la-spab-lancia-l-allarme-siamo-vicini-al-limite
Emanuele Besomi (a destra) e un volontario al lavoro nella struttura di Gnosca
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 min

In Ticino un altro decesso per Covid, 12 classi in quarantena

Si registra un altro ingresso in cure intense, dove attualmente si trovano 8 persone su un totale di 72 ricoverati, fra cui un ospite di casa anziani
Locarnese
28 min

Alberto Akai lascia la presidenza Ppd e il Consiglio comunale

Il già candidato al Municipio di Locarno motiva la decisione con ragioni personali e familiari
Ticino
1 ora

Prevena 2021: per un Natale più sicuro

Le forze di polizia anche quest’anno garantiscono alla popolazione una presenza capillare su tutto il territorio nei luoghi di grande affluenza
Luganese
4 ore

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Si arricchisce di un filone l’inchiesta sull’incendio intenzionale dello scorso febbraio. Dichiarata fallita intanto la società dei due negozi di vestiti.
Luganese
4 ore

Alloggi: alla ricerca di un nuovo e necessario equilibrio

A parlarci di ‘pubblica utilità’ è Monique Bosco-von Allmen, presidente della sezione della Svizzera italiana di Cooperative d’abitazione Svizzera
Bellinzonese
4 ore

Ore di attesa per un tampone e il rischio d’infettarsi

Gestione problematica dell’importante afflusso di persone che nel fine settimana si reca all’Ospedale San Giovanni di Bellinzona per farsi testare
Luganese
13 ore

A Manno è Mercatino di Natale benefico

Bancarelle, giochi e golosità nel nucleo del paese per l’intera giornata del prossimo 8 dicembre
Ticino
15 ore

‘BancaStato mantenga la propria struttura finanziaria’

Luce verde della commissione parlamentare ai conti 2020. L’istituto ‘ha avuto un ruolo fondamentale nell’attuazione di misure decise da Berna’
Bellinzonese
15 ore

Torna in scena il Teatro Tan di Biasca

Lo spettacolo ‘Io sono Nijinsky’ di e con Daniele Bernardi è previsto sabato 4 dicembre alle 20
Bellinzonese
15 ore

Una mozione per una lingua facile a livello comunale

Lo propongono alcuni consiglieri comunali di Bellinzona dell’Unità di sinistra
Luganese
15 ore

Origlio, divieto di pattinaggio sul laghetto

Il Municipio e il Patriziato rinnovano il provvedimento. Non esistono alternative alla prassi seguita negli ultimi anni
Ticino
15 ore

Restrizioni anti-Covid: ‘Conseguenza prevedibile’

Il Consiglio di Stato si pronuncerà domani sulle proposte messe in consultazione dalla Confederazione. Altri Cantoni hanno già preso provvedimenti
Mendrisiotto
15 ore

Vincent Van Gogh in un libro a LaFilanda a Mendrisio

Incontro con Renato Giovannoli, autore de ‘I vortici di Van Gogh’, per interrogarsi sull’artista olandese
Bellinzonese
15 ore

Fiocco azzurro alla ‘Regione’ di Bellinzona

Lunedì sera è nato Enea, per la gioia dei genitori Francesca e Fabio
Bellinzonese
 
02.01.2021 - 06:000
Aggiornamento : 10:38

La Spab lancia l'allarme: ‘Siamo vicini al limite’

Interventi in crescita ma volontari in calo. La Protezione animali di Bellinzona necessita di personale professionista. Besomi si rivolgerà al Governo

Un migliaio d'interventi all’anno, in quasi cento comuni ticinesi e un picchetto attivo 24 ore su 24. Sono queste, in estrema sintesi, le cifre che riassumono il grande impegno della Società protezione animali di Bellinzona (Spab) per il recupero di animali in ogni situazione e in qualsiasi momento. Nelle strutture della Società, nell’anno appena concluso sono stati ospitati, curati, collocati o rimessi in libertà oltre 1'500 animali tra domestici e selvatici. Dietro le cifre però si nascondono molti sacrifici e difficoltà, in particolare perché i membri delle squadre d'intervento sono tutti volontari, ma anche per il fatto che il raggio d’azione si è ampliato e, non da ultimo, il numero di cani in Ticino è triplicato negli ultimi vent’anni; oggi sono infatti circa 30mila quelli registrati all’anagrafe canina.

«Siamo vicini al punto di rottura», afferma con una certa preoccupazione Emanuele Besomi, presidente della Spab interpellato dalla ‘Regione’. Ad aggravare la situazione, spiega Besomi, vi è il fatto che da qualche mese la Società protezione animali Biasca e valli non è più in grado di garantire il picchetto attivo giorno e notte. «Se dobbiamo occuparci anche degli interventi nelle Tre Valli per noi il carico di lavoro aumenta in maniera eccessiva», osserva il presidente della Spab. Un impegno già di per sé abbastanza gravoso, soprattutto alla luce del fatto che il numero di volontari è in calo. Attualmente sono una decina quelli che si occupano degli interventi di recupero. Vi è poi un altro problema: molti volontari sono ormai sulla settantina, e se per ora garantiscono un importante apporto, non si sa per quanto potranno continuare a farlo. I giovani ci sono, riconosce Besomi, ma evidentemente hanno tutti un’attività professionale e non possono quindi garantire tutti i turni di picchetto (giorno, notte e nei festivi), ciò che è invece più facile per i volontari in pensione.

'Per una semi professionalizzazione manca la base legale'

La Spab, che già si occupa degli interventi anche nel Sottoceneri, è dunque sempre più sotto pressione. Per il presidente Besomi è necessario trovare delle soluzioni a livello cantonale. «La protezione animali di Bellinzona attualmente non ha le capacità per coprire tutto il Ticino. Il rischio è che quando la Spab non avrà più sufficienti volontari per operare anche nel luganese e nel mendrisiotto, dovrà per forza di cose rinunciare agli interventi in quei distretti», spiega Besomi. Da qui l’idea di prevedere una semi professionalizzazione del volontariato delle persone che si occupano di recuperare, curare e ricollocare gli animali. Un’esigenza peraltro sollevata già più volte in passato dal presidente della Spab, anche in occasione nell’ultima assemblea generale della società tenutasi nelle scorse settimane. Cinque anni fa Besomi si era pure rivolto al Consiglio di Stato «ma allora come oggi mancavano le basi legali per poter intraprendere il cammino della semi professionalizzazione dei volontari», spiega. A tal proposito Besomi lancia un appello al veterinario cantonale e alla politica, affinché venga istituito un Gruppo di lavoro che possa proporre delle modifiche da apportare alla Legge cantonale sulla protezione degli animali. In modo da rendere possibile il finanziamento di un gruppo di associazioni che possa garantire interventi professionali e immediati di soccorso degli animali sul territorio. 

Una tassa a favore di tutti gli animali

Tra le modifiche da apportare, spiega Besomi, è necessario che la tassa sui cani vada a favore di tutti gli animali, in modo che questa possa coprire anche i costi legati al soccorso degli altri animali, ciò che attualmente la legge non prevede. «Bisogna anche trovare il modo per far sì che tutti i possessori di animali contribuiscano finanziariamente e non solo chi ha un cane», evidenzia. In che maniera concretamente? Per il presidente della Spab è proprio questo il nocciolo della questione. Una questione che per Besomi andrebbe discussa con un Gruppo di lavoro capitanato dal veterinario cantonale e composto dagli attori attivi sul campo, che possa giungere a una soluzione da proporre al parlamento per una modifica della legge. Nel corso dei prossimi mesi la Spab solleciterà ancora il Governo riguardo alla difficoltà di garantire interventi di soccorso animali in tutto il cantone, pur consapevole che non sarà tra le priorità in questo momento di emergenza sanitaria. «Le autorità politiche cantonali e comunali hanno sempre lodato e riconosciuto l’importanza della nostra associazione, sia per competenza tecnica, che per le strutture e i mezzi di intervento di cui è dotata. Come anche la buona collaborazione con gli organi ufficiali di intervento, la polizia, i pompieri e l’ambulanza. Però adesso che suoniamo l’allarme dobbiamo essere ascoltati perché ci stiamo avvicinando al limite», conclude Besomi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved