alta-blenio-escursionisti-aggrediti-da-cani-maremmani
Il maremmano è un cane da protezione molto performante
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 min

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
8 min

’Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
8 min

’Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
10 min

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
38 min

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
1 ora

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
2 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
2 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
2 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
2 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
2 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
2 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
3 ore

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
3 ore

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
Locarnese
3 ore

Centovalli, rimpasto dei dicasteri

Con l’ingresso di Cristina Tanghetti, che assume la responsabilità della Sicurezza pubblica e dell’Ambiente, vi sono stati alcuni cambiamenti
Luganese
3 ore

Lugano dedichi una via a Giorgio Salvadé

Interrogazione leghista formula la richiesta per ricordare il medico e politico che fu tra i promotori dell’Università della Svizzera italiana
12.08.2020 - 06:00
Aggiornamento: 10:33

Alta Blenio, escursionisti aggrediti da cani maremmani

L'appello di Denis Vanbianchi dopo parecchie recenti segnalazioni: 'Problema crescente che va affrontato con urgenza da tutte le parti in causa'

L’accresciuta presenza del lupo nell’arco alpino ha richiesto negli ultimi anni l’implementazione di più misure a protezione delle greggi, una delle quali sta però entrando in conflitto col costante incremento estivo di escursionisti e biker nelle zone di alpeggio. Infatti il cane pastore maremmano, valido aiuto per proprietari di pecore e capre a rischio predazione, per sua indole e formazione raramente scende a compromessi con gli estranei. Il suo compito lo svolge fino in fondo. Ne sa qualcosa Denis Vanbianchi che nell’alta Val di Blenio ricopre più funzioni in ambito territoriale e turistico: «Ultimamente – spiega alla ‘Regione’ – abbiamo ricevuto parecchie segnalazioni da persone spaventate o aggredite». Quale responsabile degli impianti di risalita cura la gestione della ristorazione estiva e delle case montane: «Avendo a che fare con tanta gente, anche su questo tema riceviamo varie suggestioni». Inoltre presiede il Patriziato di Olivone, Campo e Largario e in tale veste presto scriverà ai proprietari delle pecore invitandoli a custodire meglio i cani da protezione. Coordina anche il comitato organizzatore della corsa in salita Greina Trail: «L’anno scorso abbiamo dovuto chiedere ai proprietari di togliere i cani dalle vicinanze dei sentieri per permettere il passaggio dei corridori». Infine è consigliere comunale di Blenio e in tale veste intende esprimere la propria opinione sulla revisione della Legge federale sulla caccia in votazione il 27 settembre. 

Tutelare le pecore o mettere in pericolo le persone?

«Da alcuni anni – premette – il problema dei grandi predatori mette in subbuglio il mondo agricolo, gli amanti degli animali e la gente comune. Per proteggere le greggi dalla ‘fame’ del lupo, alcuni allevatori si sono trovati costretti a far capo a cani da guardia, solitamente pastori maremmani per nulla amichevoli e talvolta non custoditi come si dovrebbe». Purtroppo le situazioni conflittuali non hanno tardato a manifestarsi: «Girano liberamente di giorno, quando normalmente il lupo attacca nottetempo, e si son fatti notare nella nostra e altre regioni spaventando a più riprese degli escursionisti. Alcuni sono stati morsi e hanno dovuto interrompere la loro passeggiata». L’ultima segnalazione gli è giunta pochi giorni fa da un escursionista di Balerna che il 31 luglio, mentre percorreva il sentiero ufficiale in zona alpe Bovarina, è stato aggredito da quattro cani di taglia medio grossa e grossa che lo hanno accerchiato ringhiando; tre si sono poi allontanati mentre il quarto, un maremmano adulto, lo ha azzannato alla coscia sinistra strattonandolo. Se l’è cavata rimanendo immobile e facendo così desistere il cane. La disavventura viene esposta in una lettera inviata all’Ufficio del veterinario cantonale, al Municipio di Blenio e allo stesso presidente patriziale.

'Anche a me e a molti altri'

«Io stesso – ci racconta a sua volta Denis Vanbianchi – mi sono trovato di fronte a due di questi cani e posso assicurare che non è stato per nulla un incontro piacevole». Corposo l’elenco di eventi analoghi: «Alcuni anni fa, nella zona di Rafüsc all’imbocco della Greina, è dovuta intervenire la Rega per soccorrere una signora ferita e molto spaventata; di recente sono stati segnalati parecchi casi di persone spaventate, o peggio attaccate, nella zona del Sentiero degli stambecchi. Tutto ciò m’interroga: possibile che per proteggere le greggi dai lupi si debba mettere in pericolo le persone?. Da una parte capisco gli agricoltori che devono proteggere le loro greggi, dall’altra fatico a capire perché ci si ostini a voler proteggere il lupo; forse basterebbe poter sopprimere i casi problematici».

'La segnaletica avverte, ma...'

Un aiuto arriva dalla posa di segnaletica che indica la presenza dei cani da protezione e illustra alcune regole da seguire per evitare approcci bellicosi: «Ritengo quei cartelli però poco efficaci», replica Vanbianchi. «Si consiglia ad esempio di non correre in loro presenza o nelle loro vicinanze; ma come spiegarlo a un bambino? Si consiglia di camminare lentamente; ma se ci si trova, come successo a me, con un bel maremmano che ti corre incontro, istintivamente tenti di metterti in salvo correndo. È inoltre consigliato di non portare con sé altri cani, perciò gli escursionisti che desiderano frequentare le nostre montagne accompagnati da amici a quattro zampe devono rinunciare a taluni itinerari solo perché attraversano pascoli con greggi custodite. Così pure gli amanti della Mountain Bike e le famiglie a passeggio. E comunque, anche se seguiti alla lettera, i consigli non assicurano un incontro piacevole con questi cani».

Problema finora sottovalutato

Da qui l’appello che Denis Vanbianchi lancia da queste colonne alle autorità competenti affinché il tema «sia finalmente affrontato con determinazione e non sottovalutato come fatto finora. Ritengo infatti indispensabile adottare misure concrete a tutela degli escursionisti, i quali rappresentano un’importante fonte di indotto per il turismo delle regioni di montagna». A scanso di equivoci, «non intendo lanciare una campagna di odio contro il lupo o mettere in cattiva luce gli agricoltori. Voglio unicamente dare rilievo all’importanza dell’incolumità delle persone che decidono di trascorrere del tempo tra le nostre stupende montagne».

Revisione Legge sulla caccia, 'nella giusta direzione'

E qui veniamo alla questione politica: «Un primo passo nella giusta direzione sarà a mio avviso quello di votare la revisione della Legge federale sulla caccia il prossimo 27 settembre», revisione che non da ultimo attribuisce ai Cantoni più competenze che oggi sono riservate alla Confederazione, anche nella gestione dei grandi predatori. «Qualunque sarà però l’esito della votazione – conclude Vanbianchi – ritengo importante che si sviluppi un piano d’azione nei confronti dei cani da protezione, i quali non dovrebbero poter circolare così liberamente. Le nostre belle montagne dovrebbero infatti rimanere un luogo ideale per praticare l’escursionismo in serenità e non con la paura di essere rincorsi o peggio ancora aggrediti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved