laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore
Seseglio, non un wellness ma un'area verde per la popolazione
Una mozione di Us-I Verdi e Ppd invita il Municipio di Chiasso ad acquistare e bonificare il terreno. Sul piatto anche La Perfetta di Arzo
Locarnese
7 ore
Da Brissago a Zurigo, verso l'immortalità
La mummia egizia lascerà le rive del Verbano per essere trasferita all'Istituto di medicina evolutiva dell'Università della Limmat
Bellinzonese
14 ore
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
16 ore
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
18 ore
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
19 ore
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
19 ore
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
19 ore
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
19 ore
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
19 ore
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Bellinzonese
09.04.2018 - 06:000
Aggiornamento : 07:10

Riviera verso il contributo unico per le cinque parrocchie

Nel nuovo Comune è stato istituito un gruppo di lavoro per stabilire l'ammontare, che dovrebbe essere di almeno 30mila franchi

L’aggregazione porta con sé molti cambiamenti; innovazioni che inevitabilmente influiscono su accordi che si perdono nei tempi, più antichi. Uno di questi mutamenti riguarda i rapporti con le parrocchie, ben cinque quelle sul comprensorio di Riviera, che il nuovo Comune pensa adesso di regolare, evitando disparità di trattamento, attraverso una nuova convenzione. A questo scopo il Municipio, su proposta del vicesindaco Alberto Pellanda, ha istituito un Gruppo di lavoro di cui fa parte, con Pellanda (presidente), il collega nell’esecutivo Giulio Foletti. A loro il compito nelle discussioni con le parrocchie – di Cresciano, Osogna, Prosito, Lodrino e Iragna – di arrivare a un nuovo importo, unico, da devolvere all’insieme delle chiese. Una discussione non sempre facile da condurre: non solo per la lunghezza della tavola delle trattative (cui siedono ben due rappresentanti per ogni parrocchia), ma anche per il fatto che questi stessi delegati devono essere in grado di raggiungere un’intesa – tra di loro – sulla chiave di riparto da applicare al contributo ‘aggregato’, prima di sottoporne l’ultima versione al Municipio, poi al Consiglio comunale e infine ottenere l’avallo della Curia. Discussione non facile, che è stata approntata nel corso dei tre incontri del Gruppo di lavoro che si sono già tenuti, per i diversi regimi in vigore e la disparità degli importi in questione. A Osogna e Lodrino (con Prosito) vale il sistema di imposta parrocchiale. A Iragna e Cresciano, dove il modello di riferimento è invece quello dei contributi, si passa da un aiuto comunale alla parrocchia di ‘soli’ 2mila franchi (nel più piccolo degli ex 4 Comuni di Riviera), ai 25mila franchi corrisposti dal vecchio Municipio della sponda orografica sinistra. Perché così tanti a Cresciano? Domanda che è lecito porsi, se poi, come scopriamo, la partecipazione alla chiesa da queste parti risaliva, non tanto tempo fa, a 40mila franchi: cifra considerevole in una piccola realtà.

‘Serve una riflessione globale’

Ci è stato spiegato che un parroco svolge da anni le funzioni nelle chiese di Cresciano, Osogna e Prosito e un altro per Lodrino e Iragna. Più in generale Pellanda invita però a ragionare sul ruolo delle parrocchie nella società: a che servono, insomma, questi soldi? Si tratta, a mente di Pellanda, di aiuti che spesso vanno a beneficio di tutta la comunità. A Osogna l’oratorio è frequentato da sodalizi per altre attività ‘laiche’: associazioni ricreative e gruppi di canto. A Cresciano, altro esempio, la parrocchia mette a disposizione un terreno quale parco giochi. Le parrocchie organizzano, sottolinea, momenti d’incontro per tutti. Parlando di chiese subentra poi un discorso culturale, con le storiche cappelle esempio di patrimonio da tutelare. In questi casi i contributi straordinari dovrebbero essere definiti di volta in volta. Dicendosi favorevole al modello contributivo, il vicesindaco rileva altresì che nelle valutazioni bisognerà tenere conto dei costi per le prestazioni ordinarie ‘in natura’ fornite dai servizi comunali: calla neve o manutenzione di parchi. Tante variabili, con il discorso allargabile all’impegno dei parroci nelle scuole... Ma a quanto potrebbe ammontare il contributo per le chiese di Riviera? Insistendo arriviamo a una grandezza d’ordine. Si ipotizza di riservare per le attività religiose e a favore della cura delle testimonianze della presenza cristiana un importo non inferiore, nel complesso, a quanto riconosciuto dai vecchi Comuni: non meno di 30mila franchi l’anno, ai quali verrebbero aggiunte le prestazioni ‘in natura’. «Ma tutto questo deve ancora essere approfondito».

© Regiopress, All rights reserved