laRegione
Nuovo abbonamento
all-asta-a-cresciano-una-vespa-coi-fiocchi
Bellinzonese
11.12.2019 - 16:050
Aggiornamento : 17:20

All'asta a Cresciano una Vespa coi fiocchi

Figura tra i veicoli confiscati dallo Stato: sarà 'battuta' partendo da un prezzo di mille franchi, ma il suo valore reale è 10 volte superiore

Prezzo base di partenza mille franchi, per un valore reale di mercato che veleggia fra i 5’000 e i 12’000 franchi. C’è anche una storica Vespa GS del 1964, immatricolata per la prima volta a Como nel luglio di quell’anno, fra i nove veicoli – trovati, confiscati, sequestrati o devoluti allo Stato – posti all’asta dalla Polizia cantonale e dall’Ufficio esecuzione il 18 dicembre nel deposito del Servizio reperti situato in via Canale a Cresciano. Stando alle immagini pubblicate nel portale delle aste, il modello di colore bianco (per l’esattezza ‘grigio biacca’ in voga oltre mezzo secolo fa) si presenta in ottime condizioni. Non è dato sapere se funzioni bene, se abbia i pezzi originali o se sia stato sottoposto a un restauro totale oppure conservativo (in quest’ultimo caso il valore incrementerebbe ulteriormente).

Rispetto al modello precedente, questa serie 2 è caratterizzata dalla presenza del bauletto portaoggetti posto dietro allo scudo, in sostituzione dello sportellino posteriore meno capiente. Sebbene non sia del tutto riuscita, a differenza di altri modelli, a fare breccia nel cuore degli appassionati, la GS rappresenta pur sempre un’icona di quegli anni: lo testimonia il fatto che compaia nel film ‘American Graffiti’ girato da George Lucas nel 1973 e ambientato nella California degli anni ’60. Inoltre molti attori americani l’hanno ‘patrocinata’ con video promozionali girati a Roma durante le riprese a Cinecittà. Cilindrata 158,5 centimetri cubici, quattro marce e una potenza di 8,9 cavalli, questo modello della Piaggio è predisposto per il trasporto di due persone e per raggiungere una velocità massima di 103 km/h. Quello che finirà all’asta il 18 dicembre di chilometri non ne ha percorsi molti in 55 anni di vita, ovvero nemmeno 16mila. Nulla a che vedere – per storia e mito – con gli altri banali veicoli messi all’incanto. Appuntamento quindi alle 10.20, con possibilità di visionare i vari oggetti a partire dalle 9.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved