Bellinzonese
05.02.2017 - 13:170
Aggiornamento 15.12.2017 - 17:11

In Leventina c'è la lontra

In Leventina ha fatto la sua ricomparsa un mammifero che ha subito un'intensa caccia in Svizzera fino alla fine del XIX secolo: la lontra (Lutra lutra). Il Dipartimento del territorio ha confermato oggi la presenza della lontra in Ticino nell’ambito di un aggiornamento del possibile areale di distribuzione da parte di Pro Lutra, nell'alta valle Leventina. L’analisi genetica effettuata, dal Laboratorio di biologia della conservazione di Losanna, su presunte tracce e le fotografie scattate dalle fototrappole posate dai guardacaccia e pesca (allegate) ne hanno certificato il ritrovamento.

Dopo l’individuo maschio ritrovato morto nel 2013 a Prato Leventina (vittima di un investimento) questa è la seconda testimonianza, dopo la sua estinzione risalente agli anni ‘60. Considerate le notevoli capacità migratorie della specie, si ritiene che le lontre notate in Ticino possano avere un legame con le osservazioni effettuate nella regione di Domleschg (Gr) oppure, anche se meno probabile, con la popolazione del Parco Naturale Valle del Ticino in Italia.

La lontra originariamente occupava gran parte dei maggiori corsi d’acqua svizzeri. In seguito alla persecuzione diretta perpetrata dall’uomo e al deterioramento del suo ambiente naturale è regredita progressivamente a cavallo tra il XIX e XX secolo. Uno studio dell’Ufficio federale dell’ambiente nel 1990 concludeva che le cause concorrenti alla sua sparizione in Svizzera sono state verosimilmente la ridotta fecondità legata all’inquinamento da Pcb, così come la correzione e lo sfruttamento dei corsi d’acqua e l'abbandono degli habitat acquatici, i quali hanno avuto un impatto negativo anche sui popolamenti ittici. La rinaturazione dei corsi d’acqua e il miglioramento della qualità delle acque pertanto non possono che giovare al progressivo ritorno di questo mustelide. La specie è stata considerata estinta in Svizzera per decenni, per poi ricomparire sporadicamente in alcuni Cantoni a partire dal 2009.

La lontra possiede un corpo longilineo, delle zampe palmate e una testa appiattita con delle piccole orecchie. Può raggiungere i 130 centimetri dal naso alla punta della coda e i 14 chili di peso. La lontra è un animale molto discreto che passa spesso inosservato e adatta la sua attività di caccia in funzione del momento della giornata più propizio. La sua dieta comprende tutte le prede animali che è in grado di catturare: a seconda della disponibilità locale e della stagione si nutre di pesci, crostacei, anfibi, rettili, uccelli e piccoli mammiferi.

Potrebbe interessarti anche
Tags
lontra
leventina
ticino
lutra
svizzera
corsi acqua
corsi
acqua
© Regiopress, All rights reserved