laRegione: c'è chi la fa (o l'ha fatta)

laRegione 25 anni
14.9.2017, 17:552017-09-14 17:55:00
@laRegione
@laRegione

laRegione: c'è chi la fa (o l'ha fatta)

Allegati

In venticinque anni sono molti i volti che hanno popolato gli uffici del giornale sia in via Ghiringhelli a Bellinzona, sia nelle sedi locali di Chiasso, Lugano, Locarno, Biasca, Berna e Zurigo. Nomi e firme che hanno contribuito all’identità de laRegione grazie a notizie, approfondimenti, inchieste e analisi. Ad esempio quando da queste colonne si denunciò l’appalto a Thermoselect (era il 1995) oppure quando nel 2006 si svelò il caso ‘Villalta’ che travolse l’allora consigliera di Stato Marina Masoni. O quando, nel 2007, si coniò il termine ‘asfaltopoli’ per descrivere l’accordo cartellare tra le imprese del settore in Ticino. Oppure ancora quando nel 2015 si parlò per la prima volta dell’asportazione per errore di due seni alla clinica Sant’Anna.

Impossibile ricordare tutti i nomi passati da queste stanze. Diremo quindi solo che il primo direttore de laRegione fu Giò Rezzonico, che prese il timone del quotidiano dalla sua fondazione, il 14 settembre del 1992, fino al giugno 1993, quando i due coeditori decisero di separarsi. La testata passò interamente a Giacomo Salvioni, che il 1° agosto chiamò alla direzione Monica Piffaretti, con Paul Guidicelli vice. Rimase fino al 1999, quando decise di lasciare il timone per dedicarsi al mestiere di mamma. Le subentrò il marito Matteo Caratti, che da allora dirige il quotidiano.

Nei due anni successivi Caratti fu coadiuvato dai vicedirettori Philippe Bernasconi e Michele De Lauretis. La carica di Bernasconi passò poi a Daniele Fontana. De Lauretis lasciò il giornale nel 2005 mentre Fontana lo fece nel 2009. Gli subentrò Aldo Bertagni che da allora ricopre la carica di vicedirettore. Nel 2013, nello spirito di garantire la continuità in azienda, Rocco Salvioni ha assunto la carica di Ceo.

L’attuale squadra redazionale è formata dal caporedattore centrale Andrea Manna e dai giornalisti (con vari gradi di responsabilità, ma qui in rigoroso ordine alfabetico) Paolo Ascierto, Fabio Barenco, Luca Berti, Mario Campo, Simonetta Caratti, Daniela Carugati, Mattia Cavaliere, Sascha Cellina, Generoso Chiaradonna, Katiuscia Cidali, Prisca Colombini, Beppe Donadio, Cristina Ferrari, Erminio Ferrari, Serse Forni, Samantha Ghisla, Stefano Guerra, Guido Grilli, Moreno Invernizzi, David Leoni, Stefano Lippmann, Claudio Lo Russo, Davide Martinoni, Marzio Mellini, Sabrina Melchionda, Marino Molinaro, Alfonso Reggiani, Giacomo Rizza, Chiara Scapozza, Ivo Silvestro, Christian Solari, Dino Stevanovic, Sebastiano Storelli, Clara Storti, Leonardo Terzi. Il marketing, diretto da Susanne Messerli (responsabile marketing e vendita), è affidato a Violetta Alberti, Corinne Petrimpol, Luca Sardina e Claudia Von Mentlen mentre sul campo operano i venditori Dario Manini e Carlo Picollo. I compiti amministrativi sono affidati a Roberto Masarati (responsabile delle finanze), Andrea Masarati e Laura Borges. Il segretariato si compone di Sandra Fornasier (segretaria dell’editore), Paola Buffi (responsabile) e Nicole Magliarella, mentre la relazione con gli abbonati, sotto la supervisione di Lorenzo Erroi, è garantita da Lorena Gianella e Barbara Vanina. In prestampa, guidati dal responsabile IT Riccardo Guidi, operano Gianni Albisetti, William Berni, Davide Calà e Brian Decarli. La programmazione informatica è affidata a Matteo Locatelli mentre ordine e pulizia a Tina Ganna. La qualità del prodotto è assicurata anche dai correttori Petra Demarchi, Diana Guainazzi-Castagnino, Cristina PinhoTeixeira, Luca Rapetti, Daisy Silvestro e Linda Zicca.