inacettabile-rischiare-la-vita-per-un-consumatore-in-astinenza
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 ora

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
1 ora

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
2 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
2 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
2 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
2 ore

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
2 ore

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
Mendrisiotto
2 ore

Riva San Vitale, serata pubblica sulle Fornaci

L’evento si terrà l’8 giugno. Inoltre, nel Palazzo comunale è stata posata un’opera evocativa dell’artista Pierino Sulmoni
Luganese
3 ore

Francesco Hoch ricevuto a Savosa

Il Municipio ha organizzato nei giorni scorsi un ricevimento per il compositore di fama internazionale
24.06.2020 - 13:47
Aggiornamento : 14:08

'Inacettabile rischiare la vita per un consumatore in astinenza'

Chiesti 7 anni di carcere per il 38enne accusato di aver messo a rischio la vita di un uomo nell'atto di rapinarlo. La difesa chiede il proscioglimento

«I fatti sono estremamente gravi. È inaccettabile che una persona rischi la propria vita in centro a Bellinzona a causa di un consumatore di cocaina in astinenza. Poco cambia se le ferite sono state valutate superficiali: nel tentativo di divincolarsi, la vittima avrebbe potuto compiere un movimento fatale per se stessa. È stata dunque di fatto a pochi centimetri dalla morte». Così si è espresso il procuratore pubblico Roberto Ruggeri sulle azioni del 38enne comparso oggi alla sbarra con l’accusa di rapina aggravata (con pericolo di morte per la vittima), subordinatamente di rapina aggravata poiché commessa per mezzo di un'arma pericolosa (un coltello serramanico). L’accusa ha formulato una richiesta di pena di 7 anni di carcere. 

Durante la sua requisitoria il pp si è soffermato sulle dichiarazioni dell’imputato, secondo il quale avrebbe posto il coltello al collo della vittima con la parte della lama non tagliente. Ciò che, ha sottolineato l’accusa, è in contrapposizione con il referto medico. «Se fosse stata fatta pressione con la parte del coltello non tagliente, non si giustificherebbe la lesione al collo riportata dalla vittima», ha sottolineato Ruggeri. «L’imputato ha agito in uno stato alterato, ma intenzionalmente, senza curarsi delle conseguenze. Un'azione premeditata: è andato via dal bar, ha preso il coltello da casa ed è uscito per strada alla ricerca di qualcuno da derubare. Era carico come una molla: ha agito con freddezza e senza scrupoli, mettendo il coltello alla gola della vittima, per poi ferirla alla mano e continuare a minacciarla». Si è poi parlato del passato dell’imputato, già condannato in sei occasioni per episodi di violenza, truffe e infrazioni alle norme della circolazione. «Dai suoi precedenti non ha imparato molto - ha detto il pp -. Non è il primo e non sarà l’ultimo a buttare via la propria vita a causa della cocaina. Ora afferma di voler cambiare regime; ben venga. Avrà molto tempo per riflettere dietro le sbarre».

Dal canto suo, l’avvocato difensore Roy Bay - dopo aver evidenziato come le ferite non fossero tali da risultare fatali - ha fatto leva sulla tesi secondo cui l'imputato abbia apposto il coltello dalla parte 'innocua' della lama. «Non ha mai avuto intenzione di fare del male alla vittima. Ciò si spiega col fatto che ha posizionato l'arma sul lato non tagliente, proprio per proteggerla da eventuali movimenti improvvisi». Bay, il quale ha chiesto che il suo assistito venga prosciolto dall'accusa di rapina aggravata, ha poi ricordato l'elevato tasso alcolemico presente nel sangue della vittima: a detta della difesa avrebbe fornito una versione non lineare dei fatti, a differenza dell'imputato. 

Per quanto riguarda i furti in piazza del Sole, «mi viene impossibile immaginare che l'imputato sia riuscito a portare via tutta quella merce»,  ha affermato Bay, facendo emergere dubbi sulla correttezza delle indicazioni fornite degli affittuari delle casette circa il valore della merce rubata. Per i furti - riconosciuti dunque solo in parte (l'accusa parlava di un valore di 9'600 franchi) - la difesa ha chiesto una pena detentiva di 18 mesi e la scarcerazione immediata del proprio assistito tenendo conto del periodo di carcere preventivo già scontato. 

La sentenza dovrebbe essere pronunciata nel tardo pomeriggio. 

 

Leggi anche:

'Dammi i soldi o ti ammazzo', alla sbarra per rapina aggravata

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved