Pro Natura
Bellinzonese
20.03.2019 - 19:080
Aggiornamento : 23:02

Pneumatici, batterie, ferro e plastiche in Legiuna

Un gruppo di giovani ha ripulito questa zona protetta d'importanza nazionale accumulando 900 litri di rifiuti abbandonati

Quindici sacchi della spazzatura da 60 litri pieni di rifiuti abbandonati nella natura. È quanto ha raccolto domenica scorsa il Gruppo Giovani di Pro Natura Ticino – in accordo con l’Ufficio natura e paesaggio, l’Associazione pescatori bleniesi, e con la collaborazione dei Comuni di Biasca e Serravalle, così come del gruppo “Loderio c’è” – durante un’azione di pulizia alla Legiuna, una zona protetta d’importanza nazionale molto preziosa per la flora e la fauna. I giovani hanno raccolto e separato una gran massa di rifiuti che si trovavano fra i rovi, nel bosco e nel canneto: molti dei rifiuti raccolti datavano di alcune decine d’anni (vecchi pneumatici, batterie d’auto, contenitori di ferro e vetro), mentre altri (soprattutto le plastiche) avevano un’origine più recente. L’inverno è la stagione ideale per intervenire in questi ambienti naturali – sottolinea Pro Natura in un comunicato – in quanto non si disturbano flora e fauna: non è periodo di nidificazione e la vegetazione è in “riposo” invernale.

Oltre al lavoro di raccolta, i giovani hanno imparato nuove nozioni sul ciclo dei rifiuti e si sono divertiti con giochi nella natura. Un’attività certamente gratificante per i partecipanti che però, fa notare Pro Natura, apprezzerebbero di più stare all’aperto senza prima dover ripulire la natura dai rifiuti. Un ringraziamento da parte loro va a chi agisce rispettosamente, mentre l’auspicio è che sempre più persone diventino consapevoli del loro agire. Pro Natura ne approfitta per ricordare che il Gruppo Giovani organizza mensilmente escursioni e campi estivi con il motto: divertirsi e imparare nella natura. Maggiori informazioni su www.pronatura-ti.ch/giovani.

Potrebbe interessarti anche
Tags
rifiuti
giovani
natura
pro natura
pro
gruppo giovani
legiüna
plastiche
batterie
ferro
© Regiopress, All rights reserved