lupo-escursionisti-e-maremmani-il-problema-e-nel-manico
Il segretario agricolo cantonale Sem Genini (Ti-Press)
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
26 min

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
26 min

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
27 min

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
28 min

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
57 min

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
1 ora

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
2 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
2 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
2 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
3 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
3 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
3 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
3 ore

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
3 ore

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
laR
 
13.08.2020 - 05:50
Aggiornamento: 10:05

Lupo, escursionisti e maremmani: ‘Il problema è nel manico’

Il segretario agricolo cantonale interviene sull'allarme lanciato da Denis Vanbianchi dopo le molte segnalazioni di persone aggredite da cani pastore

Si è aperto un nuovo dibattuto sulle modalità di protezione degli animali da reddito negli alpeggi, laddove l'utilizzo dei cani maremmani – molto efficaci nello svolgere la loro mansione ma non di rado aggressivi nei confronti delle persone – rappresenta un problema di convivenza con chi pratica escursionismo e mountain bike lungo sentieri ufficiali situati in prossimità o talvolta anche dentro i pascoli. Come spiega Denis Vanbianchi nel nostro articolo di ieri, sono molte le segnalazioni di persone che hanno subìto incontri ravvicinati non idilliaci con questi cani o in taluni casi anche morsicature. Da qui il suo invito a riunire le parti in causa per lavorare a una soluzione di un problema crescente. Soluzione che appare di difficile individuazione visto che a monte si pone il problema della protezione di capre e pecore dagli attacchi del lupo. Una questione di priorità su cui si apre il dibattito in vista della modifica della Legge federale sulla caccia, in votazione il 27 settembre, che conferisce ai cantoni più spazio di manovra nella soppressione del lupom animale protetto in Svizzera.

‘Maremmano buona soluzione, ma è vero che non mancano i problemi’

Giriamo gli auspici di Denis Vanbianchi a Sem Genini: «Da anni non ci stanchiamo di ribadire che la crescente presenza del lupo alle nostre latitudini rappresenta una minaccia vera per l’allevamento ovicaprino in primis, ma non solo, come dimostrano le predazioni anche a bovini ed equini avvenute in Svizzera e all’estero», esordisce il segretario dell’Unione contadini ticinesi interpellato dalla ‘Regione’. L’utilizzo dei cani pastori maremmani «è una delle misure previste proprio a seguito del quadro legislativo federale attuale che mantiene il lupo fra le specie super protette e che ne consente l’abbattimento solo in casi molto problematici certificati che però richiedono tempi lunghissimi di verifica del Dna e di conteggio di animali predati. E mentre attacchi e predazioni si susseguono, parimenti si moltiplicano gli sforzi richiesti agli allevatori per difendere le greggi». E non sono noccioline: strutture come recinzioni e quant’altro «possono anche raggiungere costi a cinque zeri. Spese che gli allevatori non possono sostenere, senza contare la mole di lavoro supplementare che si devono sobbarcare. Perciò il maremmano, debitamente formato da specialisti, rappresenta un buono ‘strumento’ di protezione che però, come osservato in diversi casi recenti in tutto il Ticino, causa numerosi problemi. Con anch’esso un costo, ovviamente. Inoltre, questi cani non possono essere utilizzati da tutti, poiché presuppongono la presenza continua del pastore. Presenza che non può essere giustificata, né dal punto di vista finanziario né della fattibilità, quando le greggi sono piccole. È il problema delle greggi non proteggibili. E sono molte qui da noi».

‘Finalmente tutti riconoscono l’esistenza del problema’

Un buono ‘strumento’, il cane maremmano, ma non sempre ottimale. Nel senso che da solo, ad esempio, non è in grado di impedire un attacco effettuato da più lupi contemporaneamente. «E se il maremmano vigila anche di giorno – puntualizza il segretario agricolo – è dovuto al fatto che il lupo non attacca soltanto di notte». Certo, riconosce Genini tornando al tema sollevato da Vanbianchi, la convivenza con tutto ciò che è escursionismo, incluso la mountain bike, «può non essere facile. Ne siamo coscienti e ci dispiace se si verificano incidenti. Ma siamo altrettanto fermi nel difendere la nostra opinione, che ribadiamo ormai da anni, secondo cui il problema non è il maremmano, ma sta nel manico. Comunque ci fa piacere che finalmente il tema, esteso alle sue varie sfaccettature, venga sollevato anche da altri partner della montagna». Quanto al problema che sta nel manico, ossia il ritorno del lupo, «se gli svizzeri e i ticinesi vogliono continuare a proteggerlo a oltranza, devono anche sapere quali sono le conseguenze che questo comporta per cercare di proteggere gli animali da reddito, che altro non sono che il lavoro e la vita dei nostri contadini e allevatori, con prodotti eccellenti apprezzati da tutti».

Sforzi comuni già messi in campo

A ogni modo, proprio considerando quanto sia importante che le varie componenti trovino la reciproca attenzione, l’Unione contadini non lesina sforzi nella comunicazione verso l’esterno: «Con Ticino Sentieri e altri partner della montagna abbiamo convenuto sulla necessità di posare un’apposita segnaletica, oltre a effettuare un progetto di comunicazione tematico congiunto a favore di tutta la popolazione. E sulla nostra rivista ‘Agricoltore Ticinese’ pubblicheremo presto anche un servizio speciale dedicato proprio alla questione predazioni e alle difficoltà concrete riscontrate per le protezioni delle greggi con i cani». In definitiva anche Sem Genini, al pari di Vanbianchi, sostiene la modifica della Legge sulla caccia, risalente al lontano 1986, che conferisce ai Cantoni maggiori competenze anche in materia di gestione dei grandi predatori. «Un contributo alla migliore conoscenza del problema lupo e sulle reali possibilità di protezione – annota infine – arriverà dallo studio avviato dalla Sezione cantonale dell’agricoltura sulle varie aziende di allevamento ticinesi». Per taluni, la presenza del lupo ha già inciso parecchio e «ha purtroppo causato la vendita degli animali e la chiusura dell’azienda», conclude Genini rammaricato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved