lugano-ha-una-casa-per-le-marionette
Il museo delle marionette di Lugano (Ti-Press / Pablo Gianinazzi)
Il museo delle marionette di Lugano (Ti-Press / Pablo Gianinazzi)
+6
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 min

Mendrisio, OtherMovie torna a Casa Astra

Si rinnova il 22 maggio la collaborazione fra la manifestazione luganese e il Movimento dei Senza Voce
Bellinzonese
7 min

Moghegno, cagnolino aggredito e ucciso sulla riva

Scena raccapricciante sotto gli occhi dei bagnanti (tra costoro, diversi bambini). Un grosso husky si è avventato sul piccolo quadrupede, finendolo
Locarnese
7 min

Locarno, una nuova direttrice per l’Irsol

Svetlana Berdyugina subentra a Michele Bianda, che va in pensione dopo aver guidato l’istituto per 35 anni
Grigioni
11 min

Il Coro Alto Ticino in concerto a Lodrino

Appuntamento per venerdì 20 maggio alle 20 nella chiesa parrocchiale
Bellinzonese
25 min

Tazio Marti espone le sue opere alla Galleria Job di Giubiasco

La mostra ‘Alfabeti’ dipinti acrilici, sarà inaugurata sabato 21 maggio alle 11 con la presentazione del poeta Massimo Daviddi
Locarnese
1 ora

Luci e Ombre, altri eventi e la copertura del ‘buco’ pandemico

L’Ente iniziative del Locarnese, in assemblea al Fevi, ha annunciato gli estremi della grande festa che torna dopo 2 anni, dal 7 al 9 luglio
Bellinzonese
2 ore

A Giubiasco sarà costruita una centrale a biogas

L’impianto promosso da Amb e Ses permetterà di smaltire i rifiuti verdi e organici urbani producendo allo stesso tempo pregiata energia
Bellinzonese
2 ore

Ritom, la funicolare riprende l’attività dopo la pausa invernale

Da sabato 21 maggio sarà di nuovo possibile raggiungere il comprensorio e i suoi innumerevoli laghetti alpini
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio: Ata in assemblea, con dibattito su PoLuMe e Tir

L’evento è previsto domani sera alla Filanda e avrà come ospiti Maurizio Agustoni (Ppd) e Ivo Durisch (Ps). Modera Daniela Carugati
Luganese
2 ore

Record per la Comano Run con oltre 500 partecipanti

La manifestazione podistica si è tenuta ieri e ha visto il trionfo di Ivan Boggini per gli uomini e Sara Solari per le donne
Ticino
2 ore

Coronavirus, 173 casi e un decesso da venerdì

Rispetto a lunedì della settimana scorsa si registra un calo dei test positivi e delle ospedalizzazioni
05.07.2020 - 16:40

Lugano ha una casa per le marionette

Michel Poletti ha realizzato un museo con le sue creazioni e altri pezzi. A due passi dal Foce, il museo sarà un prolungamento del suo festival delle marionette

“Museo delle marionette”, si legge sopra la porta in via Cassarate 4 a Lugano. Si respira aria di teatro: diverse compagnie hanno trovato casa lì alla Comacina, a pochi passi dal Foce. E adesso trovano casa anche le creazioni di Michel Poletti, da pezzi storici che subito destano ricordi nei visitatori meno giovani ai personaggi più recenti. Inclusa una marionetta dedicata a Daniele Finzi Pasca, un omaggio a un amico che lo ha aiutato nella creazione di questo museo che – meglio chiarirlo subito – non è una fredda teca dove conservare le testimonianze di una carriera lunga cinquantʼanni (era il 1969 quando Poletti fondò la sua compagnia con la moglie Michèle, scomparsa nel 1994). Il museo delle marionette – al momento aperto solo su appuntamento, massimo 7 persone, info su palco.ch – vuole infatti essere un luogo vivo, come ci ha spiegato lo stesso Michel Poletti dopo una visita in anteprima.

Quando è iniziato questo progetto?

Da una parte viene da lontano: è finito il momento delle tournée e siamo più concentrati sui festival – quello di Lugano e un altro che abbiamo creato in Svizzera romanda – per cui cercavamo qualcosa di nuovo. Così è nata questa idea di creare un museo-teatro, un luogo che non fosse soltanto di esposizione ma anche di creazione, dove cercare nuove vie di contatto con il pubblico.

Il primo passo era cercare la sede. Ci è stato offerto uno spazio in Val di Blenio: uno spazio stupendo ma era troppo isolato per noi. Nel frattempo si è formato un gruppo di persone che ci ha sostenuto – in primo luogo Daniele Finzi Pasca – e così la Città di Lugano ci ha affidato questo spazio, a due passi dal Teatro Foce dove facciamo il festival, una specie di prolungamento.

Un “museo-teatro” perché la marionetta immobile non è una vera marionetta.

La marionetta ferma si arrabbia. Per cui già a livello espositivo abbiamo esato luci ed effetti speciali – tecnologie che abbiamo sperimentato spesso nei nostri spettacoli – per dare un poʼ di vita a questa materia. Ma la prima cosa che abbiamo costruito è un piccolo palcoscenico: adesso accoglie le marionette immobili, ma il prima possibile cominceranno a muoversi, a vivere.

Stiamo rendendo questo museo un piccolo luogo di spettacolo che ci permette cose nuove, ci permette di prendere una nuova avventura se vogliamo simile a quella fatta per dodici anni al San Materno di Ascona.

Troviamo esposta una parte della sua storia di artista. Eppure ha detto di non essere mai stato un collezionista…

Infatti: avremo creato qualcosa come tremila marionette e ne sono rimaste molte meno. Con mia moglie eravamo nellʼazione per cui alcune marionette sono state trasformate in altro, altre addirittura distrutta. Ma tante che sono sopravvissute, magari perché particolarmente belle, o perché recenti, non so ma per qualche motivo hanno deciso di resistere. Cʼè parecchio materiale, qui al museo e soprattutto altrove.

Ma lʼidea è esporre non solo le vostre marionette.

Esatto. Nel nostro ambiente questa iniziativa ha subito suscitato un certo interesse e ci sono stati prestati dei pezzi fantastici della storia italiana, soprattutto marionette a fili. Abbiamo dei pezzi dei Lupi, una famiglia di burattinai di Torino, poi abbiamo una Madame Butterfly di Vittorio Podrecca, un famoso marionettista nato nei dintorni di Venezia e che ha girato il mondo. Podrecca, morto a Ginevra negli anni Cinquanta, è stato tra i primi artisti internazionali nel campo.

E tante altre marionette sono pronte ad arrivare, bloccate a causa della pandemia. La compagna di Jean Paul Hubert, un artista parigino che era stato con noi alla prima edizione del festival nel 1979, ha deciso di regalarci il suo materiale. E altre cose arriveranno sicuramente: penso che avremo veramente delle belle cose da esporre.

Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved