laRegione
ad-acquacalda-scocca-l-ora-dell-ermellino
Samuel Morisoli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 min

Lugano, lungolago chiuso e pedonale

Domenica 31 gennaio, dalle 10 alle 16 le auto non circoleranno tra la rotonda del LAC e piazza Castello
Luganese
2 ore

Club privé Massagno, il proprietario salva il locale ‘hot’

Deserta l’asta indetta dall’Ufficio esecuzioni del mobilio del luogo per scambisti. E il fondatore se la aggiudica per 50 franchi. ‘Sanerò gli affitti’
Ticino
2 ore

Boom di ‘fake review’ nell’anno della pandemia

La maggior parte degli utenti le considerano valide quanto i suggerimenti di amici e parenti. Il web è però pieno di recensioni false o tendenziose
Luganese
2 ore

‘Riaprite la prostituzione almeno negli appartamenti’

Le ultime risoluzioni governative vietano l’attività in tutto il cantone. La critica di una ragazza: ‘La richiesta c'è, così ci spingono nell'illegalità’
Locarnese
10 ore

Tenero, alla scoperta della Biblioteca per persone cieche

L’istituto, nato oltre 70 anni fa, ha da poco ricevuto un riconoscimento dall’Ufficio federale della cultura. Ce lo presenta la sua responsabile
Ticino
11 ore

Rustici in pericolo per ‘l'intransigenza di Berna’

Un'interpellanza interpartitica chiede chiarimenti al Governo riguardo ai numerosi ricorsi dell'Are
Mendrisiotto
12 ore

Con i Bitcoin Chiasso rilancia la piazza finanziaria

Il Municipio ci crede e alza a mille franchi la quota d'imposte da pagare in criptovaluta. Il sindaco: 'Le aziende del settore sono benvenute'
Ticino
12 ore

I Verdi rinnovano sito e comunicazione online

Ospita tutti e tre i livelli istituzionali in cui sono presenti eletti ecologisti. Lanciata anche una piattaforma dedicata alle conferenze in streaming
Ticino
12 ore

‘Nuovi aiuti da Berna doverosi, ma occhio ai conti pubblici’

Le reazioni dal parlamento ticinese sul raddoppio delle risorse finanziarie per i casi di rigore. Gobbi: passo timido sugli ingressi in Svizzera
Bellinzonese
13 ore

Due alberghi in vendita a Olivone: Posta e San Martino

Per entrambi progetti di rilancio non andati in porto. Luciano Cattaneo, titolare della società proprietaria del San Martino: ‘In valle manca entusiasmo’
Ticino
13 ore

‘I test Covid rapidi generano falsa sicurezza’

Il consigliere di Stato Raffaele De Rosa (Dss) sollecita chiarezza scientifica sulla proposta del Consiglio federale di testare a tappeto
Mendrisiotto
13 ore

A Vacallo nel 2020 raccolti 1'350 sacchi di plastiche

Un anno prima erano stati 1'590 (pari a 27 vagoni), 240 in più fra contenitori e cellophane separati nella raccolta
Bellinzonese
16.06.2018 - 06:300

Ad Acquacalda scocca l'ora dell'ermellino

Da oggi al Centro Pro Natura Lucomagno esposte le immagini dell’animale dell’anno 2018 scattate da Samuel Morisoli. E c'è anche il ritorno del gipeto

Fotografare l’ermellino «è un po’ come giocare a ‘Un due tre stella!’. È un animale curioso, ma se cerchi di avvicinarlo scappa. Ho imparato ad avvicinarlo quando si rintana. Nel momento in cui rispunta, mi immobilizzo e così andiamo avanti fino a che non riesco ad avvicinarmi il più possibile». Questo è uno dei tanti aneddoti di esperienze fotografiche vissute con gli animali raccontatoci da Samuel Morisoli, educatore e fotografo appassionato. L’occasione della chiacchierata ci è stata data dalla sua mostra negli spazi del Centro Pro Natura Lucomagno ad Acquacalda, a partire da oggi (sabato 16, inaugurazione ore 16) fino a ottobre. La mostra è dedicata all’animale dell’anno: dopo il cervo del 2017, il 2018 è infatti dell’ermellino, scelto perché è diventato oramai sempre più raro da avvistare in alcune regioni. Assieme alle fotografie che ritraggono il mustelide, l’esposizione prevede una sezione dedicata al gipeto e – aggiunge Samuel, che tiene anche a ringraziare il centro per l’opportunità – alcuni spazi verranno allestiti con sue fotografie che mostrano altre specie animali dell’arco alpino: «Camosci, stambecchi, volpi, scoiattoli».

«Mi sono avvicinato alla fotografia circa vent’anni fa, anche se ho sempre fotografato, come tutti, durante le mie vacanze». Con Samuel abbiamo chiacchierato sulla nascita della passione per l’obiettivo, esplorazioni fotografiche alla ricerca di paesaggi mozzafiato e soprattutto sulla fotografia di animali, che presuppone una preparazione ampia che non riguarda solo gli spetti tecnici compositivi, bensì anche tutta una serie di nozioni.

Affatto scontato

Fotografare gli animali presuppone una preparazione che comprende la conoscenza di zone e i periodi di presenza, quindi gli habitat; ma anche il comportamento va capito. Gli animali diurni e notturni hanno ad esempio differenti comportamenti alimentari e di caccia. E... «bisogna avere tanta pazienza, perché malgrado si conosca l’animale e il suo habitat, magari ci vogliono giorni prima di vederlo». Avvistamento, aggiunge Morisoli, che non implica per forza la riuscita di una buona fotografia. La composizione dev’essere fulminea e bisogna anche contare su di un pizzico di fortuna: «Ci sono elementi che non si possono controllare. Spesso l’animale si perde nell’ambientazione. Dal canto mio, cerco di giocare d’anticipo muovendomi pensando alla composizione giusta, sperando che l’animale non cambi direzione».

Bisogna inoltre tener conto dei rumori, come quello dell’otturatore: «Mi è capitato quella volta che ero alla ricerca del martin pescatore. Ho dovuto abituarlo pian piano, avvicinandomi molto lentamente, affinché non percepisse più quel rumore come pericolo. Lo stesso è capitato con l’ermellino».
Come hai scoperto questa passione? «Mi sono deciso ad acquistare un apparecchio reflex la prima volta che sono andato in Africa. Da lì, il mio interesse è diventato sempre più grande e, da autodidatta, ho imparato e tuttora imparo a scattare fotografie. Soprattutto provando tantissimo». Passione che è cresciuta pari passo con quella per le escursioni e i viaggi, vicini e lontani: «Una volta ho preso parte alla ‘spedizione’ alla ricerca dell’orso polare a Churchill in Canada e ancora in Slovenia per l’orso bruno». Samuel ha viaggiato e viaggia in molti paesi, alla ricerca anche dello scatto perfetto: «Sono stato in diversi Paesi dell’Africa e ci torno ogni anno, Canada, Stati Uniti (i parchi nazionali, eccezionali!), nel nord Europa. Senza scordare la Svizzera e il Ticino, con frequenti escursioni». Sono tanti gli aneddoti che Samuel si è portato a casa: «È difficile sceglierne uno.

Sicuramente, vedere gli orsi polari da molto vicino è stata un’emozione, per non parlare dello spavento quando uno degli orsi ha deciso di cambiare percorso e venire verso di noi». Ma è proprio l’ermellino ad aver regalato al fotografo le emozioni più grandi: «Ricordo che la prima volta che l’ho visto, era sul Lucomagno. Senz’ombra di dubbio è il mio animale».
Info www.samuelfotografia.com, www.pronatura-lucomagno.ch.

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved