si-massiccio-ma-anche-critico-ai-conti-2020-di-bellinzona
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
14 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
15 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
20 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
20 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
1 gior

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
16.12.2019 - 21:03
Aggiornamento : 21:38

Sì massiccio, ma anche critico, ai conti 2020 di Bellinzona

Luce verde dal Legislativo al preventivo e al moltiplicatore confermato al 93%. Il sindaco: 'Lavoro da mediano per preparare il terreno agli investimenti'

Le finanze della Città con la nuova legislatura che inizierà dopo le elezioni comunali del 5 aprile 2020 saranno sollecitate per la concretizzazione dei progetti strategici annunciati nel 2017 con l’avvento dell’aggregazione. Perciò l’avanzo d’esercizio preventivato di 1,4 milioni, sebbene indichi una certa stabilità, chiede di essere rimpolpato con almeno un altro milione. Come, non è per ora dato sapere. Intanto il Municipio questa sera con 46 sì, 4 no (Verdi e Mps) e 3 astenuti (Lega/Udc e Pc) ha portato a casa l’ok del Consiglio comunale al preventivo 2020, confermando il prelievo fiscale al 93%. Diverse le sollecitazioni giunte dalla sala.

Auspici e bordate

Il relatore della Gestione, Ivan Ambrosini, ha sottolineato che un avanzo minimo voluto di 2,3 milioni «sia garanzia di uno sviluppo ideale delle finanze in questa fase di transizione. Siamo sulla buona strada, ma bisogna fare molta attenzione e non si potrà dire sì a tutto e a tutti. Fondamentale sarà un rigoroso controllo della spesa». Secondo il capogruppo Plr Fabio Käppeli «bisogna iniziare a promuovere Bellinzona non solo come meta turistica ma anche come luogo in cui insediare attività e aziende, puntando a uno sviluppo economico sostenibile. Questo tenendo ben presente la competizione interna al cantone, che è forte». Renato Züger (Unità di sinistra) ha evidenziato come le priorità non si esauriscano nella pura gestione finanziaria: su più fronti «dobbiamo ancora progredire, ad esempio nella mobilità efficiente, puntando al completamento di AlpTransit con la circonvallazione e a una migliore mobilità ciclabile e, perché no, alla copertura dell’autostrada». Dai banchi di Lega/Udc Luigi Calanca ha lamentato, nuovamente, uno squilibrio negli investimenti fra quartieri e centro. A nome dei Verdi, Ronnie David si è detto scontento per l’incongruenza fra gli aspetti declamatori e i progetti nei quali l’urgenza climatica chiede di essere affrontata: «Non vediamo misure politiche concrete per trattare l’urgenza numero uno riconosciuta a livello nazionale e internazionale. Invece in cima alle priorità vediamo tanta, troppa cementificazione». Un Municipio «cui piace tagliare nastri inaugurali di opere decise dai livelli superiori». Esecutivo infine accusato di «arroganza istituzionale». Monica Soldini (Mps) si è detta critica sulla valenza strategica dei progetti elencati dall'Esecutivo: «Rivedere la pianificazione territoriale non ha alcuna valenza strategica. E stendiamo un velo pietoso sulla riconversione del comparto Officine. Quanto al nuovo ospedale, lo si immagina mentre in realtà si sta indebolendo l’Ospedale regionale a Faido e Acquarossa. Strategie altrui con Municipio compartecipe e privo di progettualità. Restano invece irrisolti i problemi concreti ai quali sono confrontate le famiglie, fra cui servizi doposcuola e mense veramente all’altezza». Alessandro Lucchini (Pc): «Essendo Bellinzona la città col più alto tasso di persone in assistenza, occorre rafforzare le prestazioni sociali comunali in modo complementare a quelle cantonali». Infine Tuto Rossi (Udc): «Sotto il mantra degli investimenti strategici ci sono il vuoto pneumatico e i progetti promossi e finanziati da altri».

Aspettando gli effetti a lunga scadenza

Il sindaco ha esordito la replica citando il brano di Ligabue dedicato a quel «lavoro da mediano orientato a preparare il terreno in ottica futura». La domanda va posta, ha aggiunto Mario Branda: «Siamo pronti ad affrontare i grandi investimenti? A chi si attende risposte immediate, ricordo che stiamo parlando di un lavoro che su più fronti produrrà effetti a lunga scadenza, 10-15 anni». Si parla di assistenza sociale, «ma non vogliamo persone in assistenza, bensì opportunità occupazionali ben retribuite che richiedono infrastrutture e investimenti». Bellinzona a traino di progetti superiori? «Senza la Città non avremmo mai visto il rinnovo della stazione principale e la realizzazione di quella in piazza Indipendenza, come pure l’effettivo e costante potenziamento delle ciclopiste». Inoltre «da più parti ci viene riconosciuto l’effettivo impegno diffuso nei quartieri aggregati».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved