Ambrì
4
Langnau
6
3. tempo
(2-1 : 0-5 : 2-0)
Lakers
6
Zurigo
5
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 1-3)
Olten
5
Winterthur
0
fine
(0-0 : 2-0 : 3-0)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
3. tempo
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
3
3. tempo
(0-1 : 0-0 : 0-2)
io-sto-con-me-stesso-la-rivincita-degli-introversi
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Ricorrenze storiche. Era il 25 dicembre...

Secondo la tradizione è il giorno della nascita di Gesù. Una data, però, legata anche ad altri eventi che hanno fatto storia. Scopriamone alcuni
Ticino7
3 gior

Mastro Geppetto e Matteo Oliva

Non è San Giuseppe e nemmeno il personaggio uscito da un classico della letteratura per ragazzi. Ma i segreti del legno, lui, li conosce benone...
Ticino7
3 gior

‘Canto di Natale’. Un racconto di Giorgio Genetelli

‘E mi addormento come in un letargo, Dicembre, alle tue porte, / lungo i tuoi giorni con la mente spargo tristi semi di morte’ (Francesco Guccini)
Ticino7
3 gior

Letterina (sotto l’albero) dal fronte

È partita come ‘influenza’, è diventata un tunnel fonte di scontri e di divisioni. Per fortuna è quasi Natale...
Ticino7
1 sett

Un mistero chiamato Phil Collins

Le ultime immagini che lo ritraggono (anche sul palco) mostrano tutte le difficoltà legate alla sua salute. Eppure rimane un genio del pop/rock mondiale
Ticino7
1 sett

La strategia del ‘revenge dress’ (metti il caso che...)

Giugno 1994: Carlo ammette l’infedeltà nei confronti della moglie Diana. Lei, di tutto punto, tira fuori dall’armadio l’abito della rivincita. Che colpo!
Ticino7
1 sett

Traffico e rumore. Quelli coi tubi in testa

Da Berna presto un giro di vite contro i veicoli rumorosi e gli stili di guida molesti. E in Ticino che si fa per arginare il fenomeno dei “tamarri”?
Ticino7
1 sett

Angélique Beldner: una questione di pelle?

Il percorso, a ritroso ma non solo, di una donna a cui oggi – nel 2021, in Svizzera – non è permesso essere come tante
Ticino7
1 sett

Quando l’emancipazione partì in bicicletta

Solo poco più di un secolo fa andare in bicicletta era considerato uno sport non adatto alle donne. Anzi, pericoloso...
Ticino7
1 sett

‘Gas a martello’ (tanto son tamarro)

Sono spesso giovani e vogliono trasgredire. Ok, ma certe cose oggi è meglio farle in un circuito automobilistico
Ticino7
2 sett

Bindu De Stoppani e le immagini che (s)corrono

Sceneggiatrice, regista e showrunner, cioè chi ‘fa correre’ l’intero processo di produzione di un telefilm. Ma ci sa fare anche con gli “affari di cuore”
Ticino7
2 sett

Ciò che il mondo separa, la poesia unisce

I versi di Francesca Matteoni e la grafica di Luca Mengoni per una raccolta poetica (curata da Fabio Pusterla) che racconta quello che sente il cuore
Ticino7
2 sett

Tra lui e lei: attraversamenti di genere e di vestiti

Uomini e donne non sono semplicemente “maschili” o “femminili”: sono molto di più. E allora si spiegano i fisici scolpiti, i toraci depilati e molto altro
Ticino7
2 sett

Radersi tra salute e consapevolezza, a ‘Movember’

Avete tempo sino alla fine del mese. Ma le buone cause, si sa, non hanno date e scadenze. Soprattutto quando parliamo di benessere, malattie e prevenzione
Ticino7
2 sett

L’ultima libertà dell’ultima cena

Nel nome del vostro bene e di quello dei vostri ospiti, mettete un bel cartello sulla porta di casa, con scritto: "Qui è vietato parlare di Covid’
Ticino7
3 sett

Dio salvi i punkinari! E le loro chitarre

C’è chi ha scritto che è morto nel 1977, altri pensano sia un modo di vivere e vedere il mondo che tiene ancora botta. Noi preferiamo parlare di musica
Ticino7
3 sett

Gli antivaccinisti al tempo del vaiolo (correva l’anno 1931)

“Il pro e il contro nella scienza sono (...) pesati e sempre soggetti a controllo. I controlli poi sono infiniti in una scienza pratica come la medicina”
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 8. Senza tejo, tornerò

Il caffè in Colombia è pessimo. Attenzione, non il caffè prodotto in Colombia, ma quello che bevono: “Il migliore rende troppo per non venderlo..."
Ticino7
3 sett

Patrizia Varini preferisce il viola

Nella sua esistenza fatta di lavoro, passioni, hobby e viaggi i colori non mancano. Ma ce n’è uno che brilla e vibra sopra tutti gli altri...
Ticino7
3 sett

L’omosessualità di ieri (ma vista oggi)

Vale per tutto, pure con i film: per giudicare quanto siano ‘intelligenti’ andrebbero rivisti. Ma decenni dopo
Ticino7
4 sett

1821-2021: buon compleanno, maestro!

L’11 novembre si celebra il bicentenario della nascita dello scrittore e pensatore russo Fedor Dostoevskij, fra i capisaldi della letteratura mondiale
Ticino7
4 sett

Squid Game e il solito allarmismo di noi vecchi

Il ciclo dei media sulle mode giovanili è sempre lo stesso: non le capiamo, quindi decidiamo che son pericolose e ci mettiamo a sparare titoloni
Ticino7
1 mese

La Ficcanaso e l’eterno ritardo

Essere indietro su tutto, indiscriminatamente, è un’arte. Ma potrebbe anche essere una dote ereditaria
Ticino7
1 mese

‘Mamme in equilibrio’ e figlie ribelli: una testimonianza

La storia di Cecilia e della figlia Abigaille, per imparare che la perfezione non esiste ma non bisogna mai arrendersi
Ticino7
1 mese

La sindrome di Riccioli d’oro e l’esempio dei bimbi

Siamo sempre scontenti perché viviamo in perenne attesa di qualcosa di meglio. Eppure guardando all’infanzia dovremmo capire che spesso esageriamo
Ticino7
1 mese

Elisa Lazzari, la chef vegana di Riva San Vitale

“Spesso si pensa erroneamente che ciò che è vegano sia insapore e che chi abbraccia questa filosofia sia un invasato oppure un modaiolo”
Ticino7
1 mese

Il minimo indispensabile: storie di seni e di reggiseni

‘Forse è ora di fare davvero ognuna come ci pare, decidere se la lingerie è uno dei piaceri della vita o se non ce ne importa niente’
Ticino7
1 mese

Con la penna di Claudia Crivelli Barella

“Ragazze, non scoraggiatevi, non smettete di lottare contro la violenza, contro l’incuria e la pesantezza". Perché il mondo ha bisogno di voi, di noi
Ticino7
1 mese

Il miglior amico dell’uomo (e delle donne)

Va bene i social e i siti d’incontro, ma anche una passeggiata col cane (giusto) può fare miracoli
Ticino7
1 mese

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore
Ticino7
1 mese

Paradisi riservati cercansi. Quando i soldi vanno in vacanza

Il business delle società offshore è vivo e vegeto in tutto il mondo, anche a Lugano come dimostrano le ultime inchieste. Una storia che parte da lontano
Ticino7
1 mese

Hans Kammermann e la poetica cromatica

‘L’obiettivo del mio dipingere è di entrare negli aspetti più reconditi delle cose, delle situazioni che vive l’uomo e dei sentimenti che lo attraversano’
Ticino7
1 mese

Lo scricciolo, un piccolo simpatico curiosetto

Gli piace dimorare tra i cespugli e muoversi sul terreno ispezionando tutto ciò che lo incuriosisce. Una palla di piume che rallegra il bosco
Ticino7
30.10.2021 - 10:240
Aggiornamento : 08.11.2021 - 15:08

Io (sto) con me stesso. La rivincita degli introversi

E voi, vi sentite più rivolti verso chi circonda oppure preferite guardare al vostro mondo interiore, e tenervi ciò che fate e pensate?

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Lo abbiamo sempre saputo che erano loro i preferiti. Loro che parlavano, scherzavano e stavano simpatici a tutti. Loro, che con un sorriso e una pacca sulla spalla sembravano risolvere qualunque problema. Loro che tenevano la musica a palla, che discutevano per ore senza stancarsi, che conoscevano chiunque. Gli estroversi, sono loro quelli che piacciono alla gente. E le ragioni sono tutte da scoprire.

Basta dare un’occhiata alle caratteristiche associate agli estroversi: sovente vengono descritte come persone “positive”, “socievoli”, “assertive”, “coinvolgenti”, “comunicative” e “gioviali”, laddove gli introversi sarebbero soprattutto “socialmente goffi”, “timidi” ed “evitanti”. Una recente rassegna degli studi condotti sull’argomento evidenzia come, anche in campo psicologico, l’introversione tenda a essere concettualizzata in negativo. Se ne parla cioè in termini di “bassa estroversione” piuttosto che come di un’attitudine dotata di una sua specificità. Un po’ come dire: “Non è vero, non sono introverso: solo diversamente estroverso”... (Blevins, D. P., Stackhouse, M. R., & Dionne, S. D. “Righting the balance: Understanding introverts (and extraverts) in the workplace”, International Journal of Management Reviews, 2021).


‘Agli estroversi piace interagire con le altre persone e per questo tendono a essere loquaci, assertivi e gregari’

È un mondo difficile…

Dunque ammettiamolo, una volta per tutte: il mondo appartiene agli estroversi; anche “il posto di lavoro è stato creato da estroversi, per gli estroversi”, come sottolinea Richard Etienne, che tiene corsi di formazione sul tema: “Gli open space sono la cosa peggiore – spiega –. La facilità con cui le persone possono accedere al tuo spazio senza essere invitate può rappresentare un’esperienza piuttosto intensa (…) per qualcuno che ha una personalità introversa: interagire costantemente può rivelarsi estenuante. Mentre gli estroversi sono galvanizzati dall’interazione sociale, alla fine della giornata una persona introversa è esausta, svuotata”. Ma questa “diversità” , come sfortunatamente accade spesso,
è sempre stata connotata in termini valoriali.
Il pregiudizio nei confronti degli introversi ha origini antiche, nel senso che risale quanto meno a Sigmund Freud: secondo il fondatore della psicanalisi, l’estroversione era un indicatore di maturità mentre l’introversione segnalava un “arresto dello sviluppo” o comunque presenza di nevrosi. Carl Gustav Jung invece, che per primo postulò l’esistenza di un continuum – come per molti tratti di personalità, la caratteristica presenta due polarità opposte, ma complementari fra loro – non si espresse circa la maggiore desiderabilità dell’una o dell’altra, limitandosi a descriverle come due modi diversi di relazionarsi al mondo. Nello specifico, come indica anche l’etimologia della parola, l’estroversione consisterebbe nell’attitudine a rivolgere l’attenzione al di fuori di sé e a trarre gratificazione dall’esterno. Agli estroversi piace interagire con le altre persone e per questo tendono a essere loquaci, assertivi e gregari; tipicamente riescono bene nel lavoro di squadra, a prescindere dal posizionamento. Inoltre amano socializzare in contesti ampi quali feste, attività di quartiere, manifestazioni, partiti politici eccetera.


‘Le persone estroverse si sentono energizzate dallo stare insieme agli altri’

‘Preferisco stare con me’

In generale, le persone estroverse si sentono energizzate dallo stare insieme agli altri e tendono ad annoiarsi facilmente quando sono da sole. L’introversione, per contro, corrisponderebbe alla propensione a trarre gratificazione dalla dimensione soggettiva, interiore. Gli introversi preferiscono svolgere attività che non prevedono necessariamente la presenza degli altri, come per esempio leggere, scrivere, meditare e, più in generale, riflettere. Queste persone tendono a concentrarsi su una cosa per volta, e a osservare le situazioni prima di lasciarsene coinvolgere. Nel complesso sembrano trovarsi meglio in ambienti tranquilli, con un basso livello di stimolazione ambientale. Inoltre trovano interesse nel lavoro intellettuale e di ricerca.
Secondo H. Eysenck, un altro importante psicologo che sul continuum “introversione-estroversione” ha costruito un’intera teoria della personalità, queste differenze hanno origine a livello cerebrale, e in particolare nei meccanismi di inibizione/eccitazione della formazione reticolare ascendente: la struttura responsabile del livello di attivazione psicofisica dell’individuo (“arousal”). Orbene, gli estroversi sarebbero caratterizzati da un grado di attivazione tendenzialmente basso, che cercherebbero di innalzare attraverso l’eccitazione suscitata dall’interagire con gli altri; gli introversi, invece, avrebbero un livello di attivazione fisiologicamente alto, ed eviterebbero dunque un’eccessiva esposizione a stimoli sociali per non andare in sovraccarico. Tutto ciò, naturalmente, in modalità squisitamente inconscia.
Formulato in questi termini, il nostro continuum tende a sovrapporsi a un’altra, psicologicamente ben nota, dicotomia: quella degli high versus low sensation seekers, ovvero di coloro che tendono a ricercare sollecitazioni nuove, intense ed eccitanti, meglio se corredate da una certa dose di rischio, come per esempio giocare in borsa, guidare ad alta velocità, praticare sport estremi – indimenticabile la rappresentazione di questa tipologia di soggetti fornita nel film Point Break, da vedere rigorosamente nella versione originale di Kathryn Bigelow del 1991 – in contrapposizione alle persone che invece tendono a “disinnescare” il potenziale eccitatorio delle situazioni, preferendo intrattenersi con attività più strutturate e routinarie. Insomma, dei noiosi, verrebbe da dire. Sì, ma paradossalmente, proprio perché non s’annoiano.
Gli introversi, e i loro cugini low sensation seekers, disporrebbero infatti di un sistema nervoso più sensibile alla dopamina, che è il neurotrasmettitore coinvolto nel cosiddetto circuito della gratificazione - quello che ci permette di provare piacere a fronte di una molteplicità di stimoli, siano essi di natura fisica, psicologica o sociale - e quindi, per così dire, gli basta poco per divertirsi; gli estroversi, al contrario, e in particolare gli high sensation seekers, sarebbero mediamente meno ricettivi alla dopamina, cosa che li spingerebbe a ricercare situazioni “adrenaliniche” per compensare.


‘Le persone introverse preferiscono svolgere attività che non prevedono necessariamente la presenza degli altri’

Inattesi effetti pandemici

Ora, a prescindere dalle determinanti neurologiche, resta il fatto che in una società improntata a competitività, individualismo e coazione alla visibilità un soggetto estroverso tende a ottenere riscontri migliori di un introverso. Questo è vero, o lo è stato, soprattutto in ambito lavorativo, ma nell’ultimo anno e mezzo qualcosa è cambiato... La pandemia ha modificato le regole del gioco, e il passaggio al lavoro da remoto sembra avere favorito gli introversi in almeno due modi differenti.
In primo luogo, consentendogli di lavorare in un contesto a bassa stimolazione ambientale (ovvero, dal salotto di casa) e con un controllo pressoché completo dell’interazione – quando, con chi, per quanto tempo – condizioni che, in molti casi, hanno comportato un incremento significativo della loro produttività. Il secondo motivo per cui gli introversi se la sono cavata meglio durante la pandemia risiede nelle loro specifiche caratteristiche: “L’attitudine empatica e la propensione per un modo di comunicare più riflessivo hanno fatto sì che gli introversi risplendessero”, afferma Beth Buelow, consulente di carriera e autrice di un libro sull’argomento (The Introvert Entrepreneur, 2015); “La tendenza a porre in luce gli altri, sostenere la squadra ed essere quel ‘silenzioso alleato’ si sono rivelati punti di forza. Questo è ciò che i manager e gli amministratori delegati hanno visto accadere. Improvvisamente, i clienti cercavano una persona empatica, un buon ascoltatore. Qualcuno che fosse capace di fare un passo indietro e dire qualcosa del tipo: ‘Spero stia andando tutto bene. Come possiamo esserle d’aiuto?’ (Kate Morgan, “Why introverts excelled at working from home?”, bbc.com, 16/7/21).
Parrebbe dunque che il disastro dell’ultimo anno e mezzo (quasi due ormai) abbia perlomeno avuto il merito di farci riscoprire, accanto al piacere della lettura e a quello dello sfornare pane casalingo, anche le virtù caratteriali di quei cenerentoli degli introversi che, per così dire, hanno avuto la loro (lunga) notte da reginette del ballo. Che l’introversione continui a essere “di tendenza” anche quando (quando?!) si sarà tornati alla normalità, è tutto da vedere. Nel frattempo (e questo è un coming out)... godiamoci il momento.

ALCUNE PRECISAZIONI

• In realtà, quasi nessuno è puramente introverso o estroverso: trattandosi di un continuum, la maggior parte delle persone “cade” in una zona intermedia, caratterizzata cioè da attitudini più sfumate, all’interno delle quali possono prevalere tonalità dell’uno o dell’altro segno. Questo anche perché la “personalità” è faccenda assai più dinamica di quanto ci immaginiamo.

• La riprova è fornita dal fatto che esisterebbero anche soggetti “ambiversi”, ovvero con attitudini miste e quindi capaci di comportarsi come introversi o estroversi a seconda del contesto, degli obiettivi e dell’umore. Questa tipologia rappresenterebbe la soluzione migliore, perché flessibile e quindi più adattiva.

• Spesso si tende a confondere l’introversione con la timidezza, ma si tratta di due cose ben distinte. La persona introversa tende a trascorrere del tempo da sola perché questo le consente di “ricaricare le batterie” e fare spazio per nuovi incontri: agli introversi piace stare con gli altri, anche se non continuativamente. La persona timida, invece, rifugge il contatto sociale per timore del giudizio altrui: si tratta quindi di una forma d’insicurezza, superata la quale il soggetto può anche scoprirsi gioiosamente estroverso.

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved