ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
12 ore

Sportivamente parlando

L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
14 ore

Generazione ‘Aftersun’

Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
1 gior

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
1 gior

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
1 gior

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
1 sett

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
1 sett

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
1 sett

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
1 sett

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
1 sett

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
1 sett

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
2 sett

Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado

C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
Ticino7
2 sett

Disavventure latine. Messico: diari da Oaxaca

Nella città che canta l’amore tra un quarantenne e una ventenne, io stesso finirò intrappolato in quelle parole
Ticino7
2 sett

Loretta Bubola, la parola è ‘cambiamento’

La sua missione: mettersi al servizio degli altri ma, in primis, togliersi di dosso strati che non la fanno esprimere per quella che è la sua essenza
Ticino7
2 sett

Il peggio non è passato, ma è comunque ‘Un sabato italiano’

Nella ‘Roma felliniana’ del 1983 usciva l’italian standard di Sergio Caputo, il ‘Re delle tronche’. Ne approfittiamo per fare un po’ di musica...
Ticino7
2 sett

Che musica ascoltano i ‘vampiri’?

Era il 1983, l’anno dell’Ep ‘4AD’, sei testimonianze dell’evoluzione dei Bauhaus (e una piccola nota su ‘Bela Lugosi’s Dead’, che piaceva tanto a Bowie)
Ticino7
2 sett

Permette un ballo?

La danza giova a muscoli e articolazioni, stimola la circolazione sanguigna, migliora l’equilibrio, previene la depressione. Lo diceva anche David Bowie
Ticino7
2 sett

Di tutto un pop: Ballando con Bowie (40 anni di ‘Let’s Dance’)

Galeotta fu Montreux, galeotti furono i Queen, Nile Rodgers e quell’album che fece del visionario Bowie una popstar mondiale
Ticino7
3 sett

I figli unici e il peso dello ‘stile genitoriale’

Gli psicologi (e non solo loro) s’interrogano da sempre su questa condizione, che le contingenze hanno reso nuovamente d’attualità
Ticino7
3 sett

Avere è bello ma desiderare è meglio

Siamo noi che governiamo i desideri o sono i desideri che ci manipolano a loro piacimento?
Ticino7
3 sett

Incapace di solitudine (l’altro Gianni Brera)

Il narratore, quello de ‘Il corpo della ragassa’, ‘Naso bugiardo’, ‘Il mio vescovo e le animalesse’ e altre storie non calcistiche
Ticino7
3 sett

Mirko Cotti Piccinelli tra Sashimi e community

Social Media Manager per laRegione, sogna di cambiare il nostro cantone, “che a molti dei miei coetanei e non solo – dice – va sempre più stretto”.
Ticino7
3 sett

E ti amo Rino

Rino Gaetano non compare nella lista dei figli unici che hanno fatto la storia, perché fu il fratello di Giuseppe e Anna. Al suo posto c’è una canzone
Ticino7
4 sett

Giallo con roselline. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Maramore non aveva resistito al passo lungo della donna e l’aveva fermata vicino a un bar, le aveva accennato, erano entrati, avevano parlato...”
Ticino7
4 sett

Andreas Gysin e l’arte “cibernetica”

Mentre il nuovo anno è dietro l’angolo, il percorso dell’artista e designer ticinese racconta di un futuro che è già qua (per chi non se n’è accorto)
Ticino7
4 sett

In attesa della Rondine

Vive soprattutto nelle campagne e in Svizzera si stima una popolazione di 100-150mila coppie. Una cifra fortemente diminuita negli ultimi vent’anni
Ticino7
4 sett

Sentitamente ringraziamo. E felice anno nuovo!

“Ciò che ci sta alle spalle e ciò che ci sta di fronte, sono ben poca cosa rispetto a ciò che è dentro di noi” (Ralph W. Emerson, 1803-1882)
Ticino7
1 mese

Buoni propositi per l’anno che verrà?

Come funzionano le abitudini e come poterle cambiare. Evitando di cadere nel tranello delle ‘grandi ed eroiche aspettative’
Ticino7
1 mese

Friedrichstrasse. Sei note berlinesi

“La serenità è ridurre la distanza tra il fuori e il dentro, per esempio tra il fuori e il dentro di noi. La serenità è nel non coprire”
Ticino7
1 mese

Quattro tiri con Remo Semmler (tutti a canestro)

È stato uno dei fondatori del Gruppo Paraplegici Ticino ed è al timone dei cestisti dei Ticino Bulls. Ha la capa tosta e ama le sfide, leggere per credere
Ticino7
1 mese

L’insospettabile Merlo acquaiolo

È possibile vederlo anche in città, purché vi siano fiumi o ruscelli che possano garantirgli un luogo per la nidificazione e puliti per trovare nutrimento
Ticino7
1 mese

Incanto e disincanto: versi (inediti) di Alberto Nessi

“(...) Si accorgerà della mia assenza / questo carpino bianco, senza foglie / nella stagione dell’abbandono?”
02.08.2021 - 09:11
Aggiornamento: 16:59

I social, la savana e i leoni da tastiera

Il meccanismo è sempre lo stesso: qualcuno la spara grossa e scrive cose che altrove forse mai direbbe. Ma odio chiama odio, e il piatto è servito...

di Federica Cameroni
i-social-la-savana-e-i-leoni-da-tastiera
© Ti-Press
+1

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Le piattaforme di socializzazione stanno contribuendo in modo importante a imbarbarire il linguaggio e ad amplificare i discorsi d’odio, tanto che arginare il fenomeno sembra oggi impossibile senza intaccare la libertà d’espressione. Le soluzioni attuate finora, come i filtri per riconoscere le fake news, risultano censorie o inefficaci, mentre gli algoritmi non sono in grado di stabilire cosa rientri nell’opinione e cosa in un discorso lesivo per i diritti umani. È un problema che tocca tutti, e anche realtà più piccole (come la nostra) non ne sono immuni, ahinoi.

Come afferma Françoise Tulkens nell’intervista per il bollettino Tangram nel settembre 2019 realizzato dalla Commissione federale contro il razzismo (CFR), i discorsi d’odio o discriminatori costituiscono un problema per la democrazia e, data la rapidità di diffusione, risultano nefasti se fatti da esponenti pubblici. Ne abbiamo esempio anche in Ticino, dove alcuni politici su Facebook parlano di virus cinese, definiscono gli attivisti per il clima “eco-isterici”, “eco-talebani”; gli autogestiti “brozzoni”; i migranti “foffa islamista” o “finti rifugiati”… Nei commenti, fra qualche “è un’invasione” e altri “questi chi li mantiene”, troviamo chi annuncia che se avrà un problema non mancherà di “farsi giustizia da solo”, chi vorrebbe cominciare una “caccia alle streghe” o chi afferma che “sarebbe ora di fare pulizia”. Strumentalizzando la libertà d’espressione si rendono tollerabili le intolleranze. Oggi anziché discutere su come limitare il fenomeno, il dibattito si è spostato nello stabilire chi odia di più: chi ha posizioni discriminatorie o chi vorrebbe zittire i primi? Così il movimento Black Lives Matter diventa “razzista contro i bianchi”, le critiche alla legge ungherese che discrimina la comunità LGBTQ+ “intolleranza per chi devia dal pensiero unico” e a essere discriminato sarebbe il maschio bianco eterosessuale (Lorenzo Quadri, Facebook). 

Vittime e bersagli 

Le principali vittime sono le minoranze. Chi appartiene a una minoranza ed è mediaticamente esposto rischia di diventare bersaglio di veri e propri raid contro la persona (dette shitstorm, insomma una tempesta di cacca). A volte gli odiatori si organizzano all’interno di gruppi privati, decidendo un giorno e un orario per tempestare il profilo della vittima: minacce, invio compulsivo di fotografie brutali, furti di identità, fotomontaggi infamanti, diffusione di bufale e deepfake (contenuti solitamente audiovisuali dove a un’immagine in movimento viene sovrapposta una traccia audio differente). Non si tratta di una violenza minore perché virtuale, né è sufficiente spegnere il computer per evitarla. Le conseguenze psicologiche delle vittime, come l’umiliazione o la paura, si ripercuotono anche offline. Non è raro che i molestatori scoprano informazioni private, arrivando a minacciare anche i familiari dei loro bersagli che diventano vittime collaterali.
Politici, giornalisti e influencer sono fra i mestieri più presi di mira soprattutto se oltre ad appartenere a una minoranza ne difendono i diritti. Nell’ultimo anno in Svizzera, a causa delle misure per arginare la pandemia, diverse autorità sono state vittime di intimidazioni via internet, tanto da portare la Procura federale ad aprire cinque procedimenti. Un’indagine del 2020 di Reporter sans Frontières, ha stabilito che il luogo dove le giornaliste subiscono più violenze è il web. Il 43% delle intervistate in seguito a episodi di violenza ha chiuso temporaneamente o definitivamente i propri profili sui social network e il 21% ha cambiato mestiere. 
Ogni anno Amnesty realizza un’analisi dei contenuti web abusivi intitolata Il barometro dell’odio. Nel 2019 le donne sono risultate il terzo target più odiato dopo musulmani e migranti, sia come tema (diritti di genere) che come bersaglio (attacchi personali). Nel 2020, complici le teorie cospirazioniste sulla pandemia che prevedevano come capro espiatorio un ricco ebreo, l’antisemitismo è incrementato. I contenuti generanti più odio sono scritti da politici e riguardano temi come immigrazione o minoranze religiose. Gli stessi temi affrontati in modo neutrale generano meno traffico rispetto ai contenuti violenti. Le intolleranze sono interconnesse e si sovrappongono. I commenti razzisti si accompagnano a quelli sessisti: comune, fra gli odiatori, insinuare che le donne che difendono i diritti dei migranti lo facciano per interesse sessuale, quindi augurare loro lo stupro.
Sia il sessismo che il razzismo sono problemi strutturali che non nascono con i social network, ma la rapidità e la quantità di interazioni che avvengono su queste piattaforme senza intermediazione hanno portato il fenomeno a nuove dimensioni. 


© Ti-Press

L’odio dei giusti   

L’odio diventa virale. Anche a causa di chi cerca di denunciarlo, ma lo fa diffondendolo. Menzioni e condivisioni impattano sugli algoritmi dei social network: più un contenuto è condiviso più sarà visibile. Inoltre, nelle pseudologiche che governano il discorso virtuale, “i veri odiatori” sono gli altri e chi parla è la vittima. Dalla vittimizzazione si arriva al rovesciamento del discorso; l’odio diventa opinione e chi la contesta è il vero odiatore che vorrebbe censurare chiunque non la pensi come lui. L’antisemitismo se lo sono inventanti gli odiatori veri, quelli che mettono alla gogna chi ha un’opinione differente; mentre le commissioni che combattono l’odio online odierebbero chiunque abbia un’opinione diversa (sono discussioni realmente accadute su Twitter, nda). Effettivamente all’odio l’utenza risponde con altro odio. Di fronte a casi dove l’opinione pubblica si trova compatta nel giudicare il comportamento di un attore pubblico immorale, il fenomeno più frequente è metterlo alla gogna, coprendolo di insulti, minacce e lettere per invocarne il licenziamento. Un giornalista RSI, su Facebook, fa una battuta di cattivo gusto sulla morte di Raffaella Carrà per cui si scusa poco dopo; viene ripresa da Lorenzo Quadri (ancora lui) che aggiunge: “Che stile, che eleganza... proprio degna di un servizio pubblico”. I commenti degli utenti spaziano da: ignobile, squallido, a schifo di persona. “Quando questo personaggio squallido scomparirà il Ticino risorgerà” scrive Ludwig Grosa, che, pure, effettua una segnalazione alla Corsi (di cui è socio) sulla freddura del giornalista. Emblematico anche il caso della Ligue du Lol, un gruppo Facebook attivo tra il 2009 e il 2012, il cui caso scoppiò solo nel 2019. Lo scopo del gruppo, composto da un’élite parigina di giornalisti, pubblicitari ed esperti di comunicazione era sfottere, in modo fortemente scorretto, alcuni personaggi in voga su Twitter. Come denunciato da numerose testimonianze, alcuni partecipanti della Ligue du Lol arrivarono a rasentare l’ossessione nei confronti delle vittime; per lo più donne, blogger e giornaliste, che si occupavano di temi femministi: deepfake dove al volto della vittima era stato sovrapposto il corpo di una pornostar, diffusione di dati personali, finte chiamate di lavoro diffuse in rete come sfottò, invio di email compulsivo, ingiurie… I nomi dei leghisti della risata si scoprirono in fretta, in parte perché gli stessi fecero pubblica ammenda e chiesero scusa per la deriva presa dal gruppo, seppur specificando che non vi fossero intenti misogini a muovere le loro azioni. Le scuse, definite revisioniste da alcune vittime, si trasformarono in accuse quando la rete esplose; includendo nei molestatori qualsiasi persona legata al gruppo, chiedendone il licenziamento, minacciandoli e insultandoli. 

La gara della vergogna 

Fino a qualche anno fa le motivazioni ai comportamenti problematici online erano ricondotte all’anonimato, dunque all’idea d’impunità che favorisce la deresponsabilizzazione. Questa teoria non è più sufficiente oggi, dato che gli stessi comportamenti intercorrono anche su piattaforme non anonime e caratterizzate, se mai, da un’ipertrofia identitaria (come Facebook). Nello studio Digital Social Norm Enforcement: online Firestorm in Social Media (2016) realizzato dall’istituto di Sociologia dell’università di Zurigo, attraverso l’analisi di una piattaforma per le petizioni viene mostrato come la maggior parte dei commenti discriminatori non derivi da utenti anonimi. Se il discorso d’odio è una risposta a comportamenti di violazione (veri o percepiti) di attori pubblici, non si sentirà bisogno di celare la propria identità siccome è l’altro che si deve vergognare di più.
Per combattere il fenomeno tenendo in equilibrio il diritto all’informazione e la libertà d’espressione, servirà uno sforzo collettivo che non potrà essere limitato a un’eventuale innovazione normativa. Dovrà coinvolgere, per esempio, anche famiglie e scuole sul fronte preventivo; le istituzioni nella promozione di progetti atti a favorire una convivenza virtuale più rispettosa; o i politici nell’impegno a contrastare i discorsi d’odio… magari, smettendo di diffonderlo.

COSA DICONO LE STATISTICHE

In Svizzera nessun articolo del Codice penale punisce specificatamente le molestie virtuali, lo conferma la Prevenzione Svizzera della Criminalità (SKPPSC): “Non esiste una legge separata sui delitti commessi online. Tuttavia, i vari delitti sono coperti da leggi esistenti che si applicano anche in rete. Come dagli articoli del codice penale sulla coazione, la diffamazione, l’ingiuria o la minaccia. La vittima può anche fare riferimento agli articoli del codice civile (protezione della persona) ma qui è più difficile fare una denuncia”.  Nello studio del 2020 sui crimini digitali in Svizzera realizzato dall’SCP (Statistica Criminale di Polizia), si rilevano 1’240 crimini di lesione della reputazione. Molte vittime non denunciano, le statistiche non possono fornire una lettura puntuale della situazione. Una stima, per quanto riguarda i più giovani, è data dallo studio biennale JAMES (Giovani, attività, media – Rilevamento Svizzera) che analizza la vita quotidiana dei ragazzi dai 12 ai 19 anni e l’utilizzo dei media. Dal rapporto 2020 risulta che il 98% utilizza almeno un social media, il 44% ha già subito molestie sessuali in Internet e al 32% è già successo che foto o video che li ritraessero fossero messi online senza consenso. Le ragazze (55%) subiscono molestie più frequentemente rispetto ai ragazzi (28%).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved