laRegione
Nuovo abbonamento
lugano-ha-una-casa-per-le-marionette
Il museo delle marionette di Lugano (Ti-Press / Pablo Gianinazzi)
Il museo delle marionette di Lugano (Ti-Press / Pablo Gianinazzi)
+6
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

La curva resta bassa in Ticino: altri tre casi in 24 ore

Coronavirus: da ieri nessuna persona è stata ospedalizzata. Dall'inizio della pandemia nel cantone i test positivi sono stati 3'463.
Luganese
1 ora

Assalto al portavalori a Molinazzo: due persone arrestate

Identificati gli autori della rapina al furgone del 5 luglio 2019: fermati un 46enne e un 63enne italiani; sotto inchiesta in totale cinque uomini e una donna.
Luganese
5 ore

Ppd di Lugano, quattro candidati per la presidenza

È fissata al 24 settembre l'assemblea che darà una nuova guida al partito, dopo le dimissioni di Angelo Petralli all'inizio della scorsa campagna elettorale
Luganese
5 ore

Lugano, ottimi risultati nei Lidi: chiusura posticipata

Fino a 3’000 presenza nei weekend e circa 27’000 prenotazioni: l’estate local piace. Bagni e tuffi prolungati fino a fine settembre.
Ticino
5 ore

Conti pubblici, il valzer delle priorità dei partiti

Ecco alcune proposte pendenti in Gran Consiglio. Alcune con un forte impatto sulle casse cantonali. Il presidente della Gestione Quadranti: ‘Più concordanza’
Bellinzonese
5 ore

Lupo, escursionisti e maremmani: ‘Il problema è nel manico’

Il segretario agricolo cantonale interviene sull'allarme lanciato da Denis Vanbianchi dopo le molte segnalazioni di persone aggredite da cani pastore
Grigioni
15 ore

Grigioni, disponibili online sei filmati storici sull'alpinismo

I video sono stati realizzati dall'alpinista Emil Meier, deceduto 70 anni fa, e rappresentano l'alpinismo eroico all'inizio del secolo
Mendrisiotto
15 ore

La Micologica Benzoni riapre la sede di Chiasso

L'attività riprenderà come da programma al Palapenz con il controllo dei funghi. Mascherina d'obbligo
Ticino
15 ore

Contratto di locazione, Ticino più attento

Nel nostro cantone, a differenza degli altri, la popolazione esamina spesso più volte il documento prima di firmarlo
Bellinzonese
15 ore

Casa anziani di Sementina: bonus non a tutti i dipendenti

Nuova presa di posizione della sezione Udc di Bellinzona: 'gratifica solo a chi ha fatto tra le 30 e 60 ore di straordinari durante la pandemia'
Luganese
15 ore

Lugano, porte aperte a Casa Andreina

Per tutto il mese di agosto è possibile visitare il centro di via Ricordone, aperto non solo a nonvedenti ma a tutte le persone in Avs
Bellinzonese
05.07.2020 - 16:400

Lugano ha una casa per le marionette

Michel Poletti ha realizzato un museo con le sue creazioni e altri pezzi. A due passi dal Foce, il museo sarà un prolungamento del suo festival delle marionette

“Museo delle marionette”, si legge sopra la porta in via Cassarate 4 a Lugano. Si respira aria di teatro: diverse compagnie hanno trovato casa lì alla Comacina, a pochi passi dal Foce. E adesso trovano casa anche le creazioni di Michel Poletti, da pezzi storici che subito destano ricordi nei visitatori meno giovani ai personaggi più recenti. Inclusa una marionetta dedicata a Daniele Finzi Pasca, un omaggio a un amico che lo ha aiutato nella creazione di questo museo che – meglio chiarirlo subito – non è una fredda teca dove conservare le testimonianze di una carriera lunga cinquantʼanni (era il 1969 quando Poletti fondò la sua compagnia con la moglie Michèle, scomparsa nel 1994). Il museo delle marionette – al momento aperto solo su appuntamento, massimo 7 persone, info su palco.ch – vuole infatti essere un luogo vivo, come ci ha spiegato lo stesso Michel Poletti dopo una visita in anteprima.

Quando è iniziato questo progetto?

Da una parte viene da lontano: è finito il momento delle tournée e siamo più concentrati sui festival – quello di Lugano e un altro che abbiamo creato in Svizzera romanda – per cui cercavamo qualcosa di nuovo. Così è nata questa idea di creare un museo-teatro, un luogo che non fosse soltanto di esposizione ma anche di creazione, dove cercare nuove vie di contatto con il pubblico.

Il primo passo era cercare la sede. Ci è stato offerto uno spazio in Val di Blenio: uno spazio stupendo ma era troppo isolato per noi. Nel frattempo si è formato un gruppo di persone che ci ha sostenuto – in primo luogo Daniele Finzi Pasca – e così la Città di Lugano ci ha affidato questo spazio, a due passi dal Teatro Foce dove facciamo il festival, una specie di prolungamento.

Un “museo-teatro” perché la marionetta immobile non è una vera marionetta.

La marionetta ferma si arrabbia. Per cui già a livello espositivo abbiamo esato luci ed effetti speciali – tecnologie che abbiamo sperimentato spesso nei nostri spettacoli – per dare un poʼ di vita a questa materia. Ma la prima cosa che abbiamo costruito è un piccolo palcoscenico: adesso accoglie le marionette immobili, ma il prima possibile cominceranno a muoversi, a vivere.

Stiamo rendendo questo museo un piccolo luogo di spettacolo che ci permette cose nuove, ci permette di prendere una nuova avventura se vogliamo simile a quella fatta per dodici anni al San Materno di Ascona.

Troviamo esposta una parte della sua storia di artista. Eppure ha detto di non essere mai stato un collezionista…

Infatti: avremo creato qualcosa come tremila marionette e ne sono rimaste molte meno. Con mia moglie eravamo nellʼazione per cui alcune marionette sono state trasformate in altro, altre addirittura distrutta. Ma tante che sono sopravvissute, magari perché particolarmente belle, o perché recenti, non so ma per qualche motivo hanno deciso di resistere. Cʼè parecchio materiale, qui al museo e soprattutto altrove.

Ma lʼidea è esporre non solo le vostre marionette.

Esatto. Nel nostro ambiente questa iniziativa ha subito suscitato un certo interesse e ci sono stati prestati dei pezzi fantastici della storia italiana, soprattutto marionette a fili. Abbiamo dei pezzi dei Lupi, una famiglia di burattinai di Torino, poi abbiamo una Madame Butterfly di Vittorio Podrecca, un famoso marionettista nato nei dintorni di Venezia e che ha girato il mondo. Podrecca, morto a Ginevra negli anni Cinquanta, è stato tra i primi artisti internazionali nel campo.

E tante altre marionette sono pronte ad arrivare, bloccate a causa della pandemia. La compagna di Jean Paul Hubert, un artista parigino che era stato con noi alla prima edizione del festival nel 1979, ha deciso di regalarci il suo materiale. E altre cose arriveranno sicuramente: penso che avremo veramente delle belle cose da esporre.

Guarda tutte le 10 immagini
© Regiopress, All rights reserved