Villa Bonetti a Bellinzona
Bellinzonese
12.04.2019 - 18:460

Dal fallimento Airlight all'asta: in vendita Villa Bonetti

Il proprietario è stato una delle menti propulsive della ditta biaschese finita gambe all'aria nel 2017. All'incanto anche la villa che fu di Renzo Molina

A Biasca dalla metà degli anni 2000 fino al 2016 è stato una delle menti creative e propulsive del rivoluzionario progetto di 'girasole elettrico' sviluppato dalla Airlight, azienda presente in Ticino con tre Sa e una trentina di dipendenti, attiva nel settore delle energie rinnovabili e fallita tre anni fa per mancanza di fondi lasciando sul terreno diversi debiti e il prototipo di impianto 'termodinamico a cenere' destinato a essere smantellato. Grandi intuizioni tecnologiche per la start up che ha investito 150 milioni di franchi in nove anni – fra cui anche aiuti cantonali e federali – senza però riuscire a concretizzare la messa in esercizio dell'unico impianto realizzato in Marocco e costato 120 milioni.

Fra i gioielli architettonici più belli di Bellinzona

Ora, archiviato quel doloroso capitolo, per poter far cubare i conti l'Ufficio esecuzione e fallimenti di Bellinzona mette all'asta le proprietà private dell'ingegnere 46enne di origini leventinesi. E che proprietà! La prima, per un valore di stima peritale pari a 7,6 milioni di franchi, è nientemeno che Villa Bonetti, fra gli edifici storici di maggior pregio presenti nella Turrita. Fatta realizzare fra il 1911 e il ’13 dall'imprenditore Giovanni Battista Bonetti e progettata dall'architetto di fama internazionale Enea Tallone, la villa è sottoposta a vincolo di protezione ed era stata acquistata dall'ingegnere di Airlight e dalla moglie nella primavera 2010. Scopo, trasformarla nella loro abitazione primaria. Pregevole esempio di architettura patrizio-lombarda d’inizio ’900 incastonato nel quadrilatero compreso fra piazza Orico, via Salvioni, viale Franscini e via Motta, l'edificio fa parte di un'oasi botanica a due passi dal centro. In tutto 3'500 metri quadrati e rotti di superficie, affacciati tuttavia su una delle arterie maggiormente trafficate del centro cittadino.

Restauro in corso dal 2011

Dotata di trenta vani suddivisi su quattro piani e sormontata da una torretta e tetti a padiglione, la villa – secondo il perito chiamato a verificarne lo stato di salute, giudicato buono – è “uno dei migliori esempi di architettura in stile lombardo conservatosi in Ticino”. A suo tempo si era invece scritto che la villa è caratterizzata dalla policromia delle facciate tipica della tradizione toscana. Il perito oggi evidenzia “i mattoni facciavista di colore rosso con motivi ornamentali in verde e componenti decorativi in ceramica, mentre gli elementi architettonici quali colonne, stipiti, davanzali, festoni, ecc. sono in granito grigio della Leventina”. Dal 2011 – prosegue il perito – è in corso un intervento generale di restauro e ristrutturazione, nell'ambito del quale sono stati eseguiti lavori incisivi negli interni (intonaci, tinteggiature, controsoffitti) che non hanno compromesso il valore generale, architettonico e storico dell'edificio.

Tante idee, nessuna concretizzata

Nel 2009, ricordiamo, l'allora sindaco Brenno Martignoni aveva suggerito di inserirvi la Scuola alberghiera e del turismo, oppure l'Ente ticinese per il turismo, oppure ancora una 'Casa dei popoli' nella quale le varie comunità di stranieri, associazioni e organizzazioni attive su scala cantonale avrebbero potuto trovare un luogo di riunione, espressione e scambio interculturale. Idee che nessuno ha mai raccolto. Non foss'altro per l'onere dell'acquisto – la proprietà era sul mercato per 2,5 milioni di franchi – e della ristrutturazione che avrebbe richiesto almeno altri 2 milioni d'investimento.

L'altra villa a Galbisio

La seconda villa che l'ex ingegnere di Airlight e moglie si son visti mettere all'asta (appuntamento con l'incanto pubblico il 9 luglio, ore 9.15, all'Ufficio di esecuzione in via Guisan 3 a Bellinzona) è quella realizzata nel 1980 a Galbisio dall'architetto Renzo Molina, già municipale di Bellinzona deceduto nel 2010. Valore di stima 3,17 milioni di franchi.

Potrebbe interessarti anche
Tags
villa
airlight
bonetti
asta
franchi
bellinzona
milioni franchi
anni
valore
ingegnere
© Regiopress, All rights reserved