passo-avanti-per-i-beni-protetti-a-bellinzona
Il fu Villino Salvioni nelle ultime ore di vita (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
25 min

Biasca, aperto il concorso per progettare la casa anziani

La nuova casa di riposo rappresenta la seconda tappa del progetto comprendente anche la realizzazione di stabili scolastici nel comparto Bosciorina
Luganese
32 min

Nato un bimbo al carcere Farera

È la prima volta che una donna partorisce in una struttura carceraria ticinese
Luganese
1 ora

Assistenti di farmacia, consegnati 37 nuovi diplomi

Cerimonia di consegna degli attestati federale di capacità a Lugano. Ospite, il direttore del Dss, Raffaele De Rosa
Locarnese
1 ora

Brissago, alla Hildebrand un ambulatorio per il long-covid

La clinica metterà a disposizione personale specializzato e conoscenze per il percorso riabilitativo dei pazienti toccati dai postumi della pandemia
Locarnese
1 ora

Verzasca, i 105 anni di Aurelio Gnesa

Storico traguardo per il decano della Valle, festeggiato lunedì corso dalle autorità comunali e dei familiari
Mendrisiotto
2 ore

Riva San Vitale, il Fc si riunisce in assemblea

I lavori si terranno mercoledì 13 luglio nella sala patriziale Al Torchio, con inizio alle 20.15
Locarnese
3 ore

Alba, in attesa di risposte da Berna si compattano i ranghi

L’Associazione che si batte a difesa dell’Aeroporto cantonale di Locarno ha pronto un suo Consiglio strategico
Luganese
3 ore

Prima di quella dei conferenzieri, s’alza la voce di Greenpeace

Azione di alcuni militanti ‘verdi’, che in prossimità della sede degli incontri della conferenza sull’Ucraina hanno issato una finta pala eolica
Luganese
4 ore

A Lugano al lavoro per un ‘piano Marshall’ ucraino

Ultimi scampoli di conto alla rovescia in riva al Ceresio: alle 13.30 Ignazio Cassis e Volodymir Zelensky (virtualmente) daranno il via ai lavori
Luganese
8 ore

Conferenza Ucraina: ‘Simbolica? Direi piuttosto solidale’

Artem Rybchenko, ambasciatore ucraino a Berna, sulla Ukraine Recovery Conference di Lugano: ‘Preziosa opportunità di incontro coi partner internazionali’
Luganese
8 ore

Resega e dintorni, un ‘regalo’ all’Hcl?

Fa discutere la concessione di un diritto di superficie per una palazzina attigua alla pista
Ticino
15 ore

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
16 ore

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
16.03.2019 - 14:45
di Samantha Ghisla

Passo avanti per i beni protetti a Bellinzona

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso inoltrato da un privato contro la decisione del Consiglio comunale

Durante l’ultima seduta di Consiglio comunale, alla trattanda sulla variante di Piano regolatore per inserire il comparto di Prada nei beni culturali d’importanza cantonale, il municipale a capo del Dicastero territorio e mobilità Simone Gianini lo ha sottolineato all’indirizzo dei consiglieri comunali: «È importante che decidiate con piena cognizione e consapevolezza, a scanso di eventuali ricorsi contro le vostre decisioni». Ed è proprio quanto il Consiglio di Stato ha recentemente sentenziato, respingendo un ricorso interposto all’inizio dello scorso anno da un privato contro la decisione con cui il Consiglio comunale della Città aggregata il 4 dicembre 2017 aveva adottato all’unanimità due varianti relative all’elenco dei beni culturali meritevoli di protezione sul territorio della ‘vecchia’ Bellinzona (243 edifici di cui circa la metà di proprietà privata, compresa una cinquantina di ville storiche) e in merito a ulteriori edifici sottoposti a interventi conservativi all’interno del centro storico (157).

La conclusione cui è giunto il CdS è che il Municipio di Bellinzona avesse informato in modo adeguato i consiglieri comunali. Respinto dunque il ricorso del cittadino che chiedeva l’annullamento della decisione, sostenendo che in una precedente revisione del Piano regolatore fosse già
stato fatto il censimento dei beni da proteggere a livello locale. Ma ciò non è il caso, ha osservato il CdS, respingendo anche le altre censure sollevate dal ricorrente, a partire dalla mancanza di un rapporto sul messaggio da parte della Commissione speciale istituita ad hoc dal Municipio. Il ruolo consultivo della commissione è infatti stato rispettato – ha stabilito la sentenza – e l’esecutivo ha seguito correttamente l’iter iniziato nel 2013 che prevedeva anche l’allestimento della documentazione sottoposta al Dipartimento del territorio per esame preliminare.

L’onere finanziario della Città

Un altro aspetto su cui si basava il ricorso era la mancanza di indicazioni precise sulle conseguenze finanziarie sulle casse comunali. In realtà, spiega il governo, uno studio approfondito non avrebbe fornito una visione completa e definitiva dell’impatto finanziario, essendo molte le variabili. Come spiega da noi contattato il municipale Gianini, se è vero che da una parte la procedura celere e innovativa intrapresa dalla Città per la protezione dei beni culturali risponde all’accresciuta sensibilità da parte della popolazione sulla memoria storica del nostro territorio, dall’altra non va dimenticato che dietro ai beni protetti vi sono anche dei proprietari privati. «È quindi importante trovare un equilibrio
in modo da porter aiutare a livello finanziario i proprietari che lo necessitano», sottolinea Gianini. Il capodicastero preannuncia che, una volta che le tutele saranno entrate in vigore, verrà applicata la prassi già utilizzata a livello cantonale con la Legge sui beni culturali che prende
in considerazione diversi elementi, tra cui l’importanza del bene, il grado di conservazione e la forza finanziaria.

Il proprietario di un bene protetto è tenuto ad effettuare una riattazione adeguata, per esempio dovendo sostituire i telai delle finestre in legno, al posto della più economica versione in pvc. Una differenza di prezzo che, in caso di bene protetto a livello locale, verrebbe sostenuta in una certa misura da parte del Comune. «Anche per questo è importante che la variante entri in vigore: senza la base legale inserita nel Piano regolatore non possiamo ancora garantire un aiuto concreto ai proprietari che si trovano a dover riattare un bene protetto con costi
supplementari per rispettare le cautele richieste dall’Ufficio dei beni culturali», aggiunge Gianini.

La sentenza del Consiglio di Stato di fine gennaio segna dunque un importante passo avanti e permette all’esecutivo di procedere con la pubblicazione delle varianti in base alla Legge sullo sviluppo territoriale; fase durante la quale sarà possibile inoltrare opposizioni al CdS da
parte dei proprietari interessati. Materia per il futuro sarà inoltre l’estensione della protezione locale ai nuovi quartieri della Città, aspetto pure sollevato dal ricorrente che temeva una differenza di trattamento a livello di licenze edilizie tra cittadini del centro e degli altri quartieri,
ma respinto dal governo. «È un tema ben presente – conclude Gianini – che, laddove non già esaminato dai precedenti Comuni, verrà affrontato in maniera globale nell’ambito dei prossimi lavori di Masterplan per tutto il territorio del nuovo Comune di Bellinzona».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved