laRegione
Nuovo abbonamento
ad-acquacalda-scocca-l-ora-dell-ermellino
Samuel Morisoli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

In piscina a Chiasso si torna a staccare il biglietto

Da Ferragosto il Municipio allenta le disposizioni. Per un tuffo non ci vorrà solo l'abbonamento. Misura che aveva escluso i ragazzini meno fortunati
Locarnese
8 ore

Borgnone, la festa dei patrizi non si fa

Annullata per Covid-19. Previste, invece, le giornate di volontariato
Locarnese
9 ore

Ascona, Campionato ticinese del lancio del sasso

L'edizione 2020 della manifestazione si terrà sul lungolago, in Piazzale Elvezia
Mendrisiotto
9 ore

Raccolta carta a Castel San Pietro grazie agli Esploratori

Sabato si dà appuntamento di buon mattino al magazzino comunale. Niente giro
Locarnese
9 ore

Verzasca, sul sentiero delle leggende

Due nuove sculture in legno per un percorso fantastico con merenda nella casetta della strega
Luganese
9 ore

Interventi di conservazione per la Masseria Reali di Cadro

Il Municipio di Lugano sottoscrive la richiesta di un credito di 320mila franchi per lo storico edificio protetto a livello locale.
Mendrisiotto
10 ore

Treni InterCity, il Mendrisiotto rilancia con un'altra petizione

Dopo il veto delle Ffs alle richieste del Distretto, è il deputato Massimilino Robbiani a chiamare a raccolta i cittadini
Luganese
10 ore

Per Besso la Posta opta per un partenariato alla stazione

Collaborazione con la Farmacia della Stazione quale sede della regione Lugano 3.
Luganese
10 ore

Radiografia delle strutture e delle associazioni sportive

L’Ente regionale per lo sviluppo e la Città di Lugano (in particolare la Divisione Sport) hanno dato avvio all’inventario.
Ticino
10 ore

Problemi all'antenna dell'Mpc, 'quali conseguenze per il Ticino?'

Fonio (Ppd) e Bignasca (Lega) interrogano il Consiglio di Stato alla luce delle recenti notizie su presunti episodi di mobbing nella sede luganese
Luganese
11 ore

Un secolo, e non sentirlo, per Oscar Remonda

Il neo centenario è stato festeggiato nella sua abitazione di Viganello dal sindaco di Lugano Marco Borradori.
Ticino
11 ore

‘La maturità professionale non basta per lavorare al liceo?’

Edo Pellgrini (gruppo Udc) in un interrogazione chiede al governo di precisare quali titoli siano sufficienti per un posto di impiegato dello Stato
Bellinzonese
16.06.2018 - 06:300

Ad Acquacalda scocca l'ora dell'ermellino

Da oggi al Centro Pro Natura Lucomagno esposte le immagini dell’animale dell’anno 2018 scattate da Samuel Morisoli. E c'è anche il ritorno del gipeto

Fotografare l’ermellino «è un po’ come giocare a ‘Un due tre stella!’. È un animale curioso, ma se cerchi di avvicinarlo scappa. Ho imparato ad avvicinarlo quando si rintana. Nel momento in cui rispunta, mi immobilizzo e così andiamo avanti fino a che non riesco ad avvicinarmi il più possibile». Questo è uno dei tanti aneddoti di esperienze fotografiche vissute con gli animali raccontatoci da Samuel Morisoli, educatore e fotografo appassionato. L’occasione della chiacchierata ci è stata data dalla sua mostra negli spazi del Centro Pro Natura Lucomagno ad Acquacalda, a partire da oggi (sabato 16, inaugurazione ore 16) fino a ottobre. La mostra è dedicata all’animale dell’anno: dopo il cervo del 2017, il 2018 è infatti dell’ermellino, scelto perché è diventato oramai sempre più raro da avvistare in alcune regioni. Assieme alle fotografie che ritraggono il mustelide, l’esposizione prevede una sezione dedicata al gipeto e – aggiunge Samuel, che tiene anche a ringraziare il centro per l’opportunità – alcuni spazi verranno allestiti con sue fotografie che mostrano altre specie animali dell’arco alpino: «Camosci, stambecchi, volpi, scoiattoli».

«Mi sono avvicinato alla fotografia circa vent’anni fa, anche se ho sempre fotografato, come tutti, durante le mie vacanze». Con Samuel abbiamo chiacchierato sulla nascita della passione per l’obiettivo, esplorazioni fotografiche alla ricerca di paesaggi mozzafiato e soprattutto sulla fotografia di animali, che presuppone una preparazione ampia che non riguarda solo gli spetti tecnici compositivi, bensì anche tutta una serie di nozioni.

Affatto scontato

Fotografare gli animali presuppone una preparazione che comprende la conoscenza di zone e i periodi di presenza, quindi gli habitat; ma anche il comportamento va capito. Gli animali diurni e notturni hanno ad esempio differenti comportamenti alimentari e di caccia. E... «bisogna avere tanta pazienza, perché malgrado si conosca l’animale e il suo habitat, magari ci vogliono giorni prima di vederlo». Avvistamento, aggiunge Morisoli, che non implica per forza la riuscita di una buona fotografia. La composizione dev’essere fulminea e bisogna anche contare su di un pizzico di fortuna: «Ci sono elementi che non si possono controllare. Spesso l’animale si perde nell’ambientazione. Dal canto mio, cerco di giocare d’anticipo muovendomi pensando alla composizione giusta, sperando che l’animale non cambi direzione».

Bisogna inoltre tener conto dei rumori, come quello dell’otturatore: «Mi è capitato quella volta che ero alla ricerca del martin pescatore. Ho dovuto abituarlo pian piano, avvicinandomi molto lentamente, affinché non percepisse più quel rumore come pericolo. Lo stesso è capitato con l’ermellino».
Come hai scoperto questa passione? «Mi sono deciso ad acquistare un apparecchio reflex la prima volta che sono andato in Africa. Da lì, il mio interesse è diventato sempre più grande e, da autodidatta, ho imparato e tuttora imparo a scattare fotografie. Soprattutto provando tantissimo». Passione che è cresciuta pari passo con quella per le escursioni e i viaggi, vicini e lontani: «Una volta ho preso parte alla ‘spedizione’ alla ricerca dell’orso polare a Churchill in Canada e ancora in Slovenia per l’orso bruno». Samuel ha viaggiato e viaggia in molti paesi, alla ricerca anche dello scatto perfetto: «Sono stato in diversi Paesi dell’Africa e ci torno ogni anno, Canada, Stati Uniti (i parchi nazionali, eccezionali!), nel nord Europa. Senza scordare la Svizzera e il Ticino, con frequenti escursioni». Sono tanti gli aneddoti che Samuel si è portato a casa: «È difficile sceglierne uno.

Sicuramente, vedere gli orsi polari da molto vicino è stata un’emozione, per non parlare dello spavento quando uno degli orsi ha deciso di cambiare percorso e venire verso di noi». Ma è proprio l’ermellino ad aver regalato al fotografo le emozioni più grandi: «Ricordo che la prima volta che l’ho visto, era sul Lucomagno. Senz’ombra di dubbio è il mio animale».
Info www.samuelfotografia.com, www.pronatura-lucomagno.ch.

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved