castelli-di-bellinzona-da-vent-anni-perla-dell-unesco
26.11.2020 - 11:51
Aggiornamento: 17:34

Castelli di Bellinzona, da vent'anni perla dell'Unesco

Il 30 novembre del 2000 i manieri entravano a far parte del Patrimonio mondiale. Durante il prossimo weekend il traguardo sarà celebrato con accessi gratuiti

Il 30 novembre del 2000 i manieri ticinesi per eccellenza entravano a far parte del Patrimonio mondiale dell'Unesco. Un’operazione virtuosa di natura storico-culturale che prosegue ora con nuove idee, nuovi progetti volti alla loro valorizzazione per la Città di Bellinzona e per i visitatori, che nel 2020 sono stimati a 100mila. In quella riunione tenutasi a Cairns (Australia) vent'anni or sono, furono riconosciuti i tre castelli, la murata e la cinta muraria del borgo. “Il complesso fortificato di Bellinzona è il solo esempio ancora visibile in tutto l’arco alpino di architettura militare medievale": così motivava il riconoscimento il comitato del Patrimonio mondiale. "Costituisce un caso eccezionale - aggiungeva -, per le dimensioni della sua architettura adattata alla topografia e conformazione del territorio, tra le grandiose fortificazioni del XV. Secolo (...) essa rappresenta una testimonianza esemplare di struttura militare difensiva, intesa a controllare un valico alpino strategico".

Per celebrare i vent'anni di questo storico traguardo per l’intero processo di valorizzazione della Fortezza, la Città, il Cantone e l’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino avevano allestito un ricco programma di eventi e animazioni che purtroppo la situazione pandemica ha costretto ad annullare, con l’intenzione di riproporli appena la situazione lo consentirà. Per segnare comunque l’anniversario, durante il prossimo fine settimana (sabato 28 e domenica 29 novembre, dalle 10.30 alle 16) sarà possibile accedere gratuitamente alle seguenti offerte: museo e torri di Castelgrande; nuovo percorso espositivo Archeologia al Castello di Montebello e mostra "Leonardo da Vinci 3D" a Sasso Corbaro. Maggiori informazioni su www.incitta.ch o sulla pagina Facebook dei Castelli di Bellinzona.




Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved