ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
6 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
7 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
7 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
9 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
9 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
10 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
10 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
10 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
12 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
12 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
12 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
13 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
13 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
13 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
13 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
13 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
laR
 
27.11.2020 - 05:55

Nuovi orari a scuola, stessa folla su bus e treni

Allievi di Liceo e Commercio di Bellinzona ritengono il cambiamento inutile e svantaggioso. E scatta un sondaggio

di Samantha Ghisla
nuovi-orari-a-scuola-stessa-folla-su-bus-e-treni
Alla Scuola cantonale di Commercio

I nuovi orari decisi dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) e introdotti a inizio settimana nelle scuole medie superiori ticinesi suscitano malumore tra gli allievi. Per dirla con le parole di una studentessa della Scuola cantonale di commercio (Scc) di Bellinzona “il sistema adottato non sembra essere efficace come promesso. I treni continuano a essere affollati, le distanze impossibili da garantire. Il problema è stato rinviato di un’ora”. È quanto scrive in una presa di posizione inviata ai media Ivana Pisic, responsabile del Comitato studentesco della Scc, dopo essersi confrontata con i suoi compagni sulla nuova tabella oraria che posticipa l’inizio delle lezioni allo scopo di sgravare i trasporti pubblici nelle ore di punta e diminuire così il rischio di contagio da Covid-19. “L’unica differenza visibile con lo slittamento degli orari di un’ora è il passaggio da folle di studenti a folle di studenti e lavoratori nelle ore di punta serali. Si avvicinano perciò adulti, spesso categoria più a rischio, e ragazzi, il gruppo quotidianamente più esposto al virus. Come se non bastasse, l’inefficacia dei trasporti pubblici impedisce a molti degli studenti di prendere treni o autobus diversi rispetto all’orario precedente. Per questo motivo gli allievi sono tenuti a presentarsi fino a un’ora prima dell’inizio delle lezioni. Chiaramente l’attesa avviene all’interno dello stabile scolastico e gli assembramenti sono così inevitabili”, fa notare l’allieva. Stando a nostre verifiche ciò succede in particolare per chi arriva dalle zone periferiche. Gli allievi dalla Valle di Blenio partono ad esempio con il bus mezz'ora dopo il solito e si ritrovano a Bellinzona alle 8.20, tre quarti d'ora prima del suono della campanella. Al pomeriggio finire e tornare a casa dopo, erode peraltro il tempo serale a disposizione per lo studio o per altre attività, che si tratti di una corsetta, di leggere un libro o trascorrere del tempo in famiglia, aggiunge Pisic.

Il Sisa ribadisce la necessità di aumentare le corse

Sulla stessa lunghezza d’onda è anche il Sindacato indipendente studenti e apprendisti (Sisa) che ieri tramite comunicato stampa e con tanto di striscioni affissi in più sedi ha ribadito la necessità di aggiungere delle corse supplementari nelle tratte più critiche, come peraltro suggerito dalla petizione che ha lanciato poco più di due settimane fa. La situazione sui trasporti pubblici non è migliorata in maniera significativa, scrivono. “Restano molte infatti le tratte che continuano ad essere affollate, soprattutto la sera”. Uno dei motivi, sottolinea il Sisa, è da ricercare nel fatto che nessun provvedimento è stato proposto per le scuole professionali. Il sindacato studentesco rende attenti anche su un altro aspetto: la riduzione delle pause causa un calo dell’attenzione durante le lezioni e il peggioramento della qualità dell’apprendimento. Il nuovo orario prevede infatti alcuni cambiamenti in tal senso: se al mattino la ricreazione è rimasta di 15 minuti, quella del pomeriggio è stata dimezzata (da 10 a 5 minuti); è stata inoltre annullata la pausa di 5 minuti fra una lezione e l’altra. Invariata per contro la pausa pranzo (45 minuti o 1,5 ore a dipendenza del piano di ciascuna classe).

La risposta del Decs: per evitare la scuola a distanza

Oltre al Sisa, anche nelle singole sedi sono in corso mobilitazioni. Al Liceo di Bellinzona una lettera firmata da una trentina di allievi che sollevano gli aspetti negativi generati dalla nuova griglia oraria ha ricevuto negli scorsi giorni una risposta firmata da Daniele Sartori, caposezione dell’Insegnamento medio superiore. A fronte dei chiarimenti chiesti dai giovani, Sartori spiega che la decisione è dettata dalla volontà di fare il possibile per evitare di passare all’insegnamento a classi dimezzate (scenario 2) o completamente a distanza (scenario 3). Il caposezione nega che gli orari fossero già variati tra i liceali bellinzonesi. O meglio, se ciò è vero per la fine delle lezioni (ripartita sulle ultime 3ore del pomeriggio), lo stesso non vale per l’inizio mattutino, le 8.20 per quasi la totalità delle classi. Sartori si appella alla collaborazione di tutti per evitare “a tutti i costi la chiusura della scuola in presenza” e aggiunge: “L’auspicio è naturalmente che questa misura sia solo transitoria e che si possa ritornare agli orari normali prima possibile”. L’argomento sarà nuovamente tematizzato in occasione di un incontro tra gli autori della lettera e la direzione del liceo cittadino, ci viene reso noto.

Un sondaggio per tastare il polso

Sempre al liceo, per riuscire ad avere una visione più completa di come gli allievi vivano il cambiamento d’orario, ieri il comitato studentesco ha lanciato un sondaggio interno promosso via social e via Whatsapp che sonda una serie di aspetti attraverso una decina di domande. Viene chiesto in particolare il grado di soddisfazione rispetto al nuovo orario, quanto erano affollati i mezzi pubblici prima del cambiamento, se la situazione a tal proposito sia cambiata (in meglio o in peggio), quanti minuti prima della lezione si arriva a scuola (da 5 fino a un’ora) e cos’è cambiato rispetto a prima in tal senso, quanto si debba aspettare i mezzi pubblici al pomeriggio dopo aver finito le lezioni, se a casa si riscontrino disagi e se ci si è trovati costretti a spostare o annullare attività extrascolastiche. Un punto, quest’ultimo, che effettivamente ha scombussolato in alcuni casi gli equilibri precedenti. Se è vero che una serie di attività sono state annullate, molte altre sono ancora in corso. Basti pensare alle lezioni di musica oppure agli allenamenti sportivi che non rientrano tra quelli non concessi in questo periodo dalle disposizioni cantonali in vigore almeno fino al 18 dicembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved