laRegione
Nuovo abbonamento
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore
Seseglio, non un wellness ma un'area verde per la popolazione
Una mozione di Us-I Verdi e Ppd invita il Municipio di Chiasso ad acquistare e bonificare il terreno. Sul piatto anche La Perfetta di Arzo
Locarnese
2 ore
Da Brissago a Zurigo, verso l'immortalità
La mummia egizia lascerà le rive del Verbano per essere trasferita all'Istituto di medicina evolutiva dell'Università della Limmat
Bellinzonese
10 ore
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
12 ore
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
14 ore
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
14 ore
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
14 ore
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
15 ore
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
15 ore
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
15 ore
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Luganese
15 ore
'Per un polo di creazione culturale a Besso-Massagno'
In una mozione Raoul Ghisletta e confirmatari la richiesta di acquistare dalle Ail il sedime della centrale di Gemmo
Bellinzonese
15 ore
Massimo Gabuzzi nuovo presidente del Rotary Club Bellinzona
Succede a Paolo Colombo. Il passaggio delle cariche è avvenuto lo scorso 25 giugno.
Ticino
16 ore
Sventata strage: pena sospesa, ma dovrà curarsi
7 anni e mezzo per il 21enne che pianificò l'assalto alla Commercio di Bellinzona. Ma il giudice concede le misure alternative per curarsi in un foyer
Bellinzonese
30.06.2020 - 06:150
Aggiornamento : 12:37

Per prati ricchi di farfalle come ai vecchi tempi

Grazie al sostegno di 25mila franchi da parte di Innocent, il Parco del Piano di Magadino sostiene i contadini che scelgono metodi a favore della biodiversità

"Anni fa c'erano molte più farfalle". È un pensiero che si fa strada in molte persone che passeggiano alla scoperta del territorio ed effettivamente gli esperti lo confermano: nel corso dei decenni la varietà e la quantità di questi lepidotteri è diminuita. In Europa le farfalle si sarebbero addirittura dimezzate negli ultimi 30 anni. Va proprio nella direzione di veder ritornare a volare nei prati del Parco del Piano di Magadino specie quasi scomparse il progetto sostenuto dall'azienda produttrice di succhi di frutta Innocent, che con 25mila franchi permetterà all'omonima Fondazione del Parco del Piano e a Wwf di promuovere la biodiversità creando quindi l'habitat ideale per le farfalle.

Un progetto a favore della biodiversità

"Si tratta di un ulteriore tassello del Progetto di interconnessione delle superfici per la biodiversità in agricoltura avviato nel 2002", spiega alla 'Regione' Francesco Maggi, responsabile di Wwf Svizzera italiana e membro di comitato della Fondazione Parco del Piano di Magadino. Tale progetto, sottolinea, ha come obiettivo la creazione di un reticolo ecologico lungo tutta l'area del piano grazie alla collaborazione dei contadini, con l'obiettivo più vasto di favorire una serie di specie animali e in particolare di uccelli, di insetti ortotteri e di farfalle. Tra le misure messe in pratica finora Maggi cita lo sfalcio dei prati. "Se da una parte i contadini vogliono tagliare l'erba molto spesso per poter disporre di fieno più tenero per i propri animali, dal nostro punto di vista è preferibile che l'erba cresca di più in modo da permettere ai fiori annuali di avere il tempo di fiorire e garantire quindi continuità al loro ciclo vitale. "È proprio per una gestione troppo intensiva dello sfalcio che i prati si sono impoveriti di fiori e di conseguenza attirano meno farfalle", spiega il responsabile del Wwf.

Per ovviare a questo problema il progetto di interconnessione ha incentivato gli agricoltori a procedere con lo sfalcio a mosaico, ovvero tagliando in tempi alternati le varie parti dei loro terreni. "Grazie a questa modalità - aggiunge il consulente scientifico del progetto Tiziano Maddalena, titolare della ditta Maddalena & Associati di Gordevio - si favoriscono non solo le farfalle ma anche altre specie animali, come ad esempio il grillo campestre che non ha più rifugio dai predatori se tutti i prati vengono falciati contemporaneamente".

Un contributo per non usare più le lame rotanti

Il credito di 25mila franchi servirà per dare un contribuito agli agricoltori che si convertiranno a un metodo di falciatura meno invasivo. "Una volta venivano usate le barre falcianti, un metodo più lento delle attuali lame rotanti. Il fieno veniva fatto essiccare al suolo prima essere raccolto, dando così la possibilità ai semi dei fiori di cadere e rimanere nel terreno", spiega Francesco Maggi. Ciò non succede se dopo aver tagliato l'erba si procede subito alla formazione di rotoballe plastificate. "E oltretutto al loro interno ci finiscono anche gli animali che sono riusciti a sopravvivere alle lame", aggiunge. 

Da qui l'incentivo finanziario di 400 franchi per ogni ettaro di terreno trattato con le barre rotanti. Una metodologia che dovrebbe far aumentare la varietà di fiori e di conseguenza le farfalle. "Rispetto ai dati di 50-60 anni fa ci sono meno farfalle sul Piano di Magadino. Non sono scomparse del tutto ma si sono allontanate a causa di prati troppo concimati o sfalci troppo frequenti. Di fatto le si possono trovare sui versanti ma nelle zone agricoli si vedono solo di passaggio, non si sono ancora insediate", fa notare il consulente scientifico.  Tra le specie a cui punta il progetto, Maddalena cita ad esempio la galatea, una farfalla bianca e nera che siamo soliti vedere in montagna.

'Primo finanziamento importante'

Al momento sono 8 i contadini che hanno aderito per un totale di circa 20-21 ettari. "Per loro si tratta di un investimento importante per cambiare il macchinario ma a lungo termine può essere redditizio grazie agli incentivi", conclude Maddalena. Un incontro con i contadini previsto negli scorsi mesi è saltato a causa della pandemia ed è stato spostato ad agosto. "L'anno scorso avevamo un budget limitato. Ora grazie al nuovo finanziamento speriamo di trovare anche altri agricoltori che aderiranno così da aumentare la superficie", dice Maggi sottolineando che si tratta del primo finanziamento esterno di una certa importanza a favore del Parco del Piano di Maganico. A cui ne ha fatto seguito un secondo - concretizzato proprio negli scorsi giorni - relativo alla gestione dei biotopi. A tale scopo da parte della fondazione Blue Planet sono stati stanziati 80mila franchi. 

© Regiopress, All rights reserved