BENCIC B. (SUI)
0
ANISIMOVA A. (USA)
1
2 set
(2-6 : 4-5)
il-ppd-di-lumino-chiede-chiarezza-sulle-scuole-di-castione
La loro sede potrebbe allontanarsi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Media, i comunisti chiedono di monitorare il pluralismo

Una mozione chiede di effettuare un’analisi annuale delle testate pubbliche e private per vedere se danno voce a tutti. Intervista a Massimiliano Ay
Ticino
3 ore

Meteo, in corso uno degli inverni più caldi

Temperature record in montagna. Luca Nisi di MeteoSvizzera: ‘È la frequenza del fenomeno a essere sintomo del cambiamento climatico’
Luganese
3 ore

Circo Knie: fra ‘Cenerigraben’ e futuro incerto in Ticino

Dove andrà il tendone nazionale? Da Trevano a Breganzona, alcune ipotesi sul tavolo. E mentre la famiglia rassicura, si mormora di un addio al cantone
Locarnese
3 ore

In estate più alto il livello del Lago Maggiore

Ma le manovre, volute per evitare le ripercussioni di un’eventuale siccità a valle della Miorina, sono criticate dalle località rivierasche
Ticino
10 ore

L’accusa: ‘Erano mossi da intenti egoistici e avidità di denaro’

Caso Fec-Hottinger, chiesti quattro anni di reclusione per Rocco Zullino e due anni e nove mesi per Alfonso Mattei. Venti mesi per Tartaglia
Ticino
11 ore

‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’

Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi
Bellinzonese
11 ore

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore
Luganese
13 ore

Presunto stupro di gruppo, in tre a processo

Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Locarnese
13 ore

Lungolago di Muralto, stop alla progettazione ‘totale’

Ritirato il messaggio per moderazione del traffico e riassetto urbano perché due dei tre comparti sono “troppo” legati alle incertezze in stazione
Ticino
13 ore

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
Luganese
13 ore

Campione, ricorso al Tar contro il taglio della sanità ticinese

La delibera del Consiglio regionale della Lombardia è in vigore dal 15 dicembre. Un’avvocata chiede l’intervento del Tribunale amministrativo regionale
19.12.2020 - 06:000

Il Ppd di Lumino chiede chiarezza sulle scuole di Castione

Due nuove varianti per il comparto scolastico preoccupano Enea Monticelli: una prevede la demolizione della sede, l'altra una riduzione della capacità.

«Siamo preoccupati e chiediamo innanzitutto chiarezza» in merito ai progetti sul tavolo per quanto riguarda il comparto scolastico di Castione. Enea Monticelli, consigliere comunale di Lumino, è infatti preoccupato per il futuro degli allievi di Scuola media del suo Comune, in seguito ai progetti alternativi emersi recentemente durante la seduta di Consiglio comunale di Arbedo-Castione, che prevedono o la demolizione della sede o la diminuzione della capacità. 

Attualmente a Castione sarebbe previsto un potenziamento del comparto scolastico (ampliamento delle medie e inserimento nell'edificio della Scuola per l'infanzia). Tuttavia, questo progetto è attualmente congelato a causa di opposizioni e ricorsi. Il Municipio di Arbedo-Castione, rispondendo a un’interpellanza del gruppo Ppd, ha così indicato che il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) starebbe elaborando altre due varianti che interesserebbero gli studenti di questa regione. Una variante prevederebbe la costruzione di “una nuova struttura scolastica per 500 allievi” situata “tra Bellinzona e il quartiere di Claro”, si legge in un’interrogazione presentata ieri da Monticelli a nome del Gruppo Ppd, insieme al collega Damiano Della Bruna. In questo caso, “una volta costruito il nuovo edificio, quello di Castione verrebbe definitivamente demolito”. Insomma, con questa variante gli allievi di Lumino, ma anche quelli di Arbedo Castione, dovrebbero recarsi presso una sede più lontana rispetto a quella attuale. E ciò non sarebbe ammissibile secondo la Sezione Ppd di Lumino

Una terza opzione prevederebbe invece “il risanamento delle strutture già presenti” e la “ricostruzione di un nuovo blocco sportivo (doppia palestra)”. Tuttavia, questa variante permetterebbe di accogliere solo “350 allievi” e comporterebbe quindi una riduzione della capacità. «Il problema è che già la struttura attuale è sottodimensionata», sottolinea a ‘laRegione’ Monticelli. In questo caso si andrebbe dunque a peggiorare la situazione, obbligando gli studenti “non ospitabili a Castione” a recarsi presso “altre sedi di Scuola edia (Bellinzona e/o Lodrino)”. In entrambi i casi si tratterebbe quindi di «una penalizzazione» per gli allievi dei Comuni di Lumino e di Arbedo-Castione oltre che della regione.

Apprensione anche ad Arbedo-Castione

E infatti, questa situazione genera apprensione anche ad Arbedo-Castione: «Non sappiamo a che punto sono queste varianti, ma già il fatto che ci siano, ci preoccupa», afferma da noi contatta la capogruppo Ppd Lorenza Soncini. «Noi vorremmo che la Scuola media di Castione continui a esistere e che possa continuare a ospitare gli allievi del nostro comune». Con le eventuali opzioni messe sul tavolo, il rischio sarebbe dunque quello che pure gli studenti di Arbedo-Castione debbano in futuro recarsi in un'altra sede di Scuola media.

L'obiettivo dell’interrogazione presentata a Lumino è innanzitutto quello di fare chiarezza: «Anche il Municipio del nostro comune dovrebbe essere a conoscenza di queste varianti», rileva Monticelli. Nell’atto parlamentare si chiede dunque all’esecutivo se “è al corrente degli scenari” citati. E, in caso contrario, “se intende prendere contatto con il Municipio di Arbedo-Castione al fine di comprendere meglio la situazione”. In secondo luogo si chiede all’esecutivo di prendere contatto con il Decs “al fine di essere debitamente informato”, facendo “nel contempo presente la ferma contrarietà a qualsiasi soluzione che possa comportare l’iscrizione ad una sede di scuola media diversa da quella di Castione”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved