei salari dei dipendenti cantonali al rincaro. Il deficit totale ammonta a 164,4 milioni.
Locarnese
22 min

‘No vax’ in vetta al concorso letterario Salviamo la montagna

Il racconto di Carlo Bava si è imposto nella sezione Narrativa (premio Plinio Martini) dell’evento promosso dalla Fondazione Valle Bavona
Locarnese
31 min

Locarnese, la Classe 1947 sale in carrozza

Viaggio a bordo del trenino storico della Centovallina fino a Camedo il prossimo 16 ottobre. Vi sono ancora posti liberi
Bellinzonese
33 min

Coro DesDes e coro virile Scam: porte aperte

Possibilità di avvinarsi all’attività corale a Lavorgo ogni giovedì sera
Luganese
1 ora

Lugano, alle porte il XV open scacchistico internazionale

Appuntamento a Villa Sassa venerdì per la quindicesima edizione con partecipanti provenienti da almeno sei nazioni. Montepremi: 8’000 franchi
Locarnese
1 ora

Cosa farà la Ses per abbassare i prezzi dell’elettricità?

Lo chiede, unitamente ad altri interrogativi, al Municipio di Locarno (azionista dell’azienda elettrica) il gruppo in Consiglio comunale Sinistra Unita
Locarnese
2 ore

Locarno, prevenzione dei tumori al seno

L’Associazione Triangolo organizza il 6 ottobre un incontro informativo sulla malattia con possibilità di dialogo con il pubblico
Mendrisiotto
3 ore

Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino

L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
3 ore

Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità

Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Bellinzonese
3 ore

Incidente prima dell’alba, effetto domino sul traffico ticinese

Solo danni materiali per un’auto finita contro il guardrail, ma la rimozione dei detriti sta ancora causando notevoli disagi in direzione nord
Ticino
4 ore

Orari, si va verso negozi più aperti

Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
6 ore

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
6 ore

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
12 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
15 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
15 ore

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
15 ore

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
25.01.2021 - 16:10
Aggiornamento: 19:43

Morti a Sementina, i Verdi chiedono lumi sulle incongruenze

Lacune gestionali e operative: interrogativi sulle nette differenze di opinione fra Medico cantonale e Direzione della struttura. Insorgono anche Lega e Udc

morti-a-sementina-i-verdi-chiedono-lumi-sulle-incongruenze
Da mesi sotto i riflettori anche della politica (Ti-Press)

Il rapporto conclusivo redatto lo scorso ottobre dall’Ufficio del medico cantonale sulla gestione della pandemia fatta nella casa anziani di Sementina fra marzo e aprile scorsi, quando si sono verificati 21 decessi per Covid fra gli 80 ospiti, afferma che la Direzione della struttura, di proprietà della Città di Bellinzona, non ha seguito e applicato compiutamente e correttamente le indicazioni impartite dal Cantone, settimana dopo settimana, a tutte le analoghe strutture del cantone. Dai carteggi che la 'Regione' ha potuto leggere emerge chiaramente che da una parte l’Ufficio del medico cantonale elenca importanti lacune gestionali nell'affrontare la situazione, mentre dall’altra la Direzione della struttura, ritenendo di aver agito nel giusto pur con tutte le difficoltà del caso, replica puntualizzando e contestando diverse conclusioni superiori. Senza però riuscire a smuovere l’Ufficio del medico cantonale dalle proprie convinzioni, contenute appunto nel rapporto conclusivo di ottobre.

Gli interrogativi

Ora, dopo i servizi giornalistici degli ultimi giorni fatti a seguito delle rivelazioni pubblicate dal ‘Mattino della domenica’, sono i Verdi ha chiedere lumi al Municipio di Bellinzona: “Sapeva del rapporto del medico cantonale?”, domandano i consiglieri comunali Ronald David e Marco Noi. I quali prendono spunto dalle spiegazioni date ieri alla ‘Regione’ dal municipale Giorgio Soldini, secondo cui “la Direzione amministrativa e sanitaria della struttura hanno contestato, per iscritto, le conclusioni cui sono giunte le autorità cantonali, assicurando e ribadendo di aver sempre implementato correttamente, da subito e nel corso delle settimane e mesi successivi, gli ordini impartiti a tutte le strutture analoghe in Ticino”. Dal momento che il Municipio – vanno al sodo i Verdi – porta una responsabilità politica per l’operato di suoi servizi alla popolazione, “come valuta e interpreta la palese incongruenza tra le affermazioni del rapporto del Medico cantonale, che denuncia le inadempienze della struttura, e ciò che la Direzione amministrativa e sanitaria affermano, ovvero di essere state adempienti?”. E ancora: corrisponde al vero che la casa anziani di Sementina prima di ricevere il 23 settembre 2020 il rinnovo dell’autorizzazione all’esercizio, ne è stata sprovvista per diversi mesi? In caso affermativo, da quando era sprovvista di autorizzazione all’esercizio e per quali motivi? In definitiva, quali passi in questa procedura di accertamento ci si deve ancora attendere e con quale tempistica, affinché si possa finalmente chiudere tale infausto capitolo? David e Noi chiedono infine che il rapporto del Medico cantonale sia messo a disposizione del Legislativo. Dal canto loro Lega e Udc chiedono nuovamente che Soldini venga subito sospeso dal Municipio e che siano sospesi fino al termine dell'inchiesta penale il direttore amministrativo e la direttrice sanitaria della struttura.

Un lungo elenco di lacune

Dapprima 28 pagine (datate 30 settembre) nelle quali l’Ufficio del medico cantonale elenca tutte le situazioni problematiche accertate dal 10 marzo al 20 aprile scorsi nella casa anziani di Sementina; un elenco molto critico che viene completato dalle osservazioni in replica elaborate in estate, e in più tappe, dalla Direzione dell’istituto e inserite dalla stessa autorità cantonale come note a piè di pagina; autorità che a sua volta duplica, sotto le stesse note, senza scostarsi dal proprio giudizio iniziale. Che è negativo su quasi tutta la linea e viene riassunto nella Sintesi di quattro pagine inviata il 22 ottobre alla Direzione con l’invito a discuterne insieme durante un incontro “per facilitare la lettura delle nostre conclusioni”. Sintesi organizzata in nove punti. Ma la domanda di fondo è: come si è diffuso il virus nella struttura? Il Cantone indica che “la presenza intermittente di personale sintomatico e verosimilmente malato ha facilitato la diffusione del coronavirus nella struttura dal 10 al 25 marzo”, e questo sia fra collaboratori stessi (si sono ricostruiti i primi tre contagi) sia verso i primi ospiti durante, verosimilmente, la distribuzione delle terapie nella sala da pranzo il 16 marzo. Punto primo: è confermata, per scelta della Direzione, l’inosservanza intenzionale della direttiva del 9 marzo che imponeva la sospensione delle attività socializzanti di gruppo, per contro erogate fino all’8 aprile sui singoli piani, dove il virus non si era ancora diffuso, per compensare la privazione affettiva e l’isolamento. Punto secondo: esecuzione di lavori di manutenzione alle pareti del terzo piano il 16 e il 17 aprile, eseguiti da operai del Comune, in presenza di focolaio e nonostante il lockdown. Punto terzo: inizialmente sono state istituite singole camere d’isolamento (frammiste a stanze con persone non contagiate) anziché procedere subito con l’istituzione di un apposito reparto Covid, realizzato solo dopo l’intervento del medico cantonale del 18 aprile. Una modalità particolarmente dispendiosa, quella decisa dalla Direzione, associata a maggiori difficoltà operative nell’utilizzo delle misure di protezione (gestione e smaltimento grembiuli e mascherine). Una scelta, secondo il medico cantonale, da evitare “quando il numero di contagi è superiore a tre in poco tempo”. Probabilità di contagio peraltro “amplificata dalla scarsità di personale curante e con turni di lavori ordinari di 8 ore”, anziché di 12 ore come fatto solo dal 20 aprile quando si sono istituiti due appositi piani Covid. Punto quattro: mancata verifica del corretto utilizzo dei dispositivi di protezione da parte del personale. Punto cinque: mancanza di un ‘tableau de bord’ per la gestione organizzativa dell’epidemia. Punto sei: mancata realizzazione della lista del personale curante a inizio aprile al quinto piano Covid. Punto sette, elevato numero di operatori sanitari assenti per malattia o quarantena: ancora una volta, ribadisce il medico cantonale, “la creazione di un team dedicato a un reparto Covid e non al singolo caso avrebbe favorito una maggiore efficacia d’intervento”. Punto otto, mancata chiarezza sui compiti fra la capostruttura in procinto di essere pre-pensionata e la nuova capostruttura. Infine in taluni casi inadeguata comunicazione ai familiari dello stato di salute degli ospiti. In definitiva, conclude l’Ufficio del medico cantonale, “alla Direzione manca una visione sistemica e strutturata dell’organizzazione (...) in situazioni di gestione sia ordinaria sia d’emergenza”. Nella documentazione fornita “non vi è traccia d’interventi proattivi legati alla funzione di capostruttura e di Direzione sanitaria e amministrativa nella gestione dell’emergenza, se non quella di risposte puntuali ai singoli eventi”.

Leggi anche:

Morti a Sementina: per il medico cantonale gravi lacune

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved