ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
2 ore

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
3 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
4 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
4 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
4 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
4 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
5 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
5 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
6 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
6 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Locarnese
6 ore

Museo e atelier Remo Rossi, è ‘BIANCA’ l’idea vincente

Lo studio Buzzi Architetti ha vinto il concorso a inviti per la progettazione di complesso e spazio espositivo dedicati allo scultore morto 40 anni fa
Bellinzonese
6 ore

‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’

Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
14.12.2020 - 10:11
Aggiornamento: 16:27

Eritrea morta, da oggi il marito alla sbarra

È comparso in aula questa mattina il 39enne accusato di aver buttato la moglie dal balcone di una palazzina di via San Gottardo a Bellinzona

eritrea-morta-da-oggi-il-marito-alla-sbarra
La ricostruzione della tragedia del 3 luglio 2017 (Ti-Press)

Quanto accaduto a Bellinzona la sera del 3 luglio 2017 aveva gelato la calda estate ticinese: una donna di 24 anni muore sull’asfalto del piazzale di una palazzina di via San Gottardo dopo essere precipitata per 20 metri dal terrazzo dell’appartamento situato al quinto piano. A più di tre anni da quella tragica sera, è comparso in aula questa mattina il marito 39enne accusato di assassinio consumato e tentato, in via subordinata omicidio intenzionale consumato e tentato, o in via ancora più subordinata lesioni semplici, esposizione a pericolo della vita altrui, minaccia e coazione. Alla Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Marco Villa il compito di stabilire se la moglie sia stata spinta dal marito oppure se abbia compiuto il gesto estremo. Il 38enne si è sempre professato innocente: nega di averla buttata dal balcone, sostenendo che sia stata lei a gettarsi e chi lui abbia tentato di dissuaderla e poi di trattenerla afferrandola per un braccio quando si trovava a cavalcioni sul davanzale. Questa la tesi difensiva, mai modificata. 

Il 38enne, che vanta una carriera militare nel suo paese d’origine, avendo ottenuto lo statuto di rifugiato politico si trovava in Ticino da tempo con permesso di dimora B. La moglie e i loro due figlioletti avevano quindi potuto raggiungerlo a Bellinzona nel 2014 grazie alla procedura di ricongiungimento familiare da lui avviata. Ma qualcosa a un certo punto si è rotto. Da tre mesi le liti fra i due erano frequenti. Scatenate, come emerso nel corso dell’inchiesta, dalla gelosia del 38enne sospettando che lei avesse una relazione extraconiugale. Anche la sera del decesso la discussione scoppiata fra i due riguardava quel tema.

'Movente perverso nato da una convinzione errata'

Secondo l’atto d’accusa stilato dal procuratore pubblico Moreno Capella, la sera del decesso sarebbe avvenuto l'ennesimo litigio in merito alla questione dell’esistenza di una relazione sentimentale e sessuale della moglie con un altro uomo. Durante la discussione, dopo aver ricevuto per l’ennesima volta una risposta negativa sul presunto tradimento, l’uomo avrebbe perso la testa, iniziando a colpirla con sberle e schiaffi al viso. L’avrebbe poi afferrata al collo, tanto forte da provocarle la rottura dell’osso ioide, continuando a minacciarla, brandendo anche un coltello, al fine di estorcerle la confessione. L'ha poi seguita sul balcone dove l'ha spinta oltre il parapetto. La Corte dovrà chiarire se la moglie si trovasse già a cavalcioni sul parapetto del balcone. Per il pp Capella, l'uomo ha agito "con particolare assenza di scrupoli, segnatamente con scopo e movente particolarmente perversi", considerando anche la convinzione "errata" dell'esistenza di una relazione sentimentale.

I tre passi del procuratore

Tre, dall’estate 2019 a oggi, i passi intrapresi dal pp: come richiesto dal Tribunale penale ha precisato movente e scopo che sorreggono l’imputazione principale dell'assassinio (la gelosia e lo scatto d’ira, sebbene non vi siano elementi che provino il tradimento avendolo la vittima sempre negato). Secondo, ha ottenuto dall’Istituto di medicina legale dell’Università di Berna, cui aveva ordinato la ricostruzione della traiettoria del corpo in aria, il completamento di alcune parti della perizia le cui conclusioni ritengono verosimile la tesi dell’uccisione. A questo riguardo i giudici chiedevano ai periti bernesi di dire se la vittima sia stata sollevata, buttata e/o lanciata, ma nel complemento viene evidenziata l’assenza di elementi sufficienti a rispondere positivamente alle domande; troppe le variabili in gioco, fra cui anche il risultato sempre differente dei quattro lanci simulati con un manichino, che in un’unica occasione ha impattato nel punto presumibile del decesso.

La perizia volontaria: tesi a confronto

Infine, terzo punto, la perizia di parte che l’avvocato difensore Manuela Fertile ha chiesto nei mesi scorsi all’Istituto di scienze forensi di Milano (perizia voluta e finanziata, tramite una colletta, dai familiari dell’imputato e da parte della comunità eritrea presente in Ticino): gli esperti lombardi ritengono che il punto d’impatto al suolo in posizione prona, comparato a quello di distacco dal terrazzo, nonché i segni e le ferite riscontrati su alcune parti della salma, inducono a ritenere che la vittima si sia lanciata spontaneamente; perciò la versione del marito è ritenuta credibile. Letta questa perizia, gli esperti bernesi non si sono scostati dalle loro conclusioni ritenendo poco verosimile l’ipotesi del suicidio. L’intero scambio di opinioni sull’asse Milano-Berna, insieme al nuovo atto d’accusa completato, si trova ora in tribunale. Si attende l’aggiornamento del processo, fortemente indiziario.



Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved