a-gorduno-elettrosmog-oltre-i-limiti
+6
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Gestione acquedotto Collina d’Oro, è riuscito il referendum

Si andrà a votare sulla proposta del Municipio d’istituire il passaggio della gestione dell’impianto alle Ail. Il sindaco: ‘non ritiriamo il messaggio’
Mendrisiotto
1 ora

Pannelli fotovoltaici per tutti a Mendrisio

In una mozione interpartitica un gruppo di consiglieri comunali propone di lanciare una raccolta fondi per estendere gli aiuti anche agli inquilini
Ticino
1 ora

‘Nessuno sta sotto i ponti. Malessere giovanile, non economico’

Presentati gli aggiornamenti del Morisoli Welfare Index. Pamini: ‘Lo Stato sociale è da riformare integralmente ripensando l’uso delle attuali risorse’
Ticino
9 ore

‘Norme moderne e solide per la Cantonale e le polcom’

Il capo del Dipartimento istituzioni Gobbi sulla revisione totale della Legge polizia.Il comandante Cocchi: si è iniziato a lavorare dieci anni fa
Ticino
11 ore

Scuole post obbligatorie, riconosciuta la parità formale

Le licenze di scuola media non avranno più la ‘menzione Sms’, che creava un’asimmetria per l’accesso alle scuole professionali e a quelle medio superiori
Luganese
11 ore

Bioggio: fermato un cantiere, indizi di reperti archeologici

Proprietario di una casa in costruzione ‘bloccato’ per dar luogo alle indagini dell’Ufficio cantonale dei beni culturali
Bellinzonese
12 ore

Entra finalmente nel vivo la nuova stagione estiva di Carì

Dallo scorso weekend gli impianti di risalita sono in funzione sino a quota 2’000 metri, scatta un ricco programma di attività
16.05.2019 - 07:08
Aggiornamento: 16.06.2019 - 14:27
di Katiuscia Cidali

A Gorduno elettrosmog oltre i limiti

Studio Supsi evidenzia valori fino a sette volte sopra la soglia. Immissioni degli elettrodotti sul monte Scareuro e sul fondovalle superiori al consentito

Radiazioni non ionizzanti oltre i limiti. Le immissioni degli elettrodotti misurate in collina e sul fondovalle di Gorduno sono superiori ai parametri consentiti attualmente. È quanto emerge dai risultati dello studio elaborato dalla Supsi e commissionato dal Gruppo monte Scareuro che da quasi dieci anni si batte per lo spostamento delle linee ad alta tensione lontano dalle zone abitate. L’inquinamento elettromagnetico è un tema di stretta attualità e gli interrogativi sull’impatto che queste radiazioni possono avere sulla salute sono fonte di preoccupazione; basti pensare al moltiplicarsi delle moratorie sul 5G. Le radiazioni delle antenne di radiotelefonia mobile sono limitate dall’Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (Orni), la stessa che fissa i limiti per le radiazioni degli elettrodotti. Dalle misurazioni effettuate in tre punti sensibili a Gorduno, all’interno e all’esterno di due abitazioni in collina e una sul fondovalle in via Rivascia, emerge che i valori massimi rilevati superano la soglia del valore limite di 1 microtesla, toccando punte di 7,35 all’esterno di uno stabile in collina. Pur essendo oltre i limiti non si può parlare di una situazione di illegalità. Questo poiché i vecchi impianti presenti a Gorduno rispondono a normative precedenti, i cui valori limite, fissati dall’Orni, erano meno restrittivi. Gli impianti non sono dunque fuori norma ma va fatto presente che la soglia è stata abbassata di molto: si è passati da 100 microtesla (valore massimo fino al 2000) a 1. Swissgrid ha documentato che a livello europeo fa stato il limite di 100 e non di 1.

Misurazioni al minuto

La prima misurazione, effettuata in maniera continua con un’apposita apparecchiatura, è stata eseguita tra il 3 e il 17 dicembre all’interno e all’esterno di un edificio sul monte Scareuro, situato vicino a elettrodotti. All’esterno il valore massimo di immissioni a bassa frequenza riscontrato è stato di 3,44 microtesla, all’interno di 2,82. Nella seconda misurazione – eseguita dal 7 al 21 gennaio in un altro stabile – sono stati riscontrati valori massimi di 7,35 microtesla all’esterno e 2,7 all’interno. Dal 21 gennaio al 4 febbraio, la centralina ha rilevato 1,98 come valore massimo all’esterno e 1,65 all’interno dell’edificio sul fondovalle. «Immaginavamo che i valori potessero essere oltre i limiti, ora ne abbiamo la certezza», così hanno commentato i dati Pietro Minotti e Danilo Pedrazzi, entrambi alla testa del Gruppo Scareuro. Nelle prossime settimane il gruppo incontrerà Swissgrid per un confronto e per chiedere che intenzioni vi sono per gli impianti presenti sul monte.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved