PIT Penguins
1
Detroit Red Wings
2
2. tempo
(0-1 : 1-1)
NY Rangers
1
MIN Wild
0
1. tempo
(1-0)
CHI Blackhawks
COL Avalanche
02:30
 
ARI Coyotes
BOS Bruins
03:00
 
DAL Stars
WAS Capitals
03:00
 
morti-a-sementina-i-verdi-chiedono-lumi-sulle-incongruenze
Da mesi sotto i riflettori anche della politica (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
6 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
6 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
6 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
7 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
7 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
8 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
8 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
8 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
8 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
Locarnese
9 ore

Agarone, interruzione di corrente ma non per tutti

Il 2 febbraio dalle 8.15 alle 11.15 soltanto una parte degli stabili rimarrà senza elettricità per lavori sulla linea di trasporto bassa tensione
Bellinzonese
9 ore

Bellinzona, no a un Quartiere Officine ‘senz’anima’

Tuto Rossi chiede alle autorità di ‘lanciare un concorso internazionale su chiamata fra i migliori studi d’architettura e di urbanistica del mondo’
Locarnese
10 ore

Riazzino, il Vanilla riapre le sale del club

Prima serata dopo quattro mesi di chiusura forzata, domani sera sabato 29 gennaio, con Guè Pequeno, Tony Effe e Dj Matrix
Mendrisiotto
10 ore

Un Piano energetico comunale per Riva San Vitale

Una mozione chiede al Municipio di dotarsi dello strumento. Prima tappa la creazione di un gruppo di lavoro
Bellinzonese
10 ore

Restano ancora chiusi sette sportelli multifunzionali

Lo ha deciso il Municipio considerato il protrarsi della situazione sanitaria
Locarnese
11 ore

Collegamento A2-A13, ‘si vede la luce in fondo al tunnel’

Il Plr distrettuale saluta positivamente la decisione di Berna e sottolinea la necessità di una soluzione definitiva al problema del traffico sul Piano
Luganese
11 ore

Giorgio Grandini sotto inchiesta

A lui e a un altro notaio sono contestate truffa e falsità in documenti
Mendrisiotto
11 ore

Sentieri cantonali, Mendrisio vuole essere coinvolto

Il Municipio chiede al Cantone un coinvolgimento attivo nella definizione dei percorsi di interesse cantonale
Mendrisiotto
12 ore

Multe per cannabis a Mendrisio, ‘iter corretto e ben definito’

Il Municipio risponde ai consiglieri comunali dell’AlternativA in merito alle infrazioni per possesso inferiore o uguale a 10 grammi
25.01.2021 - 16:100
Aggiornamento : 19:43

Morti a Sementina, i Verdi chiedono lumi sulle incongruenze

Lacune gestionali e operative: interrogativi sulle nette differenze di opinione fra Medico cantonale e Direzione della struttura. Insorgono anche Lega e Udc

Il rapporto conclusivo redatto lo scorso ottobre dall’Ufficio del medico cantonale sulla gestione della pandemia fatta nella casa anziani di Sementina fra marzo e aprile scorsi, quando si sono verificati 21 decessi per Covid fra gli 80 ospiti, afferma che la Direzione della struttura, di proprietà della Città di Bellinzona, non ha seguito e applicato compiutamente e correttamente le indicazioni impartite dal Cantone, settimana dopo settimana, a tutte le analoghe strutture del cantone. Dai carteggi che la 'Regione' ha potuto leggere emerge chiaramente che da una parte l’Ufficio del medico cantonale elenca importanti lacune gestionali nell'affrontare la situazione, mentre dall’altra la Direzione della struttura, ritenendo di aver agito nel giusto pur con tutte le difficoltà del caso, replica puntualizzando e contestando diverse conclusioni superiori. Senza però riuscire a smuovere l’Ufficio del medico cantonale dalle proprie convinzioni, contenute appunto nel rapporto conclusivo di ottobre.

Gli interrogativi

Ora, dopo i servizi giornalistici degli ultimi giorni fatti a seguito delle rivelazioni pubblicate dal ‘Mattino della domenica’, sono i Verdi ha chiedere lumi al Municipio di Bellinzona: “Sapeva del rapporto del medico cantonale?”, domandano i consiglieri comunali Ronald David e Marco Noi. I quali prendono spunto dalle spiegazioni date ieri alla ‘Regione’ dal municipale Giorgio Soldini, secondo cui “la Direzione amministrativa e sanitaria della struttura hanno contestato, per iscritto, le conclusioni cui sono giunte le autorità cantonali, assicurando e ribadendo di aver sempre implementato correttamente, da subito e nel corso delle settimane e mesi successivi, gli ordini impartiti a tutte le strutture analoghe in Ticino”. Dal momento che il Municipio – vanno al sodo i Verdi – porta una responsabilità politica per l’operato di suoi servizi alla popolazione, “come valuta e interpreta la palese incongruenza tra le affermazioni del rapporto del Medico cantonale, che denuncia le inadempienze della struttura, e ciò che la Direzione amministrativa e sanitaria affermano, ovvero di essere state adempienti?”. E ancora: corrisponde al vero che la casa anziani di Sementina prima di ricevere il 23 settembre 2020 il rinnovo dell’autorizzazione all’esercizio, ne è stata sprovvista per diversi mesi? In caso affermativo, da quando era sprovvista di autorizzazione all’esercizio e per quali motivi? In definitiva, quali passi in questa procedura di accertamento ci si deve ancora attendere e con quale tempistica, affinché si possa finalmente chiudere tale infausto capitolo? David e Noi chiedono infine che il rapporto del Medico cantonale sia messo a disposizione del Legislativo. Dal canto loro Lega e Udc chiedono nuovamente che Soldini venga subito sospeso dal Municipio e che siano sospesi fino al termine dell'inchiesta penale il direttore amministrativo e la direttrice sanitaria della struttura.

Un lungo elenco di lacune

Dapprima 28 pagine (datate 30 settembre) nelle quali l’Ufficio del medico cantonale elenca tutte le situazioni problematiche accertate dal 10 marzo al 20 aprile scorsi nella casa anziani di Sementina; un elenco molto critico che viene completato dalle osservazioni in replica elaborate in estate, e in più tappe, dalla Direzione dell’istituto e inserite dalla stessa autorità cantonale come note a piè di pagina; autorità che a sua volta duplica, sotto le stesse note, senza scostarsi dal proprio giudizio iniziale. Che è negativo su quasi tutta la linea e viene riassunto nella Sintesi di quattro pagine inviata il 22 ottobre alla Direzione con l’invito a discuterne insieme durante un incontro “per facilitare la lettura delle nostre conclusioni”. Sintesi organizzata in nove punti. Ma la domanda di fondo è: come si è diffuso il virus nella struttura? Il Cantone indica che “la presenza intermittente di personale sintomatico e verosimilmente malato ha facilitato la diffusione del coronavirus nella struttura dal 10 al 25 marzo”, e questo sia fra collaboratori stessi (si sono ricostruiti i primi tre contagi) sia verso i primi ospiti durante, verosimilmente, la distribuzione delle terapie nella sala da pranzo il 16 marzo. Punto primo: è confermata, per scelta della Direzione, l’inosservanza intenzionale della direttiva del 9 marzo che imponeva la sospensione delle attività socializzanti di gruppo, per contro erogate fino all’8 aprile sui singoli piani, dove il virus non si era ancora diffuso, per compensare la privazione affettiva e l’isolamento. Punto secondo: esecuzione di lavori di manutenzione alle pareti del terzo piano il 16 e il 17 aprile, eseguiti da operai del Comune, in presenza di focolaio e nonostante il lockdown. Punto terzo: inizialmente sono state istituite singole camere d’isolamento (frammiste a stanze con persone non contagiate) anziché procedere subito con l’istituzione di un apposito reparto Covid, realizzato solo dopo l’intervento del medico cantonale del 18 aprile. Una modalità particolarmente dispendiosa, quella decisa dalla Direzione, associata a maggiori difficoltà operative nell’utilizzo delle misure di protezione (gestione e smaltimento grembiuli e mascherine). Una scelta, secondo il medico cantonale, da evitare “quando il numero di contagi è superiore a tre in poco tempo”. Probabilità di contagio peraltro “amplificata dalla scarsità di personale curante e con turni di lavori ordinari di 8 ore”, anziché di 12 ore come fatto solo dal 20 aprile quando si sono istituiti due appositi piani Covid. Punto quattro: mancata verifica del corretto utilizzo dei dispositivi di protezione da parte del personale. Punto cinque: mancanza di un ‘tableau de bord’ per la gestione organizzativa dell’epidemia. Punto sei: mancata realizzazione della lista del personale curante a inizio aprile al quinto piano Covid. Punto sette, elevato numero di operatori sanitari assenti per malattia o quarantena: ancora una volta, ribadisce il medico cantonale, “la creazione di un team dedicato a un reparto Covid e non al singolo caso avrebbe favorito una maggiore efficacia d’intervento”. Punto otto, mancata chiarezza sui compiti fra la capostruttura in procinto di essere pre-pensionata e la nuova capostruttura. Infine in taluni casi inadeguata comunicazione ai familiari dello stato di salute degli ospiti. In definitiva, conclude l’Ufficio del medico cantonale, “alla Direzione manca una visione sistemica e strutturata dell’organizzazione (...) in situazioni di gestione sia ordinaria sia d’emergenza”. Nella documentazione fornita “non vi è traccia d’interventi proattivi legati alla funzione di capostruttura e di Direzione sanitaria e amministrativa nella gestione dell’emergenza, se non quella di risposte puntuali ai singoli eventi”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved