laRegione
geocaching-e-adesso-trovami-se-ci-riesci
Geocaching: un ‘gioco’ anche per i più grandi...
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
15 ore

Ricordando Giovanni Boggini

"Un buon formaggio lo senti prima che diventi formaggio. Lo senti con le mani e col naso. Come ci si arriva, a parole, non te lo so spiegare”.
Ticino7
16 ore

QAnon: i complottisti e Donald Trump

Immaginate i Clinton e Obama a capo di una setta satanista, con divi del cinema, il Papa e il Dalai Lama. No, non è la trama di un film...
Ticino7
16 ore

Di bronchi e shampoo

Se non ti cambi le mutande ogni giorno, ripeteva sempre mia nonna, come farai il giorno in cui ti porteranno in ospedale?
Ticino7
20 ore

Per capire il Kosovo

Il paese che esiste per alcuni, ma non per altri. Dove i ponti diventano muri e la storia non si dimentica
Ticino7
1 gior

La pandemia e le strategie asettiche

La mascherina è fondamentale per proteggersi e proteggere gli altri. In molti, invece, pare si stiano dimenticando delle loro manine
Ticino7
1 sett

This War of Mine: quando i videogiochi entrano a scuola

I 'serious games' possono essere utilizzati per studiare temi importanti come la storia e la guerra. Sta succedendo in Polonia con un gioco davvero originale
Ticino7
1 sett

Erminio Ferrari e il valzer per un amico

Pubblichiamo un racconto dall'ultimo libro del giornalista e scrittore morto in montagna mercoledì scorso: una storia di amicizia, cime, musica e tutto il resto
Ticino7
1 sett

710 Ashbury Street: il ‘gruppo locale’ dei Grateful Dead

Considerati la band psichedelica per definizione, i Grateful Dead sono stati un fenomeno artistico centrale nella storia della controcultura americana.
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, la Ferragni e la seconda gravidanza

La già lunga lista di “cose che dobbiamo imparare da Chiara Ferragni”, si è arricchita, qualche giorno fa, di un nuovo importantissimo capitolo
Ticino7
2 sett

Depilazione: cosa ci dice un pelo

Farlo o non farlo. Per alcune è diventato un dilemma. Per altre una questione di moda, di rivendicazioni e a volte di semplice pigrizia.
Ticino7
2 sett

Sport e disturbi psichici. Ombre accanto al ghiaccio

Negli sport di squadra il tasso di burnout e abuso di alcol tocca il 5% dei giocatori, per ansia e depressione si arriva al 45. E in Ticino?
Ticino7
2 sett

Una tazzina con Jean-Claude Luvini

Importa caffè certificati provenienti principalmente dall’Uganda. Prodotti molto richiesti, soprattutto da chi crede nell'economia equo-solidale.
Ticino7
2 sett

Ciccia, bellezza e differenze

Vanessa Incontrada si mette nuda e ricorda a tutte (e tutti) di essere sé stessi. Lei può, perché è il suo mestiere: noi no, perché facciamo altro.
Ticino7
2 sett

Tu cercali, se vuoi, nellʼuovo

Oggi non esiste uomo (probabilmente) che non si sia mai tolto qualche pelino di troppo. Sarà un problema di bellezza.
Ticino7
3 sett

Il destino e il lusso della verità

La domanda è: si può imparare a fingere? Sì, ma solo esercitandosi molto, con metodo e rigore. Solo, soprattutto, iniziando con sé stessi.
Ticino7
3 sett

Segreti. Che rimanga tra noi

Ci sono cose che non vogliamo o non possiamo dire (a tutti). Ma quali ricadute hanno queste verità nascoste sulla nostra salute?
Ticino7
3 sett

Cinema porno: una vita per lo schermo

Breve ma esaustiva storia irragionata della cinematografia a luci rosse. Dedicato a chi preferisce superare i soliti (e scontati) luoghi comuni.
Ticino7
15.08.2020 - 11:450

Geocaching: e adesso trovami, se ci riesci

Montagne, luoghi storici e abbandonati, città, paesi, campagne, castelli. Tutti ottimi nascondigli per la più grande caccia al tesoro a livello mondiale.

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, questa settimana allegato del venerdì (vista la festività) a laRegione.

Se non sapete di cosa stiamo parlando potreste essere definiti dei “babbani”, termine evidentemente preso in prestito dalla serie di Harry Potter. Ma noi vogliamo farvi passare dall’altra parte della barricata. Come e dove nasce il geocaching? Siamo nel 2000: Bill Clinton rimuove il segnale che disturba i Gps civili, portando la possibilità d’errore da 100 a 10 metri. Dave Ulmer decide di verificare questo importante cambiamento, nascondendo su una collina un contenitore con al suo interno un taccuino
e una penna. Utilizzando una pagina internet comunica le coordinate Gps a un gruppo di persone e chiede a tutti gli utenti di provare a stanare il tesoro. L’idea piace talmente tanto che inizia a espandersi a macchia d’olio. Poco tempo dopo vengono definitivamente coniati i termini cache – per indicare i contenitori nascosti – e geocaching. L’idea in realtà non è nuova: già gli esploratori nascondevano delle scatolette con al loro interno cibo e rifornimenti, in modo da poterle ritrovare al loro rientro. Alcuni di questi nascondigli divennero anche pubblici e servivano per la sopravvivenza, rispettando il principio del prendere solo ciò di cui si necessita, lasciando ciò che potrebbe servire ad altri. Nel settembre del 2000 viene registrato il dominio geocaching.com, un sito dedicato esclusivamente a quest’attività. 

Come e dove si gioca?

Il geocaching è come una grande caccia al tesoro. I geocacher (i giocatori) nascondono o trovano dei contenitori (cache) attraverso un ricevitore Gps. Le cache possono avere forme e dimensioni diverse. L’importante è che al loro interno ci sia un logbook, ossia un piccolo bloc-notes dove il giocatore lascia un segno del suo passaggio apponendovi una firma. Il tesoro può assumere sembianze diverse: scatolette di plastica (quelle usate in cucina sono le più comuni) oppure oggetti più difficili da scovare come viti, bulloni, calamite, sassi mimetizzati, gusci di lumaca, rami forati e rimessi esattamente al loro posto. La fantasia di camuffamento non ha limiti e serve anche per evitare un ritrovamento casuale del tesoro.
Il geocaching si pratica in parte su internet e in parte all’aperto. Quindi una condizione fondamentale è che ci sia accesso alla rete, in modo da potersi registrare sul sito che fornisce le informazioni necessarie per iniziare la ricerca. I partecipanti che nascondono le cache pubblicano le coordinate (longitudine e latitudine) in cui si trova il contenitore, descrivono la sua grandezza (molto importante per capire cosa dobbiamo cercare e in quale punto potrebbe essere stato nascosto), la difficoltà di recupero, il tipo di terreno sul quale si gioca. Prima di partire con la ricerca si consiglia di leggere anche gli attributi. Attraverso queste informazioni possiamo capire se la ‘caccia’ può essere indicata a delle famiglie, quanti siano i chilometri da percorrere, se vi sia il rischio di imbattersi in rovi o animali pericolosi. Spesso troviamo anche qualche indizio, che non fa mai male.
Una volta scovato il tesoro bisogna aprirlo, scrivere il proprio nome sul logbook con la data del ritrovamento, chiudere e rimettere tutto esattamente nel luogo e nella posizione in cui lo si è trovato. In seguito si accederà al sito per notificare il risultato, aggiungere commenti, indicazioni, foto o segnalare qualcosa che non funziona, in modo che il proprietario possa intervenire e rimettere in gioco la postazione. Incrementerete così il numero di ritrovamenti personali: i geocacher più appassionati superano il migliaio.

Dove possiamo trovare una ‘cache’?

Le cache si trovano ovunque e in Ticino ce ne sono più di 1’400. L’unica cosa che viene richiesta è che sia un luogo piacevole da visitare, di interesse turistico, naturalistico o storico. Al Colosseo di Roma ci sono cache, come presso le Piramidi in Egitto e sul Monte Fuji. Ma potete anche trovarne in luoghi abbandonati come manicomi, hotel o scuole. Basta aprire la cartina sul sito e cercare.

Non solo scatolette

Ci sono diverse tipologie di cache. Con le Multi si porta il giocatore a curiosare in più punti, utilizzando il geocaching come guida turistica. Per raggiungere il punto finale bisogna prima trovare diversi indizi, passando da postazioni diverse. Nel Mistery/Puzzle è invece necessario risolvere dei quiz o dei rompicapi. Le Earthcache sono tesori di tipo educativo: ci si reca sul posto e si deve rispondere a una domanda legata a una particolarità geologica. Il Wherigo è invece l’ultimo nato nella famiglia: le domande compaiono solamente quando si raggiungono le varie coordinate e si procede verso la prossima tappa solo con la risposta corretta. E poi ci sono gli eventi Cito (Cache In Trash Out): in questo caso le coordinate sono accompagnate da una data e da un orario nei quali ci si ritrova per pulire dall’immondizia un’area selezionata. Sin dal 2002, infatti, i geocacher si sono dedicati alla pulizia di parchi e altri luoghi in tutto il mondo. 

Ultima indicazione prima di iniziare

Ricordatevi che il fatto di cercare insistentemente qualcosa in un luogo e aggirarsi in modo furtivo potrebbe far pensare a un’attività di spionaggio agli occhi di chi non sa cosa state facendo. Negli Stati Uniti vi sono stati casi in cui alcuni geocacher sono stati fermati dalle forze dell’ordine in quanto sospettati
di essere terroristi nell’atto di piazzare esplosivi sotto i ponti. A Padova una cache è stata fatta brillare in quanto scambiata per una bomba. Un consiglio da mettere sempre in pratica è quello di non farvi vedere da occhi indiscreti. Solitamente chi nasconde le cache lo fa con questa consapevolezza e sceglie posti non particolarmente affollati. Oppure avvisa su quanto creato.

 

Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved