COL Avalanche
4
BOS Bruins
3
fine
(1-0 : 0-3 : 2-0 : 1-0)
antenne-a-bellinzona-chieste-norme-piu-restrittive
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
11 min

Società di Carona sequestrata dall’antimafia, attiva dal 2002

Socio e gerente con firma individuale, un 59enne residente a Campione d’Italia sospettato di legami con la ’ndrangheta
Mendrisiotto
14 min

Nella mappa stradale federale anche A2-A13 e terza corsia

Prostra promuove i due progetti ticinesi. Stralciata (e per sempre) la circonvallazione fra Stabio est e il Gaggiolo
Ticino
7 ore

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
7 ore

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
8 ore

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
8 ore

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
9 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
9 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
10 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
15.09.2020 - 16:580
Aggiornamento : 18:46

Antenne a Bellinzona, chieste norme più restrittive

Emendamento suggerisce il chiaro inserimento di divieti a salvaguardia della salute delle persone

a cura de laRegione

Bene ma non benissimo. Con un emendamento i consiglieri comunali indipendenti Giulio Deraita e Luigi Calanca propongono di affinare il messaggio municipale, firmato a fine agosto, che chiede di estendere a tutti i quartieri di Bellinzona il cosiddetto ‘modello a cascata’ indicante modalità e condizioni di valutazione e accettazione/rifiuto nella posa di antenne per la telefonia mobile sul territorio cittadino. A loro avviso, il testo da inserire nelle Norme di applicazione del Piano regolatore (Napr) dovrà meglio proteggere la salute delle persone. Sulla base di otto diversi gradi di priorità, il ‘modello a cascata’ già introdotto in più località ticinesi (compresa la vecchia Bellinzona sin dal 2017) obbliga i gestori a limitare per quanto possibile i nuovi impianti nelle zone residenziali e con contenuti sensibili (in primis strutture per bambini e anziani oppure sanitarie); qualora intendano avvicinare le antenne a queste zone, dovranno dimostrare che non sono disponibili ubicazioni nelle zone con priorità più alta, e quindi meno sensibili. L'obiettivo – rimarca il messaggio municipale – è quello di “garantire il loro adeguato inserimento nel contesto territoriale, in particolare a salvaguardia del patrimonio naturale, culturale e del paesaggio”.

Trattare allo stesso modo quelle visibili e quelle no

E qui sta il punto. Secondo Deraita e Calanca occorre modificare il testo rendendolo più vincolante: “Il messaggio – attaccano – considera le antenne semplicemente quale elementi statici e passivi: preoccupandosi solo di quelle percepibili visivamente, tende a salvaguardare il solo impatto estetico delle stesse”. Un aspetto questo sicuramente importante, riconoscono i due consiglier evidenziando il lato ambientale ed economico del problema, dal momento che la presenza delle antenne può rendere le proprietà nei quartieri toccati meno attrattive sul mercato immobiliare (compravendita) e dell'alloggio (locazione), diminuendone il valore. Considerando però che le antenne sono state inserite nella legislazione federale con lo scopo di proteggere l’uomo dalle radiazioni non ionizzanti dannose o moleste, questo “legittima una riflessione sulla salute, oltre all'estetica”, aggiungendo anche gli aspetti psicologici legati a tali ‘presenze‘. L'emendamento chiede quindi di eliminare dalle Napr il principio della percezione visiva: se un’antenna c’è ma non si vede (magari perché posata in un luogo fuori dalla vista delle persone) sia dunque considerata al pari di quelle visibili. In particolare, al punto 8 suggerisce di “vietare la posa” nelle aree “delimitate dal raggio di 100 metri da locali, luoghi chiusi e aperti, anche nei quartieri o nei Comuni limitrofi, destinate al soggiorno di persone particolarmente sensibili (bambini, anziani, ammalati). Quale elenco non esaustivo – anche questa frase è un’aggiunta dei due consiglieri – citiamo gli istituti scolastici, palestre, centri sportivi comunali, parchi giochi, ospedali, case di cura e case per anziani”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved