futuro-della-scuola-media-di-castione-domande-al-governo
'Se ci fosse la luna si potrebbe cantare', ossia il progetto la cui variante di Pr da due anni è bloccata da tre ricorsi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
10 min

Battezzato il Giruno Ticino

L'evento si è svolto oggi alla presenza delle autorità cantonali, tra cui il Consigliere di Stato Claudio Zali
Grigioni
2 ore

Coronavirus, giornate di vaccinazione per adolescenti

Finora circa 500 ragazzi tra i 16 e i 17 anni si sono annunciati per ricevere il vaccino
Ticino
3 ore

Covid, 3 positivi in Ticino nelle ultime 24 ore

Nessuna nuova vittima e nel cantone rimane un solo paziente ricoverato per il coronavirus
Ticino
8 ore

Doppia denuncia al Ministero pubblico per Philipp Plein

Segnalato lo stilista tedesco con base a Lugano per presunta violazione alla Legge sul lavoro, amministrazione infedele e falsità in documenti
Video
Luganese
8 ore

Ex Macello: ‘Un tetto si smonta a mano, non con le ruspe’

Mentre un video mostra l'intervento del paker sulle pareti, desta perplessità anche la preparazione dell'intervento
Ticino
15 ore

Il confine tra molestia e complimento

Il sessismo si nasconde anche tra le parole e gli apprezzamenti non desiderati
Locarnese
16 ore

Sull'Hangar 1 si pianifica, sulla 'stufa' si riflette

Aeroporto di Locarno, a distanza di parecchi anni ancora non sono iniziati i lavori di rifacimento. Il Cantone rassicura: 'non l'abbiamo dimenticato in un cassetto'
Grigioni
18 ore

'Verdabbio non aveva terreni agricoli, da qui si passava per forza'

Terminati i lavori di conservazione finalizzati a risanare l'antica mulattiera e cinque cappelle votive. 'Forte testimonianza per le generazioni future'
Mendrisiotto
19 ore

Alunni di Coldrerio alle prese con api e francobolli

Dalla collaborazione con il Circolo filatelico del Mendrisiotto e due classi elementari sono nati degli esemplari originali
Bellinzonese
12.01.2021 - 08:330
Aggiornamento : 16:20

Futuro della Scuola media di Castione, domande al governo

Dopo le interpellanze del Ppd ai Municipi di Arbedo-Castione e Lumino, l'Mps sollecita ora il Consiglio di Stato

I possibili scenari sul futuro della Scuola media di Castione, già oggetto recentemente di interpellanze del Ppd di Arbedo Castione e Lumino ai rispettivi Municipi, arrivano anche sui banchi del Consiglio di Stato. A chiedere lumi su “una scuola ora sottodimensionata in un comprensorio in piena espansione” sono i granconsiglieri dell'Mps Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori. “Il Decs – ricordano i deputati riprendendo quanto pubblicato dalla 'Regione' lo scorso 19 dicembre – starebbe valutando se demolire l'attuale sede (sostituendola con una nuova struttura tra Bellinzona e il quartiere di Claro) o risanare le strutture già presenti, con però una riduzione della capacità di accoglienza a soli 350 allievi” anziché 500. Al governo viene chiesto di confermare se l'autorità cantonale sta studiando degli scenari per gli studenti dei Comuni che oggi fanno capo alla Scuola media di Castione; di illustrare quali sono questi scenari e le conseguenze che potrebbero comportare per gli studenti dei vari Comuni e se le autorità comunali interessate sono state coinvolte (o lo saranno) nell’elaborazione di questi possibili scenari.

I 200 metri della discordia

Altre ipotesi sono al vaglio considerati i lunghi tempi necessari a evadere i tre ricorsi (di cui uno interposto dall'Associazione per il miglioramento ambientale di Castione e sottoscritto da 56 confinanti) che dal 2018 contestano la variante di Piano regolatore varata dal Consiglio comunale di Arbedo-Castione per poter accogliere il previsto edificio uscito dalla penna dalla comunità di lavoro ‘Edy Quaglia PeR architetti’. Scelto nel 2015 da un'apposita giuria al termine di un concorso di architettura a due fasi, il progetto da 24 milioni di franchi intitolato ‘Se ci fosse la luna si potrebbe cantare’ prevede l'ampliamento e sopraelevazione delle attuali Medie portandole a una lunghezza complessiva di 200 metri e a un'altezza di 12 e mezzo, il tutto includendo quattro sezioni di scuola dell'infanzia e una mensa. Una 'stecca' che sin dalla sua presentazione ha suscitato perplessità nel vicinato, specie fra gli abitanti situati a ridosso, nella porzione a nord sul confine con Lumino. Tuttavia – ricordiamo – sia la giuria, sia il Consiglio di Stato in risposta a una prima interrogazione parlamentare, già nel 2018 indicavano “la necessità, nell’ottica di un opportuno affinamento del progetto, di sviluppare il tema del volume unitario, che con un’articolazione più attenta dei contenuti potrebbe garantire una proposta volumetrica e urbanistica più equilibrata rispetto al contesto circostante”. Va anche ricordato, tuttavia, che per una lunghezza di 85 metri, sui 172 complessivi previsti, escludendo dunque il tratto rappresentato dalle attuali Scuole medie che verranno inglobate nel nuovo edificio, questo vedrà l’intero pianterreno sgombro per un’altezza di 3 metri e 80.

© Regiopress, All rights reserved