frana-di-gudo-c-e-ancora-una-parte-instabile
Dopo il crollo di 800 metri cubi, avvenuto il 5 dicembre, c'è un po' di apprensione fra chi abita nelle vicinanze (foto Regione)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Muralto, botte in stazione: commozione celebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è successo nel tardo pomeriggio di oggi: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
8 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
8 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
8 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
8 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
9 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
9 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
9 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
10 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
11 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
laR
 
31.12.2020 - 06:05

Frana di Gudo, c’è ancora una parte instabile

Altri 80 metri cubi di detriti e massi dovranno essere presto rimossi. Al via un esame geologico approfondito sull'intera parete

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il crollo di 800 metri cubi di detriti e massi verificatosi lo scorso 5 dicembre sulla collina di Gudo, in località Sasso Grande, potrebbe celare un’instabilità generale della grande formazione rocciosa all’origine del distacco? Per rispondere a questa domanda – che non pochi abitanti della zona abitata sottostante si stanno ponendo in queste settimane osservando dal basso la situazione – il Dicastero opere pubbliche e ambiente della Città di Bellinzona ha deciso l’esecuzione di un’approfondita analisi geologica con il duplice obiettivo di ottenere una radiografia della zona e indicare le possibili soluzioni atte a eliminare il problema. Le verifiche sin qui effettuate dalla Sezione forestale cantonale insieme al consulente di riferimento per la Città, Giorgio Valenti, già geologo cantonale prima del pensionamento, sono abbastanza tranquillizzanti e indicano che sono attualmente instabili un'ottantina di metri cubi di materiale. «I sensori posati – rileva il municipale Christian Paglia, responsabile del dossier per conto della Città – non indicano al momento movimenti che facciano pensare a ulteriori e imminenti cedimenti, ciò che ci fa ben sperare».

Una casa rimane tutt’oggi inagibile

Considerati la situazione generale (crollo molto recente) e il clima invernale (prima nevicata seguita da una seconda) si è finora potuto effettuare un sopralluogo soltanto con l’ausilio di un drone. Risposte più precise arriveranno nel corso delle prossime settimane quando, neve permettendo, gli specialisti potranno accedere direttamente alla parete, calandosi con delle funi per verificare di prima persona come stanno le cose. Intanto – aggiunge Paglia – s'intende procedere con la rimozione degli 80 metri cubi instabili, di cui una parte situata nelle vicinanze dell’unica abitazione che risulta tuttora inagibile, tanto che gli occupanti da quasi quattro settimane sono alloggiati da conoscenti. Così facendo una prima porzione di sicurezza dovrebbe venire garantita, annota il municipale. Il dicastero cittadino ha nel frattempo preso contatto con lo studio Geo Alps Consulting cui è stato chiesto di presentare un’offerta per l’accompagnamento specialistico della ‘demolizione controllata’. Pure da chiarire, in questo ambito, l’aspetto assicurativo visti i vari attori coinvolto fra privati, Comune e Cantone. Allo studio di Morbio Inferiore è anche stato chiesto di effettuare un’analisi geologica più ampia, i cui esiti s’inseriranno nel grande ‘cantiere’ cantonale per la definizione delle zone di pericolo. In questo ambito verrà poi deciso se dopo la rimozione controllata degli ultimi 80 metri cubi bisognerà prevedere altre misure di sicurezza atte a scongiurare eventi più importanti, ad esempio tramite la posa di reti paramassi.

‘Quadro parzialmente critico’

La sera del 5 dicembre, ricordiamo, diversi massi di 5-10 metri cubi ciascuno hanno invaso alcuni giardini privati e la strada comunale comportando l’inagibilità della stessa e l’inabitabilità di due case; attualmente solo una delle due, quella situata proprio nelle immediate vicinanze della rotta della frana, è ritenuta inagibile. Fra le possibili cause, viene indicato il cedimento di alcuni alberi piegatisi sotto il peso della neve molto bagnata caduta in una manciata d’ore a inizio dicembre. Ma non è escluso che il problema possa avere origini più ‘profonde’. Tuttavia secondo Christian Paglia la situazione «non è allarmante. Ma è comunque parzialmente critica».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
frana gudo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved