ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Il gruppo Morbio2030 contro la diminuzione del moltiplicatore

Si tratterebbe, secondo il movimento, di una manovra che comprometterebbe le casse del Comune e di conseguenza anche le fasce di popolazione meno abbienti
Locarnese
2 ore

Va in scena una Locarno On Ice da favola

Domenica dedicata ai più piccoli, con racconti e rappresentazioni del musical Favolandia. Ma non mancheranno anche musica e le partite dei Mondiali
Locarnese
3 ore

Annullata la giornata di pulizia dei sentieri

Lo ha deciso, a causa delle poco incoraggianti previsioni meteo, il Comitato dell’Associazione di quartiere Solduno - Ponte Brolla - Vattagne
Locarnese
3 ore

Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno

Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
8 ore

Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani

Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
8 ore

Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’

La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Gallery
Luganese
14 ore

Manno: con l’auto nella scarpata, due ferite

L’incidente stradale è avvenuto attorno alle 21. Le due occupanti della vettura, una donna e una bambina, se la sono cavata con qualche escoriazione
Grigioni
15 ore

Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta

L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Locarnese
15 ore

Locarno, sul preventivo 2023 la Gestione ‘bastona’

Per nulla soddisfatti della situazione finanziaria della Città i commissari. Nel rapporto evidenziate diverse criticità. La politica di rilancio non va
Luganese
15 ore

Massagno, si è spento Paolo Grandi

Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
17 ore

Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’

Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
17 ore

Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini

Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
08.05.2020 - 06:00
Aggiornamento: 08:50

Residenza Visagno, 'direttive applicate in modo rigoroso'

La casa anziani di Claro è una delle più colpite con circa 10 decessi dovuti al Covid-19. Il direttore Silvano Barelli difende l'operato della struttura.

residenza-visagno-direttive-applicate-in-modo-rigoroso
(foto Ti-Press)

“Al momento non è possibile stabilire con certezza come mai, nonostante il grande sforzo profuso, all’inizio della pandemia si siano verificati diversi casi positivi all’interno della nostra struttura. Contagi avvenuti già prima della chiusura, dovuti a persone asintomatiche oppure alla semplice sfortuna?”. Così si esprime il direttore della Residenza Visagno di Claro, Silvano Barelli a proposito delle incognite legate alle divergenze del grado di diffusione del coronavirus nelle case anziani; alcune confrontate con un numero comunque molto contenuto di contagi e decessi, altre colpite in maniera significativa. Oltre alla casa anziani di Sementina (come riferito dalla ‘Regione’ nelle scorse settimane), tra le strutture ticinesi in cui il virus si è diffuso maggiormente vi è dunque quella di Claro, dove il bilancio parla di una decina di ospiti deceduti (su circa una settantina) a causa del Covid-19. “Abbiamo applicato sin dall’inizio, in modo molto rigoroso, tutte le direttive del medico cantonale - assicura Barelli -, ovvero la chiusura della casa, la creazione del reparto ‘Covid’, l’isolamento di tutti i residenti e misure sempre più severe per l’igiene. Sin dall’inizio dell’epidemia siamo sempre riusciti ad acquistare tutti i dispositivi di protezione ed il materiale sanitario necessario. Il nostro direttore sanitario ha marcato presenza tutti i giorni e ha supervisionato la corretta messa a punto delle misure organizzative, di sicurezza e igiene segnalate e raccomandate dall’Ufficio del medico cantonale. Ufficio che, su nostra iniziativa, abbiamo invitato in sede per essere rassicurati che quanto messo in atto fosse adeguato”. 

'Grande solidarietà da parte dei familiari'

Preferendo non svelare le cifre relative ai contagi registrati fra ospiti e personale sanitario, Barelli - il quale assicura che la struttura di Claro non rientra nella cinque attualmente sotto l'osservazione del medico cantonale - rileva che l’esperienza fatta sul campo sarà utile alla struttura nel malaugurato caso in cui dovesse ripresentarsi qualche caso. "Il reparto Covid, ad esempio, verrà certamente mantenuto ‘pronto all’uso’ per diverso tempo”. Il direttore non può tuttavia non riconoscere “che l’ambiente è comunque triste. È stato ed è un periodo difficile. Se pensiamo che lo scopo principale delle case per anziani è quello di dare una buona qualità di vita ai nostri residenti, non si può che essere molto dispiaciuti di fronte alla chiusura della casa e all’isolamento dei nostri ospiti, i quali sono tuttavia sostenuti dal personale che sa rispondere non solo professionalmente ma anche con sensibilità alle loro necessità. Per fortuna abbiamo ricevuto tanta solidarietà soprattutto da parte dei familiari che hanno capito quanto è difficile il nostro lavoro in questo momento”. 

Piccoli passi sulla via della normalità

Durante queste difficili settimane sono state numerose le iniziative per cercare di confortare i residenti. "Penso soprattutto ai contatti telefonici e alle videochiamate per permettere agli ospiti di comunicare e sentire la vicinanza con i propri cari. I nostri animatori e terapeuti hanno garantito visite giornaliere nelle camere. Da alcune settimane - continua Barelli - accompagniamo all’esterno i residenti che lo desiderano e stiamo organizzando ogni giorno incontri con i familiari, naturalmente con le dovute misure di sicurezza. Le nostre animatrici hanno pure ricominciato ad organizzare momenti ricreativi per gruppi di cinque persone onde garantire la distanza sociale e, prossimamente, riprenderanno pure le attività terapeutiche e di mantenimento garantite dal nostro fisioterapista e dalla nostra ergoterapista", conclude il direttore. Nelle ultime settimane si è cercato di riportare un po' di allegria grazie anche ad attività musicali sulle accoglienti piazzette della struttura: come il risuonare delle note dei corni delle Alpi che i residenti hanno potuto ascoltare dai balconi delle proprie stanze. 

Leggi anche:

Sementina: la rabbia dei figli e le risposte del direttore

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved