laRegione
Nuovo abbonamento
officine-e-amianto-diceva-io-moriro-di-questo-e-non-solo-lui
Ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

In piscina a Chiasso si torna a staccare il biglietto

Da Ferragosto il Municipio allenta le disposizioni. Per un tuffo non ci vorrà solo l'abbonamento. Misura che aveva escluso i ragazzini meno fortunati
Locarnese
10 ore

Borgnone, la festa dei patrizi non si fa

Annullata per Covid-19. Previste, invece, le giornate di volontariato
Locarnese
10 ore

Ascona, Campionato ticinese del lancio del sasso

L'edizione 2020 della manifestazione si terrà sul lungolago, in Piazzale Elvezia
Mendrisiotto
10 ore

Raccolta carta a Castel San Pietro grazie agli Esploratori

Sabato si dà appuntamento di buon mattino al magazzino comunale. Niente giro
Locarnese
10 ore

Verzasca, sul sentiero delle leggende

Due nuove sculture in legno per un percorso fantastico con merenda nella casetta della strega
Luganese
11 ore

Interventi di conservazione per la Masseria Reali di Cadro

Il Municipio di Lugano sottoscrive la richiesta di un credito di 320mila franchi per lo storico edificio protetto a livello locale.
Mendrisiotto
11 ore

Treni InterCity, il Mendrisiotto rilancia con un'altra petizione

Dopo il veto delle Ffs alle richieste del Distretto, è il deputato Massimilino Robbiani a chiamare a raccolta i cittadini
Luganese
11 ore

Per Besso la Posta opta per un partenariato alla stazione

Collaborazione con la Farmacia della Stazione quale sede della regione Lugano 3.
Luganese
11 ore

Radiografia delle strutture e delle associazioni sportive

L’Ente regionale per lo sviluppo e la Città di Lugano (in particolare la Divisione Sport) hanno dato avvio all’inventario.
Ticino
12 ore

Problemi all'antenna dell'Mpc, 'quali conseguenze per il Ticino?'

Fonio (Ppd) e Bignasca (Lega) interrogano il Consiglio di Stato alla luce delle recenti notizie su presunti episodi di mobbing nella sede luganese
Luganese
12 ore

Un secolo, e non sentirlo, per Oscar Remonda

Il neo centenario è stato festeggiato nella sua abitazione di Viganello dal sindaco di Lugano Marco Borradori.
Bellinzonese
24.09.2019 - 08:150

Officine e amianto, diceva 'io morirò di questo'. E non solo lui

Sarebbero almeno cinque le morti collegate allo stabilimento di Bellinzona. Le testimonianze di alcuni famigliari dei dipendenti deceduti.

«Non è vero che non è morto nessuno e queste parole mi feriscono». Donata Meroni di Biasca vuole dire la sua riguardo a quanto affermato dalla Suva venerdì scorso, ovvero che non si registrano casi di decesso a causa del cancro polmonare associato all’amianto presente nel materiale rotabile a cui avevano lavorato in passato alcuni operai delle Officine Ffs di Bellinzona. Ieri però la Suva ha rettificato, spiegando che la risposta fornita in un primo momento era incompleta e si riferiva al programma di prevenzione lanciato nel 2012 e ha quindi aggiunto che “alcuni dipendenti sono stati però colpiti da mesotelioma pleurico causato dall’amianto, che è molto più frequente del cancro ai polmoni e richiede una minore esposizione alla sostanza pericolosa. Non esiste ancora una terapia che porti a una guarigione permanente”. «Mio marito è morto il 26 giugno scorso di mesotelioma, un cancro alla pleura, dovuto all’amianto e la Suva ha riconosciuto la malattia professionale». Sono parole pronunciate con dolore e rabbia dalla moglie di Marco Meroni di Biasca, uno degli operai delle Officine che era stato esposto all’amianto e noto anche per avere gestito per anni l’Azienda vitivinicola Fratelli Meroni assieme al gemello Vincenzo. «Prova ne è il fatto che io ora percepisco la rendita che la Suva mi ha concesso», ha aggiunto. «Purtroppo ora la Suva sta mettendo la testa sotto la sabbia e io voglio combattere, perché con gli appositi esami gli operai che sono stati esposti all’amianto possono ancora salvarsi». Donata racconta le difficoltà vissute accanto al marito che ha combattuto contro la malattia per due anni e mezzo. Una malattia scoperta nel gennaio 2017, quando appunto gli è stato diagnosticato il cancro alla pleura. «Lui aveva 61 anni, una famiglia con due figli e molta voglia di vivere. Insieme avevamo tanti progetti, anche per l’azienda di vini in cui lavorava con passione e a cui voleva dedicarsi anche in futuro».

‘Mio marito non è l’unico’

«Mio marito non fumava nemmeno, l’unica causa è proprio l’esposizione al minerale sul posto di lavoro. Ricordo che da quando aveva iniziato a lavorare alla manutenzione delle carrozze mi diceva: ‘Io morirò di questo’, perché respirava sostanze dannose e non c’erano protezioni adeguate. Ed erano al minimo quaranta persone che facevano questo lavoro». La nostra interlocutrice ci dice di essere certa che suo marito non sia stato l’unico a morire a causa dell’amianto. E infatti entriamo in contatto con un’altra vedova di Biasca che ha perso il marito nel 2007. Anche lui aveva contratto un mesotelioma, e pure lui era un operaio delle Officine che aveva lavorato a contatto con l’amianto. La moglie ci dice che anche nel suo caso la Suva ha riconosciuto la malattia professionale. Da nostre verifiche emerge che nel 2006 un altro ex dipendente di Bellinzona è morto per lo stesso tipo di tumore dovuto al contatto con l’amianto e la Suva ha pagato un’indennità per malattia. Aveva lavorato solo sei mesi alla manutenzione dei vagoni e faceva regolarmente una schermografia. Continuando le ricerche scopriamo che due anni fa è morto per amianto anche un operaio di Chiasso e alcuni anni fa, un altro di Arbedo-Castione.

Donata si sente ferita anche da un altro aspetto. «Si tratta di una questione economica che ritengo ingiusta. Visto che è stata riconosciuta la malattia professionale è stata bloccata la cassa pensioni di mio marito», spiega. Ci dice che il marito Marco ha pagato quarant’anni di cassa pensioni, fino al gennaio 2019 «e ora non vediamo un centesimo dei quasi 800mila franchi da lui pagati. Sono cose che fanno male».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved