ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
2 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
2 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
2 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
3 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
3 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
3 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
Bellinzonese
4 ore

Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia

La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Ticino
4 ore

‘Quel silenzio verso chi pedala’, Pro Velo sprona i candidati

L’associazione che difende i diritti dei ciclisti lamenta il fatto che nella campagna elettorale in corso sia assente il tema della mobilità lenta
Bellinzonese
4 ore

A Castione tre giorni di festa con il Carnevaa di Sciatt

55esima edizione da giovedì 16 a sabato 18 febbraio. Novità di quest’anno la cena offerta del sabato a base di polenta e formaggio o mortadella
Ticino
5 ore

Torna in aprile l’appuntamento con slowUp Ticino

Come di consueto lungo il percorso chiuso al traffico tra Locarno e Bellinzona ci si potrà muovere con mezzi non motorizzati godendosi natura e animazioni
Luganese
5 ore

Sorpresa per i 18enni di Bissone: Norman Gobbi in visita

Il consigliere di Stato ha partecipato alla tradizionale cerimonia di accoglienza dei neomaggiorenni svoltasi il 29 gennaio
Locarnese
5 ore

La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni

Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
5 ore

Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’

Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
laR
 
02.01.2021 - 06:00
Aggiornamento: 10:38

La Spab lancia l'allarme: ‘Siamo vicini al limite’

Interventi in crescita ma volontari in calo. La Protezione animali di Bellinzona necessita di personale professionista. Besomi si rivolgerà al Governo

la-spab-lancia-l-allarme-siamo-vicini-al-limite
Emanuele Besomi (a destra) e un volontario al lavoro nella struttura di Gnosca

Un migliaio d'interventi all’anno, in quasi cento comuni ticinesi e un picchetto attivo 24 ore su 24. Sono queste, in estrema sintesi, le cifre che riassumono il grande impegno della Società protezione animali di Bellinzona (Spab) per il recupero di animali in ogni situazione e in qualsiasi momento. Nelle strutture della Società, nell’anno appena concluso sono stati ospitati, curati, collocati o rimessi in libertà oltre 1'500 animali tra domestici e selvatici. Dietro le cifre però si nascondono molti sacrifici e difficoltà, in particolare perché i membri delle squadre d'intervento sono tutti volontari, ma anche per il fatto che il raggio d’azione si è ampliato e, non da ultimo, il numero di cani in Ticino è triplicato negli ultimi vent’anni; oggi sono infatti circa 30mila quelli registrati all’anagrafe canina.

«Siamo vicini al punto di rottura», afferma con una certa preoccupazione Emanuele Besomi, presidente della Spab interpellato dalla ‘Regione’. Ad aggravare la situazione, spiega Besomi, vi è il fatto che da qualche mese la Società protezione animali Biasca e valli non è più in grado di garantire il picchetto attivo giorno e notte. «Se dobbiamo occuparci anche degli interventi nelle Tre Valli per noi il carico di lavoro aumenta in maniera eccessiva», osserva il presidente della Spab. Un impegno già di per sé abbastanza gravoso, soprattutto alla luce del fatto che il numero di volontari è in calo. Attualmente sono una decina quelli che si occupano degli interventi di recupero. Vi è poi un altro problema: molti volontari sono ormai sulla settantina, e se per ora garantiscono un importante apporto, non si sa per quanto potranno continuare a farlo. I giovani ci sono, riconosce Besomi, ma evidentemente hanno tutti un’attività professionale e non possono quindi garantire tutti i turni di picchetto (giorno, notte e nei festivi), ciò che è invece più facile per i volontari in pensione.

'Per una semi professionalizzazione manca la base legale'

La Spab, che già si occupa degli interventi anche nel Sottoceneri, è dunque sempre più sotto pressione. Per il presidente Besomi è necessario trovare delle soluzioni a livello cantonale. «La protezione animali di Bellinzona attualmente non ha le capacità per coprire tutto il Ticino. Il rischio è che quando la Spab non avrà più sufficienti volontari per operare anche nel luganese e nel mendrisiotto, dovrà per forza di cose rinunciare agli interventi in quei distretti», spiega Besomi. Da qui l’idea di prevedere una semi professionalizzazione del volontariato delle persone che si occupano di recuperare, curare e ricollocare gli animali. Un’esigenza peraltro sollevata già più volte in passato dal presidente della Spab, anche in occasione nell’ultima assemblea generale della società tenutasi nelle scorse settimane. Cinque anni fa Besomi si era pure rivolto al Consiglio di Stato «ma allora come oggi mancavano le basi legali per poter intraprendere il cammino della semi professionalizzazione dei volontari», spiega. A tal proposito Besomi lancia un appello al veterinario cantonale e alla politica, affinché venga istituito un Gruppo di lavoro che possa proporre delle modifiche da apportare alla Legge cantonale sulla protezione degli animali. In modo da rendere possibile il finanziamento di un gruppo di associazioni che possa garantire interventi professionali e immediati di soccorso degli animali sul territorio. 

Una tassa a favore di tutti gli animali

Tra le modifiche da apportare, spiega Besomi, è necessario che la tassa sui cani vada a favore di tutti gli animali, in modo che questa possa coprire anche i costi legati al soccorso degli altri animali, ciò che attualmente la legge non prevede. «Bisogna anche trovare il modo per far sì che tutti i possessori di animali contribuiscano finanziariamente e non solo chi ha un cane», evidenzia. In che maniera concretamente? Per il presidente della Spab è proprio questo il nocciolo della questione. Una questione che per Besomi andrebbe discussa con un Gruppo di lavoro capitanato dal veterinario cantonale e composto dagli attori attivi sul campo, che possa giungere a una soluzione da proporre al parlamento per una modifica della legge. Nel corso dei prossimi mesi la Spab solleciterà ancora il Governo riguardo alla difficoltà di garantire interventi di soccorso animali in tutto il cantone, pur consapevole che non sarà tra le priorità in questo momento di emergenza sanitaria. «Le autorità politiche cantonali e comunali hanno sempre lodato e riconosciuto l’importanza della nostra associazione, sia per competenza tecnica, che per le strutture e i mezzi di intervento di cui è dotata. Come anche la buona collaborazione con gli organi ufficiali di intervento, la polizia, i pompieri e l’ambulanza. Però adesso che suoniamo l’allarme dobbiamo essere ascoltati perché ci stiamo avvicinando al limite», conclude Besomi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved