laRegione
antenne-5g-a-bellinzona-impugnato-anche-il-secondo-progetto
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Ndrangheta, al maxi processo di Lamezia c’è pure Pulice

Killer giovanissimo, il collaboratore di giustizia ha trascorsi anche in Ticino dove avrebbe riciclato denaro per conto del clan Mancuso
Luganese
1 ora

Ponte Marca a Gola di lago, si ristruttura

Il Consorzio prevede lavori di manutenzione e un ristoro
Luganese
1 ora

Edilizia privata a Lugano, serve più personale

Ghisletta chiede alla Città di incrementare il personale, altrimenti si rischiano problemi di varia natura, come la disparità di trattamento
Grigioni
1 ora

Mesocco, 2020 positivo per la centralina Nan Ros

L'anno scorso l'impianto ha prodotto 1,4 milioni di kWh. Si tratta del 2,9% in più rispetto alla media decennale
Ticino
1 ora

I Verdi: ‘Test rapidi a tappeto nelle scuole’

Con un'interpellanza di Marco Noi gli ecologisti chiedono anche di inserire i docenti nella categoria prioritaria per il vaccino
Ticino
2 ore

Circolazione, Camorino aperta solo su appuntamento

La misura è legata all'emergenza coronavirus. Esami di guida e collaudi si svolgeranno regolarmente
Bellinzonese
2 ore

Covid-19, servizi comunali a domicilio

Arbedo-Castione, consegna della spesa, di farmaci urgenti e ritiro della spazzatura per persone in quarantena, in isolamento o vulnerabili
Mendrisiotto
2 ore

Delitto di via Valdani a Chiasso, in aula dal 15 marzo

Davanti alla Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Marco Villa compariranno padre e figlio per rispondere del delitto di Angelo Falconi
Luganese
2 ore

Alto Malcantone, petizione contro la chiusura della Posta

Preoccupa la decisione de La Posta che quando pose fine all'attività di Breno, promise il mantenimento del servizio ad Arosio-Mugena
Bellinzonese
04.06.2019 - 16:590

Antenne 5G a Bellinzona, impugnato anche il secondo progetto

Opposizione di Pronzini, altre sono attese entro venerdì quando scadrà la pubblicazione della domanda. Il Municipio: ‘Nostro margine di manovra limitato’

Dopo le cinque opposizioni presentate contro l’antenna di telefonia mobile 5G prevista da Swisscom sullo stabile Business Center in via dei Gaggini, a Bellinzona un altro analogo progetto previsto su un edificio privato in via San Gottardo 23 – la cui domanda di costruzione è in pubblicazione fino a venerdì 7 – sta per essere interessato da un numero importante di opposizioni. La prima finora depositata, come appreso dalla ‘Regione’, è quella del granconsigliere Matteo Pronzini. Lo stesso che insieme ad altre due deputate Mps si è già opposto all’impianto al Business Center. Pronzini, domiciliato in città, ritiene di avere una legittimità attiva a opporsi “a questo grave rischio per la mia salute”. E anche perché “nel perimetro della prevista antenna vi è una forte concentrazione di costruzioni abitative, scuole, posti di lavoro e case per anziani”.

'Garantire la salute della popolazione'

Nel testo il granconsigliere esordisce ricordando che “l’innocuità delle onde emesse da queste installazioni, che vanno ad aggiungersi alle altre molteplici fonti di emissioni di vecchia generazione, non è stata ancora provata”. Poiché uno studio ordinato dall’Ufficio federale dell’ambiente è attualmente in corso, “dev’essere applicato il principio di precauzione ancorato nella legislazione federale”. Finché i risultati dello studio non saranno stati pubblicati, “è quindi di fondamentale importanza garantire la sicurezza e la salute della popolazione e di chi lavora a Bellinzona, rinunciando per ora a ogni tipo di installazione” 5G. Peraltro – aggiunge Pronzini – nessuna pianificazione è stata stabilita riguardo all’istallazione delle nuove antenne sul territorio cantonale o comunale: “Le cose sono state fatte precipitosamente violando i principi di pianificazione e di coordinamento previsti dal diritto delle costruzioni e dalla pianificazione del territorio”. A questa opposizione se ne aggiungeranno altre, probabilmente anche sottoscritte ciascuna da più persone vista la campagna di adesione a un’azione collettiva lanciata sul profilo Facebook “Stop 5G Svizzera italiana” attivato per opporsi alle nuove antenne su tutto il territorio cantonale.

In Svizzera valori limite 10 volte inferiori ai paesi confinanti

Intanto il Municipio rispondendo a due interpellanze Plr e Mps (una terza è stata presentata oggi dal Ppd) spiega che il proprio margine di manovra “si limita alla verifica dell’inserimento ordinato e armonioso dell’impianto” e all’applicazione dell’articolo 19 ter delle Napr secondo cui i gestori delle antenne devono dimostrare, caso per caso, che non sono disponibili ubicazioni nelle zone con priorità più alta. Quanto al potenziale della tecnologia 5G, l’utilità è riconosciuta, “ritenuta la salvaguardia della salute della popolazione”. Tuttavia “non è possibile negare permessi di costruzione per la posa di nuove antenne invocando il principio di precauzione, visto che i valori limite nelle norme federali sono 10 volte inferiori a quelli dei paesi confinanti”. Ciò nonostante il Ppd sollecita un’analisi sull’impatto per la salute.

© Regiopress, All rights reserved