laRegione
Nuovo abbonamento
nante-di-traverso-ok-l-alta-tensione-ma-non-i-tralicci
ULTIME NOTIZIE Cantone
foto
Luganese
3 ore

Quattro veicoli in fiamme a Gandria, un arresto

Poco dopo l'una di notte le guardie di confine sono intervenute per spegnere un principio d'incendio. Arrestato un 24enne italiano, si teme il dolo
Locarnese
3 ore

Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente

La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale
Luganese
5 ore

Giorno 9, la tappa più breve ma tabella di marcia 'messa bene'

Per Soccorso Cresta e il figlio Gabriele percorsi sotto un gran caldo 41,68 chilometri fra Rimini e Pesaro.
Mendrisiotto
8 ore

InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009

L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
8 ore

'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'

Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
8 ore

Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo

All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Ticino
18 ore

Andrea Pronzini capo del Centro di formazione di polizia

Coordinerà le attività di selezione dei candidati aspiranti agenti. Subentra a Manuela Romanelli Nicoli
Luganese
18 ore

Gandria e Morcote, aumentano le corse in battello

La Società di navigazione ha potenziato l'offerta pomeridiana
Bellinzonese
19 ore

Nessun complotto: costrinse la figliastra a fare sesso

La Corte di appello conferma la sentenza emessa in primo grado: il 69enne della regione è colpevole di violenza carnale. Dovrà scontare cinque anni di carcere.
Bellinzonese
13.07.2020 - 14:380
Aggiornamento : 19:13

Nante di traverso: 'Ok l'alta tensione, ma non i tralicci'

L'associazione chiarisce il senso dell'opposizione contro la nuova linea elettrica aerea progettata da Swissgrid in alta Leventina

L’associazione ‘Basta tralicci sulle nostre montagne’, che ha sede a Morcote e riunisce domiciliati e residenti nella frazione airolese di Nante, in un comunicato chiarisce il senso dell'opposizione inoltrata all'Ispettorato federale degli impianti a corrente forte contro il progetto di nuova linea elettrica aerea da 380 kV elaborato da Swissgrid tra l'alta e la media Leventina collocandola sulla sponda destra del fiume Ticino, ciò che consentirebbe di smantellare quella presente sulla sponda sinistra. L’associazione, spiega il presidente Luca Bolzani, si oppone “avendo a cuore la tutela del paesaggio alpino che, soprattutto nella zona, ha già subito numerosi sfregi”. La difesa dei boschi, delle acque e del paesaggio “non sono conseguenza di barricate politiche, ma il frutto dell’osservazione di tutti i giorni e dell’amore per le nostre montagne”. Da qui il no a un’ulteriore infrastruttura elettrica “che passerebbero sopra l’abitato di Nante”. In un’epoca in cui tutte le nuove linee elettriche ad altissima tensione (e in parte anche quelle esistenti) vengono interrate (vedi rapporto Swissgrid ‘Rete strategica 2025’), il progetto contestato “lascia l’amaro in bocca, anche perché fa eccezione il Ticino con il tracciato Airolo-Lavorgo”.

Modalità 'invasiva e deturpante'

L’associazione, nata con lo scopo di opporsi a questo tracciato aereo, non si dice contraria all’espansione delle linee di Swissgrid, ma contesta “una modalità invasiva e che deturpa uno dei paesaggi più suggestivi del nostro Ticino”. Peraltro l'interramento è caldeggiato proprio considerando gli sforzi intrapresi da Comune, Cantone e Confederazione per risanare paesaggisticamente il fondovalle airolese approfittando dell'imminente cantiere per la realizzazione della seconda canna sotto il Gottardo. Interrare costa molto di più, ma il maggior onere "risulterebbe ridimensionato nell’ottica dell’enorme investimento generale del raddoppio autostradale”. L'associazione ritiene che siano proprio questi i progetti da sostenere nel periodo di ripresa post covid, progetti “che permetterebbero di creare lavoro e consentirebbero al paesaggio di vivere e respirare senza l’incombere di tralicci e cavi”. Non da ultimo il progetto, che ha coinvolto Municipi e Patriziati, “non è stato sufficientemente spiegato alla popolazione”. Non solo, la tecnologia in questo campo “è in continua evoluzione e il processo d'interramento di linee aeree esistenti è attualmente in corso in diverse zone della Svizzera tedesca e romanda”. Per contro in Leventina sono previsti tralicci alti quasi 100 metri, “con gravi problemi di emissioni vicino a località abitate e rovinando una zona naturale di incomparabile bellezza”. Perciò l'associazione è critica nei confronti dei confederati “che sembrano più attenti al territorio d'Oltregottardo che al Ticino”. L’associazione si dichiara infine pronta a perseguire ogni possibile strada giuridica e politica.

© Regiopress, All rights reserved