laRegione
lugano-ha-una-casa-per-le-marionette
Il museo delle marionette di Lugano (Ti-Press / Pablo Gianinazzi)
Il museo delle marionette di Lugano (Ti-Press / Pablo Gianinazzi)
+6
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
29 min

A Lumino spesa a domicilio per gli anziani

Il Comune ha riattivato il servizio dedicato alle persone vulnerabili grazie alla disponibilità del Centro incontro e dei Samaritani
Mendrisiotto
37 min

Seseglio, il vento ha divelto due torri faro del campo di calcio

Il Municipio di Chiasso chiede un credito di 193mila franchi per sostituire l'impianto di illuminazione del campo principale
Gallery
Locarnese
1 ora

Brissago, un lungolago presto da cartolina

Seconda fase dei lavori di riqualifica e abbellimento della riva (tratto Villa Gina-Osteria Boato) al via. La passeggiata pensata per ospitare anche piccoli eventi
Grigioni
1 ora

Addio al progetto della nuova centrale sulla Moesa

Era stato congelato a inizio 2017, ora Axpo, Cama e Grono archiviano l'idea. Le nuove regolamentazioni non permettono ulteriori sfruttamenti del fiume
TICINO
1 ora

L'integrazione parte dalla scuola

Fra i progetti futuri la cantonalizzazione dei docenti specializzati negli istituti comunali
Bellinzonese
2 ore

Spaccio di cocaina, pena sospesa per un 54enne straniero

L'uomo (assente durante il processo odierno) ha fornito circa 380 grammi a consumatori locali. Per lui 24 mesi con la condizionale
Ticino
3 ore

'I locali erotici sì e gli appartamenti a luci rosse no?'

Covid, l'avvocato Marco Garbani spiega i motivi del ricorso al Tram contro la chiusura dei postriboli decretata dal Consiglio di Stato
Mendrisiotto
3 ore

Il Gran Consiglio si terrà a Mendrisio fino a fine anno

Le prossime tre sedute si terranno al Mercato Coperto. Le spiegazioni del presidente Daniele Caverzasio
Locarnese
4 ore

Ascona, naturalizzazione controversa, ma non troppo...

Passa la concessione dell'attinenza a uno dei protagonisti della vicenda Suva, che fu condannato definitivamente nel 2010
Ticino
5 ore

Coronavirus in Ticino, altri 308 contagi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati anche 22 ricoveri. Stabile il numero dei decessi
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso assegnerà solo il merito sportivo

Vista la situazione sanitaria, la Conferenza dei presidenti delle società sportive annulla i premi ai migliori sportivi
Bellinzonese
05.07.2020 - 16:400

Lugano ha una casa per le marionette

Michel Poletti ha realizzato un museo con le sue creazioni e altri pezzi. A due passi dal Foce, il museo sarà un prolungamento del suo festival delle marionette

“Museo delle marionette”, si legge sopra la porta in via Cassarate 4 a Lugano. Si respira aria di teatro: diverse compagnie hanno trovato casa lì alla Comacina, a pochi passi dal Foce. E adesso trovano casa anche le creazioni di Michel Poletti, da pezzi storici che subito destano ricordi nei visitatori meno giovani ai personaggi più recenti. Inclusa una marionetta dedicata a Daniele Finzi Pasca, un omaggio a un amico che lo ha aiutato nella creazione di questo museo che – meglio chiarirlo subito – non è una fredda teca dove conservare le testimonianze di una carriera lunga cinquantʼanni (era il 1969 quando Poletti fondò la sua compagnia con la moglie Michèle, scomparsa nel 1994). Il museo delle marionette – al momento aperto solo su appuntamento, massimo 7 persone, info su palco.ch – vuole infatti essere un luogo vivo, come ci ha spiegato lo stesso Michel Poletti dopo una visita in anteprima.

Quando è iniziato questo progetto?

Da una parte viene da lontano: è finito il momento delle tournée e siamo più concentrati sui festival – quello di Lugano e un altro che abbiamo creato in Svizzera romanda – per cui cercavamo qualcosa di nuovo. Così è nata questa idea di creare un museo-teatro, un luogo che non fosse soltanto di esposizione ma anche di creazione, dove cercare nuove vie di contatto con il pubblico.

Il primo passo era cercare la sede. Ci è stato offerto uno spazio in Val di Blenio: uno spazio stupendo ma era troppo isolato per noi. Nel frattempo si è formato un gruppo di persone che ci ha sostenuto – in primo luogo Daniele Finzi Pasca – e così la Città di Lugano ci ha affidato questo spazio, a due passi dal Teatro Foce dove facciamo il festival, una specie di prolungamento.

Un “museo-teatro” perché la marionetta immobile non è una vera marionetta.

La marionetta ferma si arrabbia. Per cui già a livello espositivo abbiamo esato luci ed effetti speciali – tecnologie che abbiamo sperimentato spesso nei nostri spettacoli – per dare un poʼ di vita a questa materia. Ma la prima cosa che abbiamo costruito è un piccolo palcoscenico: adesso accoglie le marionette immobili, ma il prima possibile cominceranno a muoversi, a vivere.

Stiamo rendendo questo museo un piccolo luogo di spettacolo che ci permette cose nuove, ci permette di prendere una nuova avventura se vogliamo simile a quella fatta per dodici anni al San Materno di Ascona.

Troviamo esposta una parte della sua storia di artista. Eppure ha detto di non essere mai stato un collezionista…

Infatti: avremo creato qualcosa come tremila marionette e ne sono rimaste molte meno. Con mia moglie eravamo nellʼazione per cui alcune marionette sono state trasformate in altro, altre addirittura distrutta. Ma tante che sono sopravvissute, magari perché particolarmente belle, o perché recenti, non so ma per qualche motivo hanno deciso di resistere. Cʼè parecchio materiale, qui al museo e soprattutto altrove.

Ma lʼidea è esporre non solo le vostre marionette.

Esatto. Nel nostro ambiente questa iniziativa ha subito suscitato un certo interesse e ci sono stati prestati dei pezzi fantastici della storia italiana, soprattutto marionette a fili. Abbiamo dei pezzi dei Lupi, una famiglia di burattinai di Torino, poi abbiamo una Madame Butterfly di Vittorio Podrecca, un famoso marionettista nato nei dintorni di Venezia e che ha girato il mondo. Podrecca, morto a Ginevra negli anni Cinquanta, è stato tra i primi artisti internazionali nel campo.

E tante altre marionette sono pronte ad arrivare, bloccate a causa della pandemia. La compagna di Jean Paul Hubert, un artista parigino che era stato con noi alla prima edizione del festival nel 1979, ha deciso di regalarci il suo materiale. E altre cose arriveranno sicuramente: penso che avremo veramente delle belle cose da esporre.

Guarda tutte le 10 immagini
© Regiopress, All rights reserved