laRegione
nuovi-orari-a-scuola-stessa-folla-su-bus-e-treni
Alla Scuola cantonale di Commercio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, ‘in Municipio ci sono troppe persone da ufficio’

Dopo 9 anni in Consiglio comunale, Carlo Coen (Plr) lascia la politica cittadina, non senza togliersi qualche sassolino dalle scarpe
Bellinzonese
4 ore

Commissioni di quartiere: Riviera e Bellinzona valutano

A nord in nessuno degli ex quattro Comuni si è sentita l'esigenza. Nella capitale in 9 casi su 13 la popolazione si è attivata istituendo le associazioni
Ticino
4 ore

Studenti bernesi per un anno liceali in Ticino

Per promuovere maggiormente l'italiano nel cantone svizzero tedesco
pandemia e lockdown
5 ore

Casi di rigore, così si aiuteranno le aziende colpite

Dopo le modifiche decise da Berna, il Dipartimento finanze ed economia illustra alla commissione parlamentare della Gestione le modalità di sostegno
Luganese
6 ore

Capriasca, il Ps giovedì presenta i candidati

Convocata l'assemblea in modalità online
Ticino
7 ore

Il Pc chiede un computer per ogni allievo delle Medie

La mozione di Ay e Ferrari spinge affinché venga combattuto il 'digital divide' acuito dalla recente pandemia
Luganese
7 ore

Videogiochi, a Lugano tre giorni di Global Game Jam

L'evento mondiale fa tappa nella città sul Ceresio in formato totalmente digitale
Luganese
7 ore

Lugano, travagliato l'esame del polo sportivo

Il Municipio dice no alla ricevibilità della mozione Plr, mentre le commissioni della Gestione e dell'Edilizia affrontano l'intricato messaggio
Ticino
7 ore

L'Udc: 'Le scuole sono pronte all'insegnamento ibrido?'

Con un'interrogazione si chiede al governo perché a fronte dei problemi della scuola in presenza e a distanza non sia implementato il secondo scenario
Ticino
7 ore

Agli sportelli del Dipartimento istituzioni solo su appuntamento

La decisione sarà in vigore da domani fino al 5 febbraio, e riguarda anche l'Ufficio dello stato civile
Luganese
7 ore

Massagno approva i Conti 2020 e accoglie 3 nuovi consiglieri

Luce verde dal Consiglio comunale al Preventivo e relativo moltiplicatore al 77%. Entrano in carica Maria D'Amelio, Karen Mangili ed Emilio Corti
Locarnese
7 ore

Locarno, spettacoli annullati al Teatro Paravento

La speranza è di poterli riproporre nel corso dell'anno
Ticino
7 ore

'Strade sicure subito', passi avanti a Berna

La Commissione trasporti del Nazionale dà il via libera all'iniziativa cantonale ticinese di Storni (Ps). Approderà in aula nella sessione di giugno
Mendrisiotto
8 ore

Morbio Inferiore apre gli sportelli su appuntamento

La misura è stata presa a tutela della salute di cittadini e dipendenti comunali. Il Comune sarà raggiungibile via telefono e posta
Locarnese
8 ore

L'annuario del Papio di Ascona si rifà il look

Pronta la più recente edizione del ‘Virtutis Palaestra’, con foto a colori e il racconto di un anno intero al collegio
Bellinzonese
8 ore

Comunali, ratifica delle liste online per il Plr Riviera

Il 29 gennaio la sezione si riunirà in assemblea sulla piattaforma Zoom. All'ordine del giorno la ratifica dei candidati per Municipio e Consiglio comunale
Bellinzonese
9 ore

A Bellinzona ora anche i negozi chiusi fanno ‘take away’

La Società dei commercianti lancia l'iniziativa 'Click & Collect': i clienti possono ritirare mercoledì e sabato la merce ordinata
Bellinzonese
27.11.2020 - 05:550

Nuovi orari a scuola, stessa folla su bus e treni

Allievi di Liceo e Commercio di Bellinzona ritengono il cambiamento inutile e svantaggioso. E scatta un sondaggio

I nuovi orari decisi dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) e introdotti a inizio settimana nelle scuole medie superiori ticinesi suscitano malumore tra gli allievi. Per dirla con le parole di una studentessa della Scuola cantonale di commercio (Scc) di Bellinzona “il sistema adottato non sembra essere efficace come promesso. I treni continuano a essere affollati, le distanze impossibili da garantire. Il problema è stato rinviato di un’ora”. È quanto scrive in una presa di posizione inviata ai media Ivana Pisic, responsabile del Comitato studentesco della Scc, dopo essersi confrontata con i suoi compagni sulla nuova tabella oraria che posticipa l’inizio delle lezioni allo scopo di sgravare i trasporti pubblici nelle ore di punta e diminuire così il rischio di contagio da Covid-19. “L’unica differenza visibile con lo slittamento degli orari di un’ora è il passaggio da folle di studenti a folle di studenti e lavoratori nelle ore di punta serali. Si avvicinano perciò adulti, spesso categoria più a rischio, e ragazzi, il gruppo quotidianamente più esposto al virus. Come se non bastasse, l’inefficacia dei trasporti pubblici impedisce a molti degli studenti di prendere treni o autobus diversi rispetto all’orario precedente. Per questo motivo gli allievi sono tenuti a presentarsi fino a un’ora prima dell’inizio delle lezioni. Chiaramente l’attesa avviene all’interno dello stabile scolastico e gli assembramenti sono così inevitabili”, fa notare l’allieva. Stando a nostre verifiche ciò succede in particolare per chi arriva dalle zone periferiche. Gli allievi dalla Valle di Blenio partono ad esempio con il bus mezz'ora dopo il solito e si ritrovano a Bellinzona alle 8.20, tre quarti d'ora prima del suono della campanella. Al pomeriggio finire e tornare a casa dopo, erode peraltro il tempo serale a disposizione per lo studio o per altre attività, che si tratti di una corsetta, di leggere un libro o trascorrere del tempo in famiglia, aggiunge Pisic.

Il Sisa ribadisce la necessità di aumentare le corse

Sulla stessa lunghezza d’onda è anche il Sindacato indipendente studenti e apprendisti (Sisa) che ieri tramite comunicato stampa e con tanto di striscioni affissi in più sedi ha ribadito la necessità di aggiungere delle corse supplementari nelle tratte più critiche, come peraltro suggerito dalla petizione che ha lanciato poco più di due settimane fa. La situazione sui trasporti pubblici non è migliorata in maniera significativa, scrivono. “Restano molte infatti le tratte che continuano ad essere affollate, soprattutto la sera”. Uno dei motivi, sottolinea il Sisa, è da ricercare nel fatto che nessun provvedimento è stato proposto per le scuole professionali. Il sindacato studentesco rende attenti anche su un altro aspetto: la riduzione delle pause causa un calo dell’attenzione durante le lezioni e il peggioramento della qualità dell’apprendimento. Il nuovo orario prevede infatti alcuni cambiamenti in tal senso: se al mattino la ricreazione è rimasta di 15 minuti, quella del pomeriggio è stata dimezzata (da 10 a 5 minuti); è stata inoltre annullata la pausa di 5 minuti fra una lezione e l’altra. Invariata per contro la pausa pranzo (45 minuti o 1,5 ore a dipendenza del piano di ciascuna classe).

La risposta del Decs: per evitare la scuola a distanza

Oltre al Sisa, anche nelle singole sedi sono in corso mobilitazioni. Al Liceo di Bellinzona una lettera firmata da una trentina di allievi che sollevano gli aspetti negativi generati dalla nuova griglia oraria ha ricevuto negli scorsi giorni una risposta firmata da Daniele Sartori, caposezione dell’Insegnamento medio superiore. A fronte dei chiarimenti chiesti dai giovani, Sartori spiega che la decisione è dettata dalla volontà di fare il possibile per evitare di passare all’insegnamento a classi dimezzate (scenario 2) o completamente a distanza (scenario 3). Il caposezione nega che gli orari fossero già variati tra i liceali bellinzonesi. O meglio, se ciò è vero per la fine delle lezioni (ripartita sulle ultime 3ore del pomeriggio), lo stesso non vale per l’inizio mattutino, le 8.20 per quasi la totalità delle classi. Sartori si appella alla collaborazione di tutti per evitare “a tutti i costi la chiusura della scuola in presenza” e aggiunge: “L’auspicio è naturalmente che questa misura sia solo transitoria e che si possa ritornare agli orari normali prima possibile”. L’argomento sarà nuovamente tematizzato in occasione di un incontro tra gli autori della lettera e la direzione del liceo cittadino, ci viene reso noto.

Un sondaggio per tastare il polso

Sempre al liceo, per riuscire ad avere una visione più completa di come gli allievi vivano il cambiamento d’orario, ieri il comitato studentesco ha lanciato un sondaggio interno promosso via social e via Whatsapp che sonda una serie di aspetti attraverso una decina di domande. Viene chiesto in particolare il grado di soddisfazione rispetto al nuovo orario, quanto erano affollati i mezzi pubblici prima del cambiamento, se la situazione a tal proposito sia cambiata (in meglio o in peggio), quanti minuti prima della lezione si arriva a scuola (da 5 fino a un’ora) e cos’è cambiato rispetto a prima in tal senso, quanto si debba aspettare i mezzi pubblici al pomeriggio dopo aver finito le lezioni, se a casa si riscontrino disagi e se ci si è trovati costretti a spostare o annullare attività extrascolastiche. Un punto, quest’ultimo, che effettivamente ha scombussolato in alcuni casi gli equilibri precedenti. Se è vero che una serie di attività sono state annullate, molte altre sono ancora in corso. Basti pensare alle lezioni di musica oppure agli allenamenti sportivi che non rientrano tra quelli non concessi in questo periodo dalle disposizioni cantonali in vigore almeno fino al 18 dicembre.

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved