amici-miei-tutto-e-meglio-tra-maschi
© iStock
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
13 ore

United Roads of America. Viaggio nella ruggine

Una volta la "Rust Belt" era il cuore industriale e produttivo degli USA. Oggi questa manciata di Stati orientali cerca di ripartire, come può e a fatica
Ticino7
1 gior

In pista. Corrente per andare veloci

Il mondo delle gare è tutt’altro che disgiunto da tendenze ed evoluzioni della mobilità di tutti i giorni. Anche qui l’elettrificazione è una solida realtà
Ticino7
1 gior

Dietro al volante con Ivano Di Remigio

Tra i vostri propositi per il 2021 vi è quello di cambiare vettura? Ecco la testimonianza di chi ha fatto la sua scelta, con cognizione di causa va da sé
Ticino7
1 gior

"Sulla Rolls di Lennon". Un racconto di Giorgio Genetelli

Un manipolo di amici, una macchina musicalmente leggendaria, un viaggio senza meta, quella voglia di trasgredire e mandare tutti a quel paese. Se ancora si può fare
Ticino7
1 gior

Auto elettriche: attaccati alla presa

Quello che stiamo vivendo sarà ricordato come il punto di non ritorno per il comparto automobilistico. Per forza di cose, visti i cambiamenti sociali in atto
Ticino7
1 gior

Se non ora, quando?

Se siamo di fronte al tracollo dellʼOccidente post-Covid non saprei. Di certo non tutti stanno così male.
Ticino7
6 gior

United Roads of America. Il business della sofferenza

Sono usati e abusati i detenuti di alcune contee. Ma c'è chi lucra anche sulla pelle di migranti e richiedenti asilo. E i carnefici non sono i "soliti" repubblicani...
Ticino7
1 sett

Guardatevi dal tatagattamortismo

Mai dare il numero di telefono della propria fedele babysitter ad amiche e conoscenti. Piuttosto sacrificate (col suo accordo) l'uomo di casa, se necessario
Ticino7
1 sett

In quel posto. Storie e vicende di gabinetti, pubblici e privati

Secondo alcuni studi, una persona in salute dovrebbe espellere almeno 150 grammi di feci al giorno. Dove e come queste vengono fatte oggi è un segreto, una volta...
Ticino7
1 sett

Nella penna e sulle pagine di Roberto Genazzini

“Per Rialto” dice un cartello appeso in casa, e una freccia segnala di andare verso sinistra. Non potrebbe essere altrimenti: se ami Gandria, ami anche Venezia
Ticino7
1 sett

Greg, la Schiappa più famosa del mondo

Perché le avventure del personaggio creato da Jeff Kinney piacciono tanto? Lo chiediamo a Rossella Bernascone, traduttrice dei famosi ‘Diari’ di Gregory Heffley
Ticino7
1 sett

Fare per crescere, sin da bambini

Autostima e manualità si coltivano sin da piccoli. Anche se la materia parrebbe non essere la più consona
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Sulla via delle stragi

Non c'è (quasi) settimana che non ne avvenga una, piccola o grande che sia. E il metro di misura, ahinoi, è sempre drammaticamente lo stesso: la conta dei morti
Ticino7
2 sett

Gli animali sono emotivi. Elogio all'empatia fra specie

È il "migliore amico dell'uomo", perché è fedele, certo. Ma anche perché è in grado di manifestare le proprie emozioni. Ma oltre ai cani c'è dell'altro...
Ticino7
2 sett

I miti del jazz. Hank Mobley, il tenore invisibile

La storia della musica nasconde innumerevoli paradossi. Come le vicende e i mancati riconoscimenti (in vita) di questo talentuoso sassofonista dimostrano
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine 3. Al Banco(cco)mat

Avete mai viaggiato su una piccola imbarcazione, trasportati dalle onde? La prima cosa che vorreste evitare è di non bagnarvi troppo. Ma dove è meglio sedersi?
Ticino7
2 sett

Sulla tela di Antonio Lüönd

"Chi sono, da dove vengo, perché sono qui? Attraverso la pittura ho sempre sentito una spinta interna che mi portasse delle risposte. E ancora le sto cercando”
Ticino7
2 sett

È tutto pieno, grazie

‘Meno traffico e più verde’. Parole sante, ma a questo punto servirebbe il mago Fantasios.
Ticino7
3 sett

United Roads of America. West Virginia, elegia dei bianchi poveri

La Contea di McDowell è la più povera dello Stato. Qui il reddito è un quarto della media nazionale. C’è poco da sorridere, mancano persino i denti
Ticino7
3 sett

Claudio Rivellini. 'Vi racconto il mio Covid'

È stato fra i primi ricoverati alla clinica Gavazzeni di Bergamo, nella zona in Italia più colpita dalla pandemia. Quando del virus quasi nulla si sapeva
Ticino7
3 sett

Informazione: e il giornalismo di qualità dove va?

Si stava meglio quando si stava peggio, ovvero l'altro ieri. Perché l'aria che tira adesso profuma di tempesta (soprattutto per chi si occupa di cultura)
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 2. I nazisti dei Caraibi

Il viaggio verso la Colombia continua: da Panama e il suo Canale ci spostiamo sulla costa. Fra gente che dovrebbe esserci ma non c'è e infausti vessilli...
Ticino7
3 sett

Le notizie, i pesi e le misure

Sapere che cosa pensano i lettori è vitale per un giornale. Anche se a volte è poco edificante, diciamolo
Ticino7
4 sett

Sordità. Sentire, ma su un’altra frequenza

C'è chi lo è dalla nascita e chi lo è diventato dopo incidenti o terapie errate. Ma come vivono i sordi, come comunicano e quali problemi devo affrontare?
Ticino7
4 sett

Cammina che ti passa (e fa benissimo)

Lo confermano studi e ricerche: basta rispettare i propri limiti fisici e dotarsi di un paio di calzature adatte. Il resto vien da sé, passo dopo passo...
Ticino7
4 sett

L'ansia di non saper gestire l’ansia

Non siamo fatti per stare chiusi tra 4 mura. Il rischio (fra le molte altre "controindicazioni") è di ritrovarsi con un'ospite indesiderata. Proprio in casa
Ticino7
4 sett

Pietro Vaccaro non ci sente, ma le sue pizze...

Classe 1953, nella vita si è sempre contraddistinto per caparbietà e una simpatia contagiosa. Ristoratore per passione, la sua vitalità è molto contagiosa...
Ticino7
4 sett

Gli occhi e le visioni del futuro

Sarebbero fatti per vedere lontano. Invece li abbiamo ridotti a microscopi buoni per digitare numerini e letterine
Ticino7
1 mese

L'empatia secondo Assunta Ranieri Bernasconi

Ha aperto nel Luganese uno spazio dove mamme e papà possono condividere professione e cura dei figli. Un'idea che racconta molto di lei e del suo vissuto
Ticino7
1 mese

Moda e riuso. I giovani negli armadi di famiglia

Davide e Gaia si raccontano: come e perché alle solite vetrine in centro e ai centri commerciali preferiscono le soffitte e gli abiti di mamma e papà?
Ticino7
1 mese

Elastici, trampolini e regali boomerang

Ieri erano gli esercizi in VHS, oggi sono i tutorial su YouTube. Ma poco è cambiato... sempre che a casa non vi manchi una scatola di cereali pronta all'uso
Ticino7
06.03.2021 - 14:130

Amici miei. Tutto è meglio, tra maschi

Per gli esperti lʼamicizia tra gli uomini sta cambiando. Ecco il bromance: una fratellanza tutta al maschile a scapito di mogli, compagne e fidanzate?

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Mai sentito parlare di bromance?  È l’acronimo inglese di brother (fratello) e romance (relazione, idillio, storia), un termine nato negli Stati Uniti e diventato popolare, tanto da farci film (da Superbad a Fratellastri a 40 anni), romanzi (come la serie di Lyssa Kay Adams), canzoni e quant’altro. Oggi Instagram conta 2,5 milioni di hashtag e Google fornisce 33,5 milioni di risultati correlati. In Europa però se ne parla poco, così in Svizzera e in Ticino. Anche per l’Associazione Ticinese Psicologi (atp.ch) il termine è pressoché sconosciuto, ma Lia Wächter, psicoterapeuta e sessuologa con studio a Lugano, ci ha fornito qualche chiave di lettura.

Empatia maschile

Secondo il dizionario Garzanti bromance significa “amicizia fraterna, legame di profonda amicizia (fra due uomini eterosessuali)”. Anche Wikipedia ha creato una voce: “stretto rapporto, non sessuale, tra due o più uomini”, un “rapporto sociale non erotico tra persone dello stesso sesso”. Niente di nuovo, direte, da sempre molti uomini soli o meno fanno (come le donne) comunella, eppure gli studiosi hanno notato un nuovo modo maschile di socializzare, in particolare tra i maschi nati negli anni Settanta e soprattutto tra i più giovani che, non a caso, sentiamo chiamarsi bro’ o fra’. Dunque vedere altri amici maschi, commenta Wächter, si spiega col fatto che “solitamente siamo più inclini a confidarci con chi pensiamo possa comprenderci e supportarci”, nel senso che tra maschi ci si intende meglio, così come tra donne. Quindi, aggiunge, “vivere con altri uomini un mondo di significati condivisi tutto al maschile agevola l’espressione del proprio stato interno, poiché si ha fiducia che l’altro possa capire, comprendere e non giudicare (un comportamento, un pensiero, un’emozione): si pensa che forse anche l’amico (o il gruppo di amici) provi o abbia provato in passato le stesse cose”. Ma non è tutto.

Più affettività

Un ruolo importante sembrano giocarlo lo sdoganamento dell’omosessualità e la liberazione da antichi pregiudizi. Nel bromance, sostiene Wächter, “penso che l’omosessualità in qualche modo c’entri”: siccome “l’omosessualità maschile socialmente non è più stigmatizzata o lo è sempre meno, c’è da parte dei ragazzi/uomini una minore pressione sociale sui comportamenti “omoaffettivi” che vengono accettati ed espressi con sempre maggiore serenità”. Gli scambi riguardano emozioni, desideri, confidenze, delusioni ecc., oltre che l’eterna complicità maschile quando si tratta di condividere esperienze e momenti. Ma nemmeno la sessualità, nelle sue svariate forme, si può escludere, e nemmeno in Ticino. Infatti, in un sito di incontri erotici scopriamo un annuncio intitolato proprio “bromance” , dove un 26enne di Lugano cerca “amici maschi etero (…) per parlare di ciò che ci eccita (...)”. Ciò non vuol dire che una relazione bromance sia per forza una storia di sesso o d’amore omosessuale.


© iStock

Tema poco studiato

Si è scritto molto sulle dinamiche femminili e di coppia, ma poco su quelle maschili, come se fossero meno importanti. Ciò vale sia per la letteratura scientifica che soprattutto per i media generalisti. Sociologi e psicologi, che preferiscono usare il termine “omosocialità”, stanno solo iniziando a studiare il bromance, mentre nei media svizzeri il tema è rarissimo. Quasi sempre è trattato da donne con curiosità e stupore. Nel 2017 il Blick riporta uno studio dell’Università britannica di Winchester secondo il quale, generalmente, c’è uno “sviluppo positivo” nel bromance, perché ha “un effetto positivo” sulla salute fisica e mentale dei maschi. Poi la Luzerner Zeitung in cui l’autrice, non senza preconcetti, afferma che “anche gli uomini hanno bisogno di amici”, perché “non sono dei lupi solitari come vengono idealizzati”, ma “le amicizie maschili sono un mistero per molte donne”. Il motivo? Secondo Lisa Wagner, docente all’Università di Zurigo, è che “le amicizie tra uomini sono diverse da quelle tra donne”, affermava nel 2019 su psychologie.ch. I primi funzionano “spalla a spalla” (scambio basato più su attività comuni), le seconde “faccia a faccia” (scambi più frequenti e approfonditi).

Questione di fiducia?

Proprio perché se ne parla poco, il bromance può non essere capito dalla partner, dare adito a incomprensioni o persino a ultimatum del tipo “o me o i tuoi amici”. Secondo Wächter, infatti, “se la compagna nel suo ruolo di confidente e alleata viene sostituita da un amico/gruppo di amici, dobbiamo immaginarci l’esistenza di una certa sfiducia di fondo nell’altro e nella sua capacità di comprendere e non giudicare”. Se così fosse, la presunta sfiducia di lui da dove arriva? Forse dal fatto che molti giovani maschi “non potevano parlare pienamente dei loro interessi, ansie, salute e desideri sessuali” con le fidanzate, perché si sentivano “costantemente impostati e auto-controllati” recitando il ruolo del “fidanzato adorante” per ottenere il risultato desiderato, cioè il sesso. Queste le ipotesi di Adam White, dell’università del Bedfordshire, in un suo studio pubblicato sulla rivista scientifica Men and Masculinities. Secondo la tesi di White nel bromance vi sarebbe quindi più indulgenza, meno giudizio, rancore ed imprevidibilità emotiva rispetto al rapporto uomo/donna. Per White ciò potrebbe anche svantaggiare le donne e la coppia.

Squilibri di coppia

A questo proposito la psicoterapeuta di Lugano Wächter nota: “Ciò che probabilmente non è funzionale alla relazione di coppia sono la qualità e la quantità: se il gruppo di amici o il ‘migliore amico’ si sostituisce all’intimità e complicità della coppia, questo genera uno squilibrio negli investimenti affettivi e probabilmente è un campanello d’allarme che indica che qualcosa, all’interno della stessa coppia o personalmente, non va”. Ciò vale anche per le amicizie femminili (il cosiddetto womance), ma è pur vero che è nei blog femminili che si leggono maggiori preoccupazioni (leggi riquadro). Solo leggerezze maschili o tanto investimento affettivo femminile? Nel suo studio a Lugano, Wächter “molto spesso” riscontra che uno dei due partner o entrambi percepiscono “trascuratezza da parte di un partner che preferirebbe passare il proprio tempo facendo altro, piuttosto che stare in coppia”. E magari proprio perché lui frequenta molto gli amici. In tal senso, per White ciò potrebbe non essere necessariamente un vantaggio per le donne che verrebbero private di fiducia, complicità, intimità ecc. Secondo Wächter, se così fosse, ciò “potrebbe essere visto come la declinazione di vecchie tattiche di evitamento del confronto o del conflitto con la partner donna”. Un problema non certo nuovo.


© iStock

Oppressioni sociali

L’evitamento del dialogo col sesso femminile ha radici antiche. Poiché “le donne sono, mediamente, maggiormente competenti nell’esprimere i propri sentimenti e stati d’animo”, spiega Wächter, “gli uomini, soprattutto per le questioni spiacevoli, tendono ancora molto a cercare di fronteggiare un fattore stressogeno senza condividere il proprio sentire” con la partner. Lo fanno magari al bar, alla partita, su internet, ma spesso tra maschi. Ciò si spiega col fatto che agli uomini, sin da bambini, si insegna poco o per niente ad aprirsi, confidarsi, esprimere i sentimenti. Questa è una “conquista socialmente piuttosto recente per il genere maschile”, conferma l’esperta. I modelli sociali impongono loro di farcela da soli, mostrarsi forti, indipendenti, infatti questi “retaggi maschilisti dei secoli scorsi sono ancora attivi, anche se sempre meno” , spiega Wächter: “Tendenzialmente prevedono che la bambina non venga scoraggiata quando esprime le sue emozioni e ricerca conforto o affetto, mentre il bambino in parte sì”. Ecco perché ci sono “maschi adulti a volte molto poco a loro agio con le proprie emozioni e l’espressione di esse”, afferma, e ovviamente “questa difficoltà non può che aumentare se l’interlocutore è una donna, poiché in questo caso è più probabile che si tema di non essere capiti”. Dello stesso avviso è uno dei pochi studiosi svizzeri dell’amicizia, il docente alla SUP di San Gallo Steve Stiehler: “Mostrare sentimenti è ancora un tabù per gli uomini” perché “i ragazzi non imparano a parlarne”, ha detto alla Schweizer Illustrierte.

Meno analfabeti emotivi?

Tuttavia qualcosa sta cambiando e il bromance è l’indizio di una nuova omosocialità. Per il sociologo Nils Hammarèn dell’Università di Gothenburg, “le ultime generazioni di uomini cresciuti da madri e padri femministi negli anni Settanta sono più aperte emotivamente e più espressive”, afferma un suo studio accademico pubblicato da Sage Open. Come Wächter, anche Hammarèn conferma che i giovani uomini non temono più di essere identificati come gay perché amano stare tra di loro, quindi “sono più a loro agio nell’esplorare amicizie più profonde con altri uomini”. Ma a scapito delle compagne e della coppia? Studi e sondaggi sui “Millennials” e gli “Z”, le nuove generazioni di 18-30enni, indicano che fanno fatica a coinvolgersi, a impegnarsi, a mettersi in gioco, stanno meno in coppia e fanno meno sesso dei loro nonni. Persino l’inglese Guardian si è chiesto nel 2018 se ci troviamo in una “recessione sessuale”. Chissà. Il bromance ha dunque varie ragioni e implicazioni, personali e di società, di famiglia e di scuola, ma forse potrebbe aprire la strada a un confronto emotivo uomo/donna più sincero e paritario. 

 

© iStock
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved