ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’

Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Ticino
2 ore

Imposta di circolazione, dalla confusione al circo

Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Locarnese
2 ore

Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito

Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Luganese
8 ore

Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano

La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
10 ore

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
11 ore

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
11 ore

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
22.06.2020 - 16:10
Aggiornamento: 18:24

Case anziani e Covid-19: l'Mps incontra la popolazione

Serata pubblica all'ex convento di Monte Carasso per discutere di com'è stata gestita la situazione e di come fare luce sulla verità

case-anziani-e-covid-19-l-mps-incontra-la-popolazione
Ti-Press

"Case anziani: È tempo di cercare la verità", è il titolo della serata pubblica che il Movimento per il socialismo (Mps) organizza venerdì 3 luglio alle 20 all'ex convento di Monte Carasso. "È un nostro diritto, quali cittadine e cittadini, quali parenti, quali personale sanitario cercare e sapere la verità su quanto è successo nelle case per anziani tra marzo e aprile. È un nostro diritto sapere per quale ragione in alcune case per anziani in poco meno di 50 giorni un ospite su cinque è deceduto", scrive l'Mps lanciando l'incontro con la popolazione.

L'Mps elenca alcuni dei fattori principali che potrebbero aver causato tale situazione: il divieto d’ospedalizzare gli ospiti delle case per anziani, non aver attrezzato il personale con sufficiente materiale di protezione, non aver tempestivamente sottoposto ai test gli ospiti e il personale, non aver diviso per tempo gli ospiti positivi da quelli negativi, non aver rafforzato e potenziato il personale infermieristico ed essere intervenuti con notevole ritardo nell’adottare le necessarie misure di prevenzione. Una serie di misure di carattere organizzativo e direttivo "la cui decisione di messa in pratica sarebbe spettata alle direzioni delle case per anziani e ai responsabili politici di questi istituti e la cui vigilanza competeva al medico cantonale". La serata è aperta a tutta la cittadinanza, al personale e ai parenti di ospiti di case anziani. L'obiettivo, viene sottolineato, è quello di discutere di quanto successo e riflettere su come contribuire alla ricerca della verità "ed evitare che in futuro si debba assistere ad altri dolorosi eventi di questo tipo".

Sementina: sollecitata la sospensione di direttore e municipale

Tracciando poi un parallelo con quanto successo nei sorpassi milionari in opere pubbliche - che hanno comportato l'avvio di due audit, la sospensione del funzionario direttore del settore e l'autosospensione del municipale Christian Paglia - l'Mps in un'interpellanza chiede all'Esecutivo come mai non si sia proceduto così anche per la casa anziani di Sementina dove si registrano 21 decessi per Covid su 80 ospiti. Secondo le consigliere Angelica Lepori e Monica Soldini opportune sarebbero la sospensione del direttore degli Istituti per anziani della Città, Silvano Morisoli, l'autosospensione del municipale Giorgio Soldini e l'avvio di un audit esterno. Che andrebbe ad aggiungersi alla vigilanza avviata dal medico cantonale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved