laRegione
alta-tensione-e-abitazioni-e-l-ora-delle-soluzioni
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Ndrangheta, al maxi processo di Lamezia c’è pure Pulice

Killer giovanissimo, il collaboratore di giustizia ha trascorsi anche in Ticino dove avrebbe riciclato denaro per conto del clan Mancuso
Luganese
1 ora

Ponte Marca a Gola di lago, si ristruttura

Il Consorzio prevede lavori di manutenzione e un ristoro
Luganese
1 ora

Edilizia privata a Lugano, serve più personale

Ghisletta chiede alla Città di incrementare il personale, altrimenti si rischiano problemi di varia natura, come la disparità di trattamento
Grigioni
2 ore

Mesocco, 2020 positivo per la centralina Nan Ros

L'anno scorso l'impianto ha prodotto 1,4 milioni di kWh. Si tratta del 2,9% in più rispetto alla media decennale
Ticino
2 ore

I Verdi: ‘Test rapidi a tappeto nelle scuole’

Con un'interpellanza di Marco Noi gli ecologisti chiedono anche di inserire i docenti nella categoria prioritaria per il vaccino
Ticino
2 ore

Circolazione, Camorino aperta solo su appuntamento

La misura è legata all'emergenza coronavirus. Esami di guida e collaudi si svolgeranno regolarmente
Bellinzonese
2 ore

Covid-19, servizi comunali a domicilio

Arbedo-Castione, consegna della spesa, di farmaci urgenti e ritiro della spazzatura per persone in quarantena, in isolamento o vulnerabili
Mendrisiotto
2 ore

Delitto di via Valdani a Chiasso, in aula dal 15 marzo

Davanti alla Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Marco Villa compariranno padre e figlio per rispondere del delitto di Angelo Falconi
Luganese
2 ore

Alto Malcantone, petizione contro la chiusura della Posta

Preoccupa la decisione de La Posta che quando pose fine all'attività di Breno, promise il mantenimento del servizio ad Arosio-Mugena
Luganese
3 ore

Campione d'Italia, 51enne arrestato e incarcerato

I carabinieri lo hanno rintracciato nella sua casa. L'uomo deve scontare 5 anni e otto mesi per furto, possesso di armi, minaccia, calunnia e diffamazione
Locarnese
3 ore

Locarno, strumenti gratuiti con l'Atm

Aperte le iscrizioni per il secondo semestre dei corsi di musica
Bellinzonese
04.07.2019 - 06:000

Alta tensione e abitazioni, 'è l'ora delle soluzioni'

Riviera: l’Associazione dei proprietari di immobili attraversati da elettrodotti chiede all’autorità federale di rimediare alle situazioni problematiche

Se ci sono zone critiche molto toccate dalle radiazioni non ionizzanti emesse dagli elettrodotti, la legge prevede che il proprietario, nel caso specifico Swissgrid, provveda a porre rimedio. Cosa è stato fatto finora nel Comune di Riviera dove l’anno scorso, in alcuni punti di Iragna, Prosito e Lodrino, sono stati misurati valori oltre i limiti? È la domanda che si pone l’Associazione dei proprietari di immobili attraversati da elettrodotti (Piae) che a tal proposito ha sollecitato l’Ispettorato federale degli impianti a corrente forte (Esti). «Per quanto ci riguarda, non siamo a conoscenza di opere di risanamento. Ci siamo quindi rivolti all’Ufficio federale per sapere se i lavori di ottimizzazione siano stati fatti o meno», ci spiega Elvio Bernardi, presidente di Piae. Stando all’Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (Orni), se i valori sono oltre i limiti, anche nel caso di impianti vecchi è imperativo risanarli: «Vogliamo assicurarci e rassicurare le persone che sia stato fatto tutto il possibile», afferma Bernardi. Per i casi più delicati, come lo è la Riviera, l’Orni prevede che l’Esti debba disporre di documentazione specifica con tanto di misure che attestino eventuali tentativi di miglioramento delle condizioni. Nelle scorse settimane Piae ha quindi chiesto all’Esti se disponga del dossier. L’Ispettorato federale ha risposto che deve approfondire la questione e che farà sapere prossimamente; ad oggi non è giunto ancora nessun riscontro.

Studio Supsi contestato ma poi ritenuto valido

Grazie allo scambio di lettere con Esti, Piae è riuscita a chiarire un punto fondamentale: l’Ispettorato federale può commissionare dei rilevamenti nei punti ritenuti sensibili e addebitare il costo a carico dei proprietari degli impianti, quindi Swissgrid in particolare. Un aspetto che però non sempre è stato chiaro. Circa un anno fa, in una lettera Esti ha comunicato a Piae che solo il loro Ufficio ha la competenza di ordinare questo tipo di misurazioni; quelle effettuate da terzi non erano quindi da ritenere valide, nemmeno quelle commissionate da Piae alla Supsi. Poiché tuttavia l’Orni prevede che si possa tenere conto anche di rilevamenti effettuati da altri, Piae ha inviato una seconda lettera facendo notare che la legge contempla anche questa possibilità. Dopo sei mesi l’associazione non aveva ancora ricevuto riscontro dall’Ufficio federale. «Abbiamo quindi inviato una raccomandata di sollecito, dicendo che se non avessimo ricevuto risposta in tempi brevi ci saremmo attivati interpellando le Camere federali in merito al loro atteggiamento poco collaborativo», rileva Bernardi. La risposta è giunta tre giorni dopo, con tanto di scuse e spiegazioni: la funzionaria con cui era in contatto Piae aveva lasciato il posto di lavoro e c’era stato un problema nel passaggio delle consegne. E così il dossier è stato analizzato e una ventina di giorni fa è arrivata la risposta. In primo luogo è stato smentito quanto affermato inizialmente: la Supsi è stata ritenuta un ente accreditato a effettuare questo tipo di misurazioni. «Con piacere – annota Bernardi – abbiamo appreso che i nostri rilevamenti sono ritenuti validi».

Per quanto riguarda la pianificazione dei tracciati futuri, «un anno fa, durante un incontro con il gruppo di lavoro composto da Swissgrid e Cantone, ci è stato detto che il nuovo tracciato verrà spostato a mezza montagna sulla sponda destra. Non si sa però quando, dobbiamo aspettare che ci convochino nuovamente e ci illustrino con precisione la soluzione definitiva individuata». Anche in questo caso la pazienza è d’obbligo.

© Regiopress, All rights reserved