laRegione
Nuovo abbonamento
per-bellinzona-piu-trasparenza-e-meno-sprechi
Simone Orlandi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
22 min

Rock&Roll Waves: radio, musica e navigazione sul Ceresio

Radio Morcote International farà rivivere i fasti delle radio pirata inglesi anni Sessanta in una serata speciale sabato 22 agosto
Ticino
57 min

Operazione Imponimento, convalida di arresto per 4 svizzeri

L'ordinanza di custodia cautelare, firmata ieri dall'Antimafia di Catanzaro, riguarda 75 indagati: fra questi anche il luganese.
Locarnese
1 ora

Elisarion a Minusio, ultimi giorni della mostra di Tallone

Al centro culturale lavori da settembre, ma la programmazione continuerà fuori sede
Locarnese
1 ora

Poncione di Braga, mezzo secolo in capanna

Il rifugio fu costruito in tre anni da alcuni volontari. Poi è passato all'Utoe di Locarno, che lo ha ampliato
Luganese
1 ora

Collina d'Oro, da lunedì sport gratis per i domiciliati

Yoga, allenamenti intensivi, pilates, percorsi vita e presto corsi di Mountain Bike: il Comun crea 'Gazebo Sport', aperto a tutti ma gratis per i locali
Mendrisiotto
1 ora

Un InterCity per il Mendrisiotto: chiesto supporto ai politici

Sulla scia della petizione il gran consigliere Massimiliano Robbiani coinvolge Comuni e parlamento per fare squadra
Ticino
2 ore

Estradato in Italia latitante albanese catturato in Svizzera

L'uomo si è reso responsabile di una serie di pericolosi reati: violenza sessuale, sfruttamento della prostituzione e immigrazione clandestina
Ticino
2 ore

Dalla Supsi un dispositivo per testare il Covid in tempo reale

A ottobre parte un progetto di ricerca congiunto assieme al Poli di Losanna e lo Ior che mira a sviluppare l'apparecchio portatile in due anni
Locarnese
3 ore

Locarno, la Polizia in piazza

Torna l'iniziativa che vuole rafforzare il concetto di prossimità territoriale
Luganese
4 ore

Assunzione, celebrazione eucaristica in San Lorenzo a Lugano

Sarà presieduta alle 10 dal vescovo Valerio Lazzeri. Annullata invece la processione al monastero di Santa Maria Assunta in Claro
Bellinzonese
4 ore

A 160 km/h sull'A2, pirata della strada denunciato

In territorio di Quinto è stato intercettato un 54enne svizzero, domiciliato nel Locarnese, che viaggiava a 160 chilometri orari dove il limite è di 80
Luganese
4 ore

Tesserete, annullata la festa multietnica 'Km 0'

Quella che sarebbe dovuta essere la quarta edizione è stata rinviata a causa delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19
Locarnese
4 ore

La Locarno-Venezia salpa a Ferragosto

Trekking di 700 chilometri verso la Serenissima. La quindicesima edizione si carica di simboli
Grigioni
6 ore

Al Lucomagno sarà migliorata la protezione dalla caduta massi

L'intervento di protezione costerà 720'000 franchi: un progetto si trova al portale sud della galleria di Caschlatsch, l'altro su un'area del comune di Medel
Grigioni
6 ore

Passo del Forno, gravi ferite per due motociclisti

L'incidente è accaduto ieri poco prima di mezzogiorno dopo che i motociclisti si son scontrati con un Camper a Zernez
Mendrisiotto
6 ore

La musica al tempo del Covid-19 in corte a Meride

La rassegna 'Cibo per l'anima' ospita Swing Power Manouche Project e Anton Jablokov per una prima svizzera davanti al pubblico
Luganese
6 ore

Lugano-Avellino, giorno 13: ultima tappa sull'Adriatico

Il maratoneta 'Soc' e il figlio Gabriele alla scoperta di scenari e luoghi poco conosciuti in Abruzzo
Bellinzonese
13.07.2020 - 06:100

Per Bellinzona 'più trasparenza e meno sprechi'

Intervista a Simone Orlandi, nuovo presidente della sezione Udc cittadina dopo le recenti dimissioni in blocco

Classe 1987, politicamente attivo come consigliere comunale a Claro dal 2012 al 2017, dal 2018 coordinatore dell'Udc per Bellinzonese e valli, dall'anno scorso membro della Direttiva cantonale come organizzatore degli eventi dell’Udc Ticino, nell'autunno 2019 secondo miglior votato in Ticino nella lista Giovani Udc alle elezioni federali, Simone Orlandi dal 1° luglio è il nuovo presidente della sezione democentrista di Bellinzona. Subentra a Ivano Deluigi che, in rotta col presidente cantonale Piero Marchesi, ha dimissionato a inizio giugno insieme ai vicepresidenti Alessandro Torriani e Arturo Burini e al segretario Antonio Micheli.

All'assemblea sezionale dello scorso autunno in vista delle elezioni comunali 2020 poi rinviate al 2021, presente in sala Marchesi, alcuni consiglieri comunali hanno fatto autocritica sulla loro stessa passività politica. Un segnale che il vertice locale nei mesi a seguire non sembra aver colto, per infine dimissionare. Cos'è successo?

«Le autocritiche sortite in quell’occasione avevano prodotto solo un piccolo cambiamento. Ora è necessario lavorare, tutti assieme, per avere una sezione e un gruppo in Consiglio comunale motivati e attivi nel difendere gli interessi dei cittadini di Bellinzona». 

E quali sarebbero gli interessi dei cittadini di Bellinzona? 

«Ritengo che interessi loro avere un Municipio e delle istituzioni che lavorano in modo efficiente e che non sprecano i soldi pubblici - dopo gli ultimi scandali relativi ai superamenti di crediti dei vari progetti comunali mi pare che l’obiettivo sia lungi dall’essere raggiunto - e una politica più trasparente. Scoprire che i municipali hanno relazioni personali e professionali con aziende che ricevono mandati diretti dall’esecutivo crea poca fiducia nelle Istituzioni. E poi i cittadini vogliono servizi funzionanti a un costo adeguato. Alcuni servizi sono buoni, altri meno. Inoltre è un problema il fatto che il moltiplicatore fiscale di Bellinzona (ndr: 93%) non sia per nulla concorrenziale. Bisogna continuare a investire, ma anche migliorare l’efficienza dell’amministrazione riducendo i costi. Così si potrà anche abbassare il moltiplicatore d’imposta e lasciare qualche soldo in più nelle tasche dei contribuenti». 

Lo slancio, a partire dallo scorso autunno, si è visto sul piano regionale con la nascita di alcune nuove sezioni, mentre a Bellinzona l'Udc sembra aver marciato sul posto. Oltre alla questione dirigenziale, lo si può attribuire anche al fatto di 'convivere' politicamente con la Lega?

«Parlo con molti cittadini che votano Udc e che apprezzano la nostra politica e mi chiedono maggior presenza e costanza del partito. Voglio investire le mie forze per soddisfare queste aspettative e non per guardare al passato».

Sempre a proposito di Lega, altrove i democentristi hanno deciso di smarcarsi e di correre da soli per le comunali. A Bellinzona ha ancora senso un listone unico di destra (la lista civica Liberi ha già fatto il passo...)?

«Nella maggior parte dei Comuni Udc e Lega corrono assieme. È un vantaggio per noi e lo è pure per la Lega. Anche nei Comuni dobbiamo essere in grado di replicare e migliorare i buonissimi risultati ottenuti alle elezioni cantonali e federali del 2019. Ritengo che anche a Bellinzona sia necessaria maggiore presenza del primo partito a livello nazionale, e soprattutto della sua politica che prima pensa al benessere dei cittadini svizzeri. Anche a Bellinzona su questo aspetto c’è molto da fare: se saremo capaci di unire tutti sotto un unico cappello, allora saremo più efficaci».

Negli ultimi mesi avete mosso diverse critiche al Municipio, ma dai banchi del Cc si vedono arrivare poche vostre proposte, poche mozioni. Più facile criticare che costruire?

«Il gruppo sta facendo un buon lavoro, ma sappiamo benissimo che a Bellinzona impera il 'radical-socialismo', ciò che rende un'impresa 'far passare' proposte del nostro gruppo. Dobbiamo dunque affidarci alla democrazia diretta, come fatto con il referendum sugli stipendi dei municipali, quando il popolo ci ha dato ragione. I prossimi mesi saranno fondamentali per convincere le elettrici e gli elettori sull’importanza di avere più Udc nelle Istituzioni del Comune, perché è da dentro che si cambiano più facilmente le cose che non vanno». 

Via il vertice vecchio, si riparte con nuovo slancio. Come imposterà la sua presidenza? Quali i punti centrali su cui baserà il lavoro sezionale?

«Lavorare con un gruppo coeso e motivato verso le elezioni comunali, iniziare a marcare più i quartieri e ascoltare i problemi dei cittadini. Inoltre, i quartieri periferici si sentono un po' abbandonati. Udc in tedesco significa “il partito del popolo svizzero”, perciò anche a Bellinzona dobbiamo essere il partito che rappresenta i cittadini che lavorano, che si impegnano nella vita, che desiderano un futuro nel nostro Comune e che vogliono che la Svizzera rimanga la Svizzera. Libera, sovrana e indipendente».

E in vista di aprile 2021, quale strategia state abbozzando?

«Sono diventato presidente da soli 12 giorni. In settimana convocherò il comitato direttivo per approfondire temi e strategia. Quanto alla Lega, ho già avuto dei contatti col presidente sezionale Sacha Gobbi: l’obiettivo è di trovare una soluzione entro fine settembre per creare una lista forte e vincente».

Durante l'assemblea dello scorso autunno Marchesi aveva invitato la sezione a individuare tre temi forti su cui impostare la campagna elettorale. Se la strategia dev'essere ancora abbozzata, quali sono i temi su cui costruirla?

«I temi della campagna verranno definiti dal comitato. Su questo voglio aprire un’ampia discussione perché non si improvvisano in pochi minuti. Ho le mie idee, ma il presidente da solo va poco distante. Chiedo il tempo necessario per lavorarci; dopo l’estate presenteremo le nostre idee e i progetti».

© Regiopress, All rights reserved