david-maria-turoldo-il-poeta-di-dio-che-emozionava-le-folle
© Jo Locatelli
Uno scatto fatto a Lecco, dove Turoldo fu in terapia contro il cancro, malattia che lo stava minando.
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
9 ore

Francesco Aiello. Lo spirito, oltre il corpo

‘Il nostro corpo recepisce le vibrazioni meglio di qualsiasi altra cosa. Siamo degli esseri vibranti e ogni vibrazione ha un influsso sul nostro corpo’
Ticino7
20 ore

Vai col campeggio! (con alcune regole e tanto buon senso)

Dall’invenzione di questa modalità turistica al successo delle strutture ticinesi: cosa c’è dietro al boom della “tenda”?
Ticino7
1 gior

Viaggia che ti passa

Muoversi, anche a zonzo, aiuta ad allargare i propri orizzonti. Ma sempre con coscienza e rispetto
Ticino7
1 sett

Sara Bonora: una donna e molti ruoli

"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
1 sett

Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)

Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
1 sett

Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?

“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
1 sett

Essere genitori e i facili maestri

A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
2 sett

Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso

‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
2 sett

Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta

Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
2 sett

España 82: l’anno della rivalsa

Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
3 sett

‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
3 sett

Un risotto ‘milanese’... o forse no

Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
3 sett

Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità

Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
Ticino7
3 sett

Nero = bruciato (è una questione di salute)

Non vogliamo rovinarvi la festa, ma occhio a non esagerare quando grigliate carni e verdure
Ticino7
4 sett

Gli spiritelli di Igor Mamlenkov

“Come barista guadagnavo moltissimo, ma dalla vita volevo qualcosa di più e non erano soldi”. Quello che ha fatto prima e farà dopo è tutto da leggere...
Ticino7
4 sett

Il mondo (segreto) dei segnatori

Parole magiche, gesti tramandati oralmente, in famiglia, durante la notte di Natale, pratiche antiche di guarigione. Un fenomeno ancora presente in Ticino
Ticino7
4 sett

Flavio Sala: vita, video e miracoli

Giù dal palcoscenico, per molti anni ha inseguito una passione e un sogno, divenuto oggi una professione aggiuntiva: ridare vita ai ricordi (di tutti)
Ticino7
4 sett

Problemi/soluzioni (elogio dell’altro sguardo)

Il punto di vista è fondamentale. E con occhi diversi anche il buio potrebbe apparire meno cupo
Ticino7
1 mese

Dalla biopolitica alla psicopolitica. La filosofia ci salverà?

‘Nel cuore della relazione di potere, e a provocarla costantemente, c’è la resistenza della volontà e l’intransigenza della libertà’ (Michel Foucault)
Ticino7
1 mese

Brillante come un ramarro

Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
Ticino7
1 mese

Karin Motta non abbocca, anzi...

“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
Ticino7
1 mese

Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’

Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta
Ticino7
1 mese

Ambiente & azione

Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
1 mese

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
1 mese

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
05.02.2022 - 14:31
Aggiornamento : 09.02.2022 - 08:43

David Maria Turoldo, il poeta di Dio che emozionava le folle

Il 6 febbraio 1992 moriva il grande teologo, filosofo e scrittore. Lo ricordiamo con Bepi De Marzi, compositore che ha dato musica alle parole del frate

di Giuseppe Zois

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Ieri all’ora nona mi dissero:
il Drago è certo, insediato nel centro
del ventre come un re sul trono.
E calmo risposi: bene! Mettiamoci
in orbita: prendiamo finalmente
la giusta misura davanti alle cose;
con serenità facciamo l’elenco:
e l’elenco è veramente breve.

Appena udibile, nel silenzio,
il fruscio delle nostre passioncelle
del quotidiano, uguale
a un crepitare di foglie
sull’erba disseccata.
“Ora nona” in Canti ultimi (Garzanti, 1991)

Non c’è chi non si sia commosso ascoltando Signore delle cime. Il suo autore è Bepi De Marzi, musicista, compositore, direttore dei “Crodaioli”, con i quali ha tenuto concerti storici memorabili. Bepi De Marzi, che conosce bene il Ticino e che ha intrattenuto una feconda collaborazione con la ‘Vos da Locarno’ e il direttore Fernando Bonetti, è stato un amico fraterno di Padre David Maria Turoldo. Per il frate intellettuale, che ha dato nuova linfa ai Salmi e linfa primaverile alle liturgie, dovunque svolse il suo ministero su avamposti di innovazione, De Marzi ha firmato musiche dando robustezza e slancio all’ampia letteratura in prosa e rime turoldiane. Sinfonie convergenti sulle note del vento conciliare che vide fra i precursori con Turoldo nomi come Nazareno Fabretti, Abramo Levi, Camillo De Piaz, Ernesto Balducci, Alessandro Pronzato. In questa intervista schietta, senza perifrasi, Bepi De Marzi parla del suo commovente rapporto di uomo e musicista con il frate che cantava i suoi impeti di fratellanza.


© B. De Marzi
Giuseppe De Marzi, detto Bepi (classe 1935) è un musicista, compositore e direttore di coro italiano.

‘Melodie facili ma costruite bene’

Bepi De Marzi, che cosa ti piace ricordare, in particolare, di David Maria Turoldo?
“Dopo trent’anni ho soltanto voglia di piangere. L’hanno dimenticato, o addirittura ne osteggiano il ricordo, a cominciare dai suoi confratelli”.

Scrittore e poeta, figura di spicco nel mondo intellettuale, scomodo e profetico, gigante dello spirito. Tu che idea ti sei fatto di questo uomo?
“Era il poeta di Dio nato per l’emozione della folla. Dall’intimità dei suoi silenzi spandeva la sua voce alle assemblee, alle moltitudini. Voleva un canto dilatato, totale, con melodie facili, ma costruite bene, ispirate e memorizzabili per testi di altissima qualità. Evitava accuratamente il verseggiare in ai-ei-oi-ui che impazzava dopo il Concilio e che grottescamente ancora resiste; evitava le finali tronche, che diceva ‘sono naziste!’”.

Un cesellatore della parola e un musicista, organista, compositore e direttore di cori: quali erano i vostri rapporti, come vi intendevate?
“A Sant’Egidio di Fontanella, nell’intenso operare per il rinnovamento liturgico con le nuove versioni dei Salmi, collaborava con lui un giovanissimo e meravigliosamente ispirato musicista spontaneo, Ismaele Passoni, che nell’ambiente curiale milanese, lombardo, non era apprezzato, e proprio per la sua geniale naturalezza, vero dono di Dio! Così Padre David ha chiamato me a lavorare insieme a loro. Suonando e cantando le sue prime melodie, ho pianto di felicità”.


© Jo Locatelli
Un abbraccio tra il Cardinale Martini e Turoldo.

Fucina di incanti per i ‘Crodaioli’

Hai musicato qualcosa per lui?
“Ho seguito subito il suo impeto nel desiderio di bellezza. In quegli anni imperversavano i gruppuscoli giovanili con testi e musiche artificiose, frutto di un equivoco giovanilista che si dimostrava progressivamente fallimentare. E basti notare l’assenza dei giovani nelle attuali liturgie per capire quegli errori irreparabili. Con la sua stupenda poesia ho cantato la Mamma di Gesù nel Presepio, poi ai piedi della Croce. E sono nati tanti piccoli Magnificat anche per i miei Crodaioli”.

I Salmi sono l’eco della Parola di Dio: Turoldo s’era cimentato con la sua genialità e il suo rigore nel dare nuova linfa ai Salmi rifuggendo da ogni concessione alla moda e al banale. Tu sei a tua volta critico, anche severo, verso la parte della musica e dei canti. Immagino abbondanza di convergenze nel giudizio su certa modernità…
“In Italia e dintorni, la Chiesa oggi sprofonda nella banalità più desolante. Le Messe televisive fanno testo: cori improvvisati con gente nell’età di mezzo che canta con sciarpe colorate indossate per l’occasione, musiche incomprensibili e senza storia, ingiustificabili, commentatori inopportuni che le coprono, ma inconsciamente, celebranti che sussurrano o borbottano, lettori stralunati mandati all’ambone. Oppure vociatori solisti al microfono che imperversano nel mutismo dei pochi presenti. Anche da San Pietro in Vaticano, con i cori diretti da sbracciatori inguardabili, con le assemblee distratte o deambulanti nel chiacchiericcio delle navate, vengono pessimi esempi”.

In una sua poesia nei “Canti ultimi” parlava della vita che si apprestava “a rendere, nel canto” con il suo volto scavato e che sembrava già immerso in Dio…
“Aveva scritto: ‘Nulla chiediamo, se non di cantare: lodarti in nome di ogni creatura’”.

Turoldo parlava con insistenza della dignità dell’uomo, del suo valore, dell’irripetibilità perché ognuno di noi è unico. Secondo te, qual è la provocazione più forte che resta di lui, in questo tempo così scosso e frastornato?
“La commozione nella fratellanza. Era molto amico di Mario Rigoni Stern: insieme camminavano qualche volta nella vastità dell’altopiano di Asiago. Insieme dicevano ‘siamo tutti paesani’”.

E il suo messaggio più attuale?
“L’hai scritto anche tu nel tuo libro insieme a Pronzato in quel 1992: ‘Il coraggio di sperare’”.


© Jo Locatelli

UNA COSCIENZA CRITICA DENTRO LA CHIESA

Il 6 febbraio 1992 moriva a Milano David Maria Turoldo, frate dei Serviti, figura profetica della Chiesa, scrittore, poeta, ricercatore infaticabile e riformatore. Era nato a Coderno il 22 novembre 1916: e 75 anni dopo, il 21 novembre 1991, il cardinale di Milano Carlo Maria Martini, consegnandogli il Premio Lazzati, gli chiese scusa a nome della Chiesa per le incomprensioni e i muri alzati contro un lungimirante seminatore dello spirito del Concilio. Coscienza critica, Turoldo si è battuto una vita “perché la verità sia libera”. Quando gli fu diagnosticato un implacabile cancro, mise ancor più forza nel testimoniare la speranza, viaggiando e interrogandosi sul mistero del dolore e della sofferenza. Senza diventeremmo più egoisti e cinici, fu l’ultima provocazione che lanciò anche da un convegno internazionale tenutosi a Bellinzona il 14 marzo 1991.


La copertina di un volume apparso nel 1992.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bepi de marzi carlo maria martini crodaioli david maria turoldo giuseppe zois musica
© Jo Locatelli
Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved