laRegione
la-natura-fa-stare-bene-ma-a-piughei-ancora-di-piu
Le misurazioni di Marco Nieri (Paola Valchera)
+8
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 min

Con Bellinzona360 la vecchia carta coi timbri va in pensione

La tessera di legittimazione cartacea con foto verrà sostituita dal primo gennaio. In arrivo anche un account online 'e-cittadino'
Ticino
1 ora

Scoperto maxi traffico internazionale di canapa e hashish

Dal 2014 si sono messi in circolazione oltre 2mila chili di sostanze per 3 milioni di franchi. Cinque persone in manette
Mendrisiotto
1 ora

Riva San Vitale, dai volontari i buoni spesa per chi è in difficoltà

L'iniziativa è di un gruppo di privati cittadini: buoni spesa da utilizzare nei tre punti vendita del Comune
Ticino
1 ora

Altri 128 positivi al Covid-19 in 24 ore

In calo contagi e ricoveri, ma anche i dimessi. Dimezzati i decessi rispetto a domenica
Ticino
2 ore

Meno suolo occupato nel fondovalle del Ticino

Nella fotografia del Dipartimento del territorio la crescita è rallentata dalla politica del Piano direttore. Si riducono ancora terreni agricoli e verde
Locarnese
6 ore

Centovalli, dopo le incertezze, il ‘nuovo corso’

Il preventivo 2021 risentirà sicuramente del contraccolpo legato all'emergenza sanitaria. Ma il futuro passa, per le sue ricadute, dalle nuove funivie
Luganese
6 ore

Virus, prima ondata: 17 studenti di Lugano scrivono un libro

Dialoghi, prose e poesie prodotti dagli allievi della maturità professionale su iniziativa della docente, Georgia Fioroni
Ticino
6 ore

Il gesto del gioco d’azzardo nella quotidianità

Con il periodo delle festività i centri commerciali spesso propongono anche lotterie e gratta e vinci gratuiti per scopi pubblicitari
Mendrisiotto
15 ore

All'Obv è aperta la 'caccia' all'origine del contagio

Aumentati i casi di Covid fra pazienti e personale, la chiusura ai famigliari è una misura obbligata. Intanto, le strutture ospedaliere sentono la pressione
Bellinzonese
16 ore

Imprese responsabili, insuperabile lo scoglio dei cantoni

Iniziativa accolta dalla maggioranza del popolo, ma respinta da 14 cantoni e mezzo. Via libera al controprogetto. Keller-Sutter: varie questioni aperte.
Mendrisiotto
16 ore

A Balerna s'inventano la Rassegna da... asporto

I ragazzi della 'Sgüra Fest' e un gruppo di esercenti lanciano una iniziativa ispirata al Gallo
Bellinzonese
16 ore

Bellinzona, ‘provocatorio il comportamento dei manifestanti’

Il Municipio replica alle critiche riportate in un'interpellanza sul controllo di polizia effettuato il 27 ottobre davanti a una banca in centro città
Ticino
17 ore

I ticinesi sono stati i più stressati durante il lockdown

Un sondaggio sulle abitudini alimentari mostra pure che a Sud delle Alpi il 48% era preoccupato di non trovare alcuni alimenti nei supermercati
Bellinzonese
17 ore

Giubiasco, la Ca’ di gatt promuove le proprie attività

Bancarella dell'associazione
Bellinzonese
21.11.2020 - 06:000

La natura fa stare bene, ma a Piughei ancora di più

Il Parco del Castagno ha appena accolto nuove piante. E il benessere che generano si può anche misurare: ce ne parla l'esperto bioresearcher Marco Nieri

Il parco bioenergetico di Piughei che si sviluppa attorno a un castagno di oltre mille anni d’età prende sempre più forma e si rinnova. Gli ultimi interventi portati avanti dalla Fondazione Montegreco - che si occupa di valorizzare il patrimonio naturale e storico di questi territori situati sopra Malvaglia - riguardano la piantumazione di nuovi alberi avvenuta lo scorso fine settimana, e di altri che verranno posati proprio in questi giorni. Sul posto, oltre ai rappresentanti della Fondazione, era presente Marco Nieri, di professione ecodesigner e bioresearcher. Tra le sue attività vi è proprio la ricerca delle piante adatte da far crescere in determinati luoghi per generare benessere nelle persone. Ad esempio, nel caso di Piughei, Nieri è stato coinvolto innanzitutto per effettuare delle rilevazioni bioenergetiche. «In questo modo abbiamo individuato alcuni alberi che grazie alla loro tipologia e alla loro collocazione emettono dei campi elettromagnetici molto favorevoli all'organismo», spiega da noi raggiunto.

In arrivo Forest bathing e yoga

Sono così state selezionate alcune specie idonee da posizionare in punti precisi che permetteranno anche di valorizzare ulteriormente la zona dal punto di vista paesaggistico. «L’intento è di creare un ambiente favorevole alla salute ma anche ispirante, dove avere il piacere di fermarsi, dove riprendere contatto con il paesaggio. Spesso conduciamo infatti una vita ricca di stress e anche se siamo attorniati dalla natura e dalla bellezza, capita che non lo si riesca ad apprezzare», spiega il nostro interlocutore. L’idea del parco che è in fase di realizzazione è proprio questa: creare un luogo pensato per offrire questo tipo di esperienza, sia grazie alla bioenergetica applicata agli alberi di cui è possibile fruire grazie a una serie di percorsi in via di definizione, sia grazie alla possibilità di praticare attività come il Forest bathing e lo yoga (grazie a una piattaforma di prossima realizzazione), o altre proposte legate al benessere. «In questo modo si vuole proporre ai visitatori un luogo che abbia valenza salutistica, psicologicamente riequilibrante e stimolante. Ci sono varie ipotesi in campo per offrire maggiori spunti e motivazioni per attirare qui le persone, come ad esempio delle installazioni artistiche».

Alberi anche utili e belli da vedere 

Al di là delle misurazioni di Nieri, la scelta dei nuovi alberi piantumati è stata presa in accordo con Ficedula, l’associazione per lo studio e la conservazione degli uccelli della Svizzera italiana, ma anche per creare un ambiente gradevole alla vista. Come spiega il presidente della Fondazione Montegreco Eros Valchera, una parte degli alberi è stata individuata per la loro caratteristica di fiorire all’inizio della primavera, prima ancora di avere le foglie. Prevalentemente si è optato per piante da frutto come meli, ciliegi, prugni, e alcuni faggi e aceri, oltre a una serie di cespugli, come cornioli e prugni selvatici. Per permettere alle giovani piante di superare l’inverno senza essere rovinate dagli animali selvatici, sono state applicate delle apposite protezioni. Anche se i nuovi alberi (in totale una trentina) sono ancora molto piccoli, Nieri spiega che i benefici sono già presenti.

Campi elettromagnetici che influiscono sull'organismo

Le misurazioni vengono effettuate con uno strumento biofisico creato negli anni 50 da ingegneri e biologi tedeschi chiamato antenna Lecher polarizzata. «Si tratta di uno strumento estremamente preciso, che permette di misurare l’intensità dei campi elettromagnetici emessi dai vari organi umani, nonché la qualità della biosfera in qualunque luogo in cui ci troviamo». In questo modo, aggiunge, è possibile fare delle valutazioni precise su come un luogo possa agire differentemente sui nostri organi e capire come le energie emesse dagli alberi possano avere un’influenza sul nostro organismo.

Ma quali sono gli effetti sulla persona? «Se una pianta posizionata in certe condizioni emette campi elettromagnetici favorevoli all’organismo, allora già solo essere nelle sue vicinanze porterà dei benefici, senza la necessità di toccarla», spiega il ricercatore. Tra gli effetti più percettibili, uno dei più comuni è il senso di relax, aggiunge. «Quando hanno a disposizione un’energia favorevole i nostri organi rilasciano la tensione accumulata e di conseguenza si ha una sensazione di volersi abbandonare, addormentare, e passa anche il mal di testa causato dallo stress». La valorizzazione del territorio situato attorno al villaggio di Montegreco, aggiunge infine Nieri, passa proprio da questi obiettivi. «Scoprire il valore del nostro silenzio interiore, meditare, lasciarci andare e guardarci dentro: la natura ci dà una grande mano in tal senso». Per ultimare la realizzazione del parco prossimamente verrà anche lanciata tramite una piattaforma una raccolta pubblica di fondi.

Guarda tutte le 12 immagini
© Regiopress, All rights reserved