un-unico-istituto-di-scuola-media-per-tutta-la-leventina
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 min

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5a D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4a A di Chiasso agli onori
Luganese
11 min

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
Locarnese
14 min

Minusio-Mappo, miniferrovia in servizio nel weekend

Locomotive a vapore ed elettriche traineranno i convogli (solo se non piove) domenica 22 maggio dalle 14.30 alle 17.30
Locarnese
25 min

Due presentazioni librarie alle scuole di Riazzino

Domani dalle 17 incontro con gli autori Zeno Ramelli e Jan Gaggetta, grazie alla Commissione culturale del Municipio di Lavertezzo
Bellinzonese
28 min

Ostilità digitale e odio reale: se ne parla a Bellinzona

Incontro pubblico il 24 maggio alla Biblioteca cantonale con quattro conferenzieri
Ticino
31 min

Pulcini malati importati illegalmente, azienda sotto sequestro

Nei piccoli volatili è stato riscontrato il virus della malattia di Newcastle. La persona che ha importato i pulcini illegalmente sarà sanzionata
Luganese
39 min

Avventure da non perdere nell’estate luganese

Lugano Marittima debutterà il 25 maggio. Dal 3 giugno lungolago riservato ai pedoni il venerdì, sabato e domenica
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, disagio negli eco-punti ‘relativamente contenuto’

Nel 2021 il Dicastero ambiente ha effettuato dei controlli: gli abusi commessi da persone non residenti che hanno consegnato carta, vetro e lattine
15.05.2019 - 05:50

Un unico istituto di Scuola media per tutta la Leventina

È quanto ipotizza il Decs per il futuro. Il ministro Bertoli: ‘Ragionamenti in corso sull’unificazione delle direzioni di Ambrì e Giornico’

di Samantha Ghisla

Soli 114 allievi suddivisi in 8 sezioni: un po’ pochi per giustificare l’esistenza di un istituto scolastico. Per questo motivo il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) sta pensando di crearne uno solo per tutta la Leventina, con un’unica direzione ma continuando a mantenere le attuali sedi dislocate sul vasto territorio di valle. L’intenzione si evince dal contributo del consigliere di Stato e direttore del Decs Manuele Bertoli pubblicato ieri sulla rivista ‘Media Viva’ della scuola di Ambrì. Da noi interpellato, Bertoli conferma quest’intenzione, anche se una decisione in tal senso non è ancora stata presa. «È in corso un ragionamento, in particolare alla luce del fatto che la scuola media di Ambrì è molto piccola e diventa difficile giustificare l’esistente di una sede a se stante», spiega il direttore del Decs. Come si legge sulla pubblicazione, a termine di paragone la media cantonale è di 334 allievi (17 sezioni) per sede. E la sede di Gordola, che è la più grande del cantone, conta ben 595 allievi (30 sezioni), oltre quattro volte quelli presenti ad Ambrì. Quest’ultima è “di gran lunga la più piccola sede a livello cantonale per numero di allievi”. Altre cifre elencate da Bertoli mostrano che i residenti nei Comuni del circondario scolastico Alta Leventina sono calati da 4’092 del 1980 (anno di fondazione della sede) a 3’279 a fine 2017. Con questa prospettiva – e “a meno di un’improbabile inversione di tendenza” – l’intenzione del Decs è dunque di unificare la direzione di Ambrì con quella della scuola media di Giornico e la relativa sottosede di Faido. D’altronde, viene aggiunto, tutte le valli ticinesi hanno un solo istituto. In questo modo la scuola media leventinese sarebbe l’unica del Cantone a essere composta da tre sedi. «Fusione non vuole dire spostamento di allievi», assicura infatti Bertoli, precisando che gli allievi continuerebbero come ora a frequentare la sede più vicina al loro domicilio. «Gli spazi rimarrebbero tali fino a quando i numeri lo giustificano», specifica.

L’obiettivo ultimo non avrebbe a che vedere con un risparmio sui costi, aggiunge poi il direttore del Decs, bensì con la possibilità di offrire un’organizzazione il più possibile efficace e vicina al territorio. Per quanto riguarda le tempistiche, è ancora presto per prevedere quando il cambiamento potrebbe essere implementato. È probabile che si debba attendere la scadenza di qualche funzione in seno alle attuali direzioni. Il ministro sottolinea che con esse il discorso è stato affrontato per ora solo in termini generali. Da noi contattato, il direttore delle Medie di Ambrì Marco Vosti non si è espresso sulla notizia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved