laRegione
antenne-a-bellinzona-chieste-norme-piu-restrittive
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
37 sec

Somministrazione di Moderna, selezionati gli studi medici

Gli ultimi passi compiuti dal Dipartimento sanità e socialità in collaborazione con l'Omct e i Comuni. Domani l'aggiornamento sulla campagna di vaccinazione
Ticino
2 ore

‘Ndrangheta, al maxi processo di Lamezia c’è pure Pulice

Killer giovanissimo, il collaboratore di giustizia ha trascorsi anche in Ticino dove avrebbe riciclato denaro per conto del clan Mancuso
Luganese
2 ore

Ponte Marca a Gola di lago, si ristruttura

Il Consorzio prevede lavori di manutenzione e un ristoro
Luganese
2 ore

Edilizia privata a Lugano, serve più personale

Ghisletta chiede alla Città di incrementare il personale, altrimenti si rischiano problemi di varia natura, come la disparità di trattamento
Grigioni
2 ore

Mesocco, 2020 positivo per la centralina Nan Ros

L'anno scorso l'impianto ha prodotto 1,4 milioni di kWh. Si tratta del 2,9% in più rispetto alla media decennale
Ticino
2 ore

I Verdi: ‘Test rapidi a tappeto nelle scuole’

Con un'interpellanza di Marco Noi gli ecologisti chiedono anche di inserire i docenti nella categoria prioritaria per il vaccino
Ticino
2 ore

Circolazione, Camorino aperta solo su appuntamento

La misura è legata all'emergenza coronavirus. Esami di guida e collaudi si svolgeranno regolarmente
Bellinzonese
2 ore

Covid-19, servizi comunali a domicilio

Arbedo-Castione, consegna della spesa, di farmaci urgenti e ritiro della spazzatura per persone in quarantena, in isolamento o vulnerabili
Mendrisiotto
3 ore

Delitto di via Valdani a Chiasso, in aula dal 15 marzo

Davanti alla Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Marco Villa compariranno padre e figlio per rispondere del delitto di Angelo Falconi
Bellinzonese
15.09.2020 - 16:580
Aggiornamento : 18:46

Antenne a Bellinzona, chieste norme più restrittive

Emendamento suggerisce il chiaro inserimento di divieti a salvaguardia della salute delle persone

Bene ma non benissimo. Con un emendamento i consiglieri comunali indipendenti Giulio Deraita e Luigi Calanca propongono di affinare il messaggio municipale, firmato a fine agosto, che chiede di estendere a tutti i quartieri di Bellinzona il cosiddetto ‘modello a cascata’ indicante modalità e condizioni di valutazione e accettazione/rifiuto nella posa di antenne per la telefonia mobile sul territorio cittadino. A loro avviso, il testo da inserire nelle Norme di applicazione del Piano regolatore (Napr) dovrà meglio proteggere la salute delle persone. Sulla base di otto diversi gradi di priorità, il ‘modello a cascata’ già introdotto in più località ticinesi (compresa la vecchia Bellinzona sin dal 2017) obbliga i gestori a limitare per quanto possibile i nuovi impianti nelle zone residenziali e con contenuti sensibili (in primis strutture per bambini e anziani oppure sanitarie); qualora intendano avvicinare le antenne a queste zone, dovranno dimostrare che non sono disponibili ubicazioni nelle zone con priorità più alta, e quindi meno sensibili. L'obiettivo – rimarca il messaggio municipale – è quello di “garantire il loro adeguato inserimento nel contesto territoriale, in particolare a salvaguardia del patrimonio naturale, culturale e del paesaggio”.

Trattare allo stesso modo quelle visibili e quelle no

E qui sta il punto. Secondo Deraita e Calanca occorre modificare il testo rendendolo più vincolante: “Il messaggio – attaccano – considera le antenne semplicemente quale elementi statici e passivi: preoccupandosi solo di quelle percepibili visivamente, tende a salvaguardare il solo impatto estetico delle stesse”. Un aspetto questo sicuramente importante, riconoscono i due consiglier evidenziando il lato ambientale ed economico del problema, dal momento che la presenza delle antenne può rendere le proprietà nei quartieri toccati meno attrattive sul mercato immobiliare (compravendita) e dell'alloggio (locazione), diminuendone il valore. Considerando però che le antenne sono state inserite nella legislazione federale con lo scopo di proteggere l’uomo dalle radiazioni non ionizzanti dannose o moleste, questo “legittima una riflessione sulla salute, oltre all'estetica”, aggiungendo anche gli aspetti psicologici legati a tali ‘presenze‘. L'emendamento chiede quindi di eliminare dalle Napr il principio della percezione visiva: se un’antenna c’è ma non si vede (magari perché posata in un luogo fuori dalla vista delle persone) sia dunque considerata al pari di quelle visibili. In particolare, al punto 8 suggerisce di “vietare la posa” nelle aree “delimitate dal raggio di 100 metri da locali, luoghi chiusi e aperti, anche nei quartieri o nei Comuni limitrofi, destinate al soggiorno di persone particolarmente sensibili (bambini, anziani, ammalati). Quale elenco non esaustivo – anche questa frase è un’aggiunta dei due consiglieri – citiamo gli istituti scolastici, palestre, centri sportivi comunali, parchi giochi, ospedali, case di cura e case per anziani”.

© Regiopress, All rights reserved