eccezionale-scoperta-archeologica-a-claro-spuntano-i-menhir
+14
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

L’Ordine degli avvocati: tutorie, sì al sistema giudiziario

La riforma proposta dal Dipartimento istituzioni convince l'Oati: riorganizzazione 'necessaria e urgente'. Chiusa la consultazione: circa 130 le prese di posizione
Locarnese
12 ore

Losone, sfida al sindacato con i guanti di velluto

Intervista ai candidati Bianda (Ppd) e Catarin (Plr): uno scontro fra due amici e colleghi di Municipio. Ma qualche differenza di veduta emerge
Luganese
12 ore

Cadempino, si volta pagina in condizioni mutate

Faccia a faccia tra i candidati alla carica di sindaco, Tom Cantamessi e Juri Bonizzi
Ticino
13 ore

Scuole medie, professionali e speciali: nomine

Le decisioni del Consiglio di Stato per quanto riguarda direzioni e vicedirezioni degli istituti
Ticino
13 ore

Ancora pochi giorni per partecipare al Premio di giornalismo Atg

La scadenza per inoltrare i propri lavori è il 10 maggio. Le categorie sono cinque: stampa scritta, televisione, radio, fotografia e online
Ticino
14 ore

La Prestazione ponte Covid si rafforza e si allunga

Aumentati gli importi massimi, eliminato il limite dei 65 anni, adeguate le soglie e prorogata fino al 31 dicembre. De Rosa: 'Aiuteremo più persone'
Luganese
14 ore

In Valmara, American flag virtuale

La mostra della Artust coinvolgerà quattro Comuni del Basso Ceresio
gallery
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, quando la fotografia è anche memoria

Piazzale alla Valle ospita fino al 24 maggio la mostra "Tracce della memoria", esposizione itinerante a cura dell'agenzia fotografica Ti-Press
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Terza corsia A2, i contrari a Palazzo federale con 6'300 firme

Consegnata la petizione che fa muro al progetto dell'Ustra. Ad aderire cittadini di Mendrisiotto, Basso Ceresio e Luganese
Luganese
15 ore

San Salvatore, in vetta per la festa

Annunciate per domenica novità e animazioni per celebrare le mamme alle quali gli ospiti potranno fare gli auguri e liberarli in cielo.
Locarnese
15 ore

Minusio, scatta la polemica sul vicesindacato

Alessandro Mazzoleni (Uniti x Minusio) privato della carica dopo 7 anni: ‘Triste e deluso’. Il Municipio a maggioranza assoluta Plr gli ha preferito Mondada
Luganese
15 ore

Torrente sulla pena ai 2 agenti: 'Attendiamo le motivazioni'

I due poliziotti di Lugano raggiunti da un decreto d'accusa sarebbero intenzionati a ricorrere. Sospesa l'inchiesta amministrativa
Ticino
15 ore

Migliaia di militi svizzeri e italiani per un'esercitazione

Avanzano i lavori di preparazione, le simulazioni avverranno nel giugno 2022
Bellinzonese
15 ore

Tre condanne e un'assoluzione per i disordini della Valascia

Confermati i reati di sommossa e violenza contro le autorità per i due tifosi dell'Hcap e per quello del Losanna. Prosciolto l'altro supporter biancoblù
Locarnese
15 ore

Bosco Gurin, una 'destination governance' come modello

La proposta del sindaco di Maggia, Andrea Sartori, per appianare le divergenze tra Frapolli e il Patriziato e salvare il futuro della stazione turistica
Bellinzonese
13.06.2019 - 11:130
Aggiornamento : 15:18

Eccezionale scoperta archeologica a Claro: spuntano i menhir

Riportato alla luce un importante sito preistorico, unico nel suo genere in Ticino. Vi sorgerà sopra un edificio privato

Dal 18 aprile 2018 il Servizio archeologia dell’Ufficio cantonale dei beni culturali è impegnato in una nuova indagine di terreno lungo la strada cantonale a Claro. Le ricerche – dirette dagli archeologi Mattia Gillioz e Maruska Federici-Schenardi – stanno riportando alla luce un importante sito preistorico, unico nel suo genere in Ticino. Le indagini proseguiranno ancora due mesi e sono state avviate a seguito di un progetto immobiliare di edilizia privata promosso da Rinaldo Sala e Orlando Lettieri. Fin dalle prime tappe della ricerca i proprietari sono stati informati dei ritrovamenti, ciò che – sottolinea l'Ubc – ha permesso l’ottima collaborazione che tuttora continua. Il sedime oggetto della ricerca è inserito a Piano regolatore nel Perimetro di interesse archeologico denominato Ffs/Duno ed è pertanto tutelato ai sensi della Legge sulla protezione dei beni culturali. Visto l’alto potenziale archeologico dell’area, finora nota per le necropoli protostoriche rinvenute fra 1897 e 1923, il Servizio archeologia è intervenuto prima della nuova edificazione per documentare e salvaguardare le preziose testimonianze ancora conservate nel sottosuolo.

Nel mappale in questione (guarda il video) sono venute alla luce strutture appartenenti a un luogo di culto preistorico del Neolitico (2’500-2'300 a.C.) e dell’età del Ferro (ca. 500 a.C.). La struttura neolitica è composta da almeno cinque megaliti (grandi pietre erette in posizione verticale simili a menhir) e altri blocchi di dimensioni minori provenienti in parte da cave dei dintorni, sbozzati e con tracce di lavorazione. Durante l’età del Ferro i megaliti furono ricoperti e riutilizzati per la costruzione di un nuovo luogo di culto forse con finalità sepolcrali. L’importanza del ritroamento, il primo di questo tipo in Cantone Ticino, è confermata dal parere di specialisti svizzeri nel campo del megalitismo, attivi in Vallese e all’Università di Ginevra.

Il complesso megalitico è formato da almeno cinque grandi massi in gneiss (3-3.5 metri x 1.5; peso di circa 3-4 tonnellate) e altrettanti di grandezza inferiore; probabilmente i massi provengono in parte dal cono di deiezione di Claro, altri per contro sono stati estratti da cave nei dintorni. Sono state rilevate sicure tracce della lavorazione per l’estrazione e della sbozzatura. I megaliti sono stati collocati nel terreno secondo una precisa finalità religiosa o sepolcrale che corrisponde alle caratteristiche di un sito megalitico neolitico, che fu verosimilmente abbandonato alla fine del Neolitico, verso la fine del terzo millennio a.C.. L’imponente struttura dovette restare nella memoria collettiva a lungo perché i megaliti più grandi sono in seguito stati coricati in posizione orizzontale e ricoperti nell’età del Ferro (VI-V secolo a.C.) e riutilizzati come base per erigere un nuovo luogo di culto forse con finalità sepolcrali.

Il contesto storico

Il megalitismo è un fenomeno esteso in ambito europeo che si esprime attraverso strutture composte da grandi blocchi monolitici (menhir) eretti nei pressi degli abitati, collocati singolarmente o inseriti in un’area monumentale, oppure in contesti funerari con la costruzione di sepolture di prestigio (dolmen). Conosciuti in gran parte dell’Europa e in Svizzera (un centinaio di esemplari sul territorio elvetico), essi non erano finora attestati nel Cantone Ticino e nelle aree adiacenti. Il complesso megalitico di Claro è certamente collegato alla presenza di abitanti sulla collina di  Castelgrande durante il periodo neolitico. Nelle immediate vicinanze scavi recenti – in parte ancora in corso – permettono di documentare i perimetri di abitazioni dell’età del Ferro: ancora una volta la conferma che l’area di Arbedo, Castione, Claro, Gorduno, Galbisio, Giubiasco, Pianezzo era abitata da gruppi celtici (i Leponti) le cui ricche tombe dalla fine del XIX secolo attestano la presenza di una élite guerriera.

Significato culturale

Il ritrovamento del sito di culto di Claro è unico in tutta la regione subalpina e di alto valore archeologico non solo per il Cantone Ticino, ma anche a livello nazionale. Esso infatti è la prima testimonianza monumentale della religiosità preistorica nel nostro territorio e rappresenta nel contempo la prova più antica dell’organizzazione territoriale della popolazione stanziatasi nel Bellinzonese, delle capacità creative e artigianali di tali gruppi umani. Siamo in presenza della più antica testimonianza di scultura (con finalità simboliche ed estetiche) e di attività di lavorazione della pietra sul nostro territorio, fatto di per sé assai significativo considerato che l’attività estrattiva in Riviera è ancora oggi esistente.

Guarda tutte le 17 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved