ULTIME NOTIZIE #pubbliredazionale
#pubbliredazionale
3 mesi

Giornata nazionale Spitex 2022

2a Giornata di Porte Aperte ‘Lo Spitex – moderno e di rilevanza sistemica’
Pubbliredazionale
3 mesi

Web Valleys: l’azienda ticinese specializzata in siti web

Soluzioni per ogni settore e dimensione aziendale
#pubbliredazionale
6 mesi

Fischio alle orecchie: un fastidio difficile da ignorare

Il famoso fischio alle orecchie diventa spesso una ragione di forti fastidi difficili da ignorare
#pubbliredazionale
7 mesi

Pianificare al meglio la previdenza

Così potrete godervi senza pensieri la vostra pensione
#pubbliredazionale
8 mesi

Diventapompiere.ch

Un impegno che fa la differenza
PUBBLIREDAZIONALE
1 anno

LAC e AUTORS continuano a viaggiare insieme

Rinnovata la partnership per le prossime tre stagioni
#pubbliredazionale
1 anno

65piu: nuovi contenuti, nuove funzionalità

Cominicato stampa
#pubbliredazionale
1 anno

L'impatto del Covid sul costo del petrolio

Gli effetti della pandemia sul turismo globale
Pubbliredazionale
1 anno

Il successo dei software per la gestione della fatturazione digitale

ARXivar
Pubbliredazionale
1 anno

FC Lugano e Autors SA viaggeranno insieme

COMUNICATO STAMPA N. 2021-008 – 9 MARZO 2021
#pubbliredazionale
1 anno

Informazione a ristoranti e bar

Sospensione automatica dell'invio del giornale
Pubbliredazionale
2 anni

Ristrutturazione green grazie agli incentivi 2020/2021. È possibile!

Tutti gli incentivi cantonali a tua disposizione
Pubbliredazionale
2 anni

Tutti i segreti per organizzare la ristrutturazione della casa

Guida completa ai lavori di ristrutturazione
Publiredazionale
2 anni

NASCE BOX26.CH

THe MotorSwiss Platform - Pensata in Ticino
Pubbliredazionale
2 anni

Come riconoscere un vero professionista della ristrutturazione

Le 5 caratteristiche di un preventivo professionale
Pubbliredazionale
2 anni

Conosci la Guida agli incentivi 2020/2021 per il Ticino?

Scopri gli incentivi cantonali per la fine dei tuoi lavori
Pubbliredazionale
2 anni

Medtec: il corso di Laurea in Medicina e Ingegneria Biomedica di Humanitas

Oggi più che mai la medicina gioca un ruolo determinante nella vita delle persone. Da quando il covid-19 ha fatto la sua comparsa, infatti, tutti hanno rivalutato l’importanza delle strutture ospedaliere, del personale medico e dei dottori in generale.
#pubbliredazionale
2 anni

Carpoint FORD & Kubi: La scelta dei Campioni

 Kubi indosserà la maglia di ambasciatore del marchio FORD
Pubbliredazionale
2 anni

L’autunno nel piatto

Pubbliredazionale UBS
27.10.2022 - 09:30
Aggiornamento: 28.10.2022 - 09:44

Reddito sicuro grazie a una pianificazione tempestiva

Colmare le lacune previdenziali

 
reddito-sicuro-grazie-a-una-pianificazione-tempestiva

Nonostante il principio dei tre pilastri della previdenza svizzera per la vecchiaia, spesso il reddito dopo il pensionamento diminuisce più sensibilmente del previsto. Con le giuste precauzioni, questo problema può essere attenuato.

AVS, cassa pensioni e risparmio individuale nel 3° pilastro (3a e 3b): la previdenza svizzera per la vecchiaia si basa su questi tre pilastri collaudati. L’obiettivo di tale sistema ad ampio spettro è quello di garantire la sicurezza finanziaria con l’avanzare dell’età. Al contempo è chiaro che, anche con questa protezione, il reddito dopo il pensionamento diminuirà in modo significativo per la maggior parte delle persone in Svizzera. L’esperienza dimostra invece che le spese restano all’incirca invariate rispetto a quelle sostenute prima del pensionamento. Questa situazione porta a un’eccedenza di uscite e quindi a lacune previdenziali. Pertanto, è importante occuparsi per tempo della pianificazione previdenziale.

Per quale motivo dopo il pensionamento le spese restano quasi invariate?

Secondo gli esperti previdenziali di UBS, un motivo tipico per una situazione di spesa pressoché invariata è che, ad esempio, dopo il pensionamento si riscontra spesso un aumento nelle spese per i viaggi, gli hobby e la salute. Ciò compensa l’azzeramento delle spese professionali. Per questo motivo, è opportuno che tutti gli over 50 analizzino attentamente la propria situazione previdenziale e confrontino il proprio bilancio attuale con le entrate e le uscite previste per la pensione. Soltanto in questo modo è possibile fare una stima realistica delle spese da affrontare dopo il pensionamento.
Di norma, ai pensionati serve circa l’80% del loro ultimo reddito per coprire le spese dopo il pensionamento. Se il reddito atteso è inferiore a questo valore, è altamente probabile che al pensionamento si presentino lacune previdenziali. Durante una consulenza previdenziale è possibile illustrare le possibilità per evitare tali lacune e spiegare come colmarle.


Colmare le lacune previdenziali

Secondo gli esperti previdenziali di UBS, una misura consiste nel riscatto volontario nella cassa pensioni. I riscatti vengono presi in considerazione in caso di lacune nella cassa pensioni causate, ad esempio, da un’interruzione della carriera, come un lungo soggiorno all’estero, un periodo di disoccupazione o una pausa di lunga durata per motivi familiari.
Ulteriori opportunità di riscatto della cassa pensioni si presentano nel tempo, ad esempio quando il salario totale aumenta, cresce conseguentemente anche il salario assicurato e il potenziale di riscatto. Pertanto, l’effetto fiscale maggiore di un riscatto si ha spesso poco prima del pensionamento, poiché il salario è solitamente più alto in questo periodo. I riscatti nella cassa pensioni sono deducibili dalle imposte e consentono di ottenere prestazioni pensionistiche più elevate in età avanzata. Se si prevede di versare un importo importante nella cassa pensioni, è consigliabile distribuire i versamenti su più anni. Il riscatto scaglionato comporta solitamente un maggiore risparmio fiscale rispetto a un versamento unico. Occorre inoltre prestare attenzione alla tempistica: nei tre anni successivi al riscatto nella cassa pensioni non è possibile effettuare un prelievo di capitale senza conseguenze fiscali.

Inoltre, la previdenza vincolata 3a è un altro modo per colmare le lacune previdenziali. I versamenti nel pilastro 3a sono vantaggiosi anche dal punto di vista fiscale, in quanto possono essere dedotti dal reddito imponibile, attualmente fino a un importo annuo massimo di 6’883 franchi svizzeri (per persone affiliate a una cassa pensioni). Un altro vantaggio è che gli averi del pilastro 3a, con gli interessi e i redditi da capitale maturati, vengono tassati separatamente dagli altri redditi con un’aliquota ridotta, al momento del prelevamento del capitale. Infine, anche gli investimenti finanziari al di fuori del patrimonio previdenziale vincolato (talvolta chiamati anche pilastro 3b) offrono la possibilità di accumulare capitale per la pensione.


Ottenere il massimo dal proprio capitale previdenziale

Con l’avvicinarsi del pensionamento, bisogna riflettere su come prelevare e gestire il proprio capitale previdenziale. Mentre con la cassa pensioni esistono solitamente tre opzioni di prelievo – sotto forma di rendita a vita, di capitale una tantum o di una combinazione di entrambi – i conti del pilastro 3a prevedono unicamente la forma di prelievo una tantum. Tuttavia, se avete distribuito i vostri averi del pilastro 3a su diversi conti, questi possono essere prelevati gradualmente nel corso di diversi anni, riducendo così l’onere fiscale.


Se si opta per il prelievo del capitale previdenziale, è importante pianificare il cosiddetto consumo di capitale. È consigliabile depositare il denaro necessario nei primi anni dopo il pensionamento su un conto privato o di risparmio, a seconda dell’andamento dei tassi d’interesse. Le risorse finanziarie non immediatamente necessarie possono essere investite per finanziare le esigenze a medio termine e per compensare i consumi correnti con qualche rischio in più, ad esempio in fondi d’investimento. Durante tutto il periodo, andrebbe anche tenuta una riserva di liquidità per le spese impreviste. Una consulenza individuale consente di analizzare tutti gli aspetti importanti per ottenere il massimo dal proprio capitale previdenziale.

Indipendenza economica con l’avanzare dell’età, grazie a una consulenza mirata


La previdenza è individuale, pertanto i nostri consulenti alla clientela saranno lieti di fornirvi una consulenza nell’ambito di una verifica completa della previdenza e di analizzare con voi la vostra situazione finanziaria. Insieme, è possibile elaborare un piano che soddisfi le vostre esigenze e risponda alle domande aperte sulla pensione.


Ad esempio:

  • Il mio reddito e il mio patrimonio saranno sufficienti dopo il pensionamento?
  • Devo prelevare gli averi della cassa pensioni come rendita, capitale o forma mista?
  • Quando e come posso andare in pensione?
  • Come viene gestita la sostenibilità dell’abitazione di proprietà dopo il pensionamento?

L’obiettivo è chiaro: essere economicamente indipendenti dopo il pensionamento.

Contattateci per una consulenza gratuita non vincolante:

Fissate un appuntamento ubs.com/previdenza

© Regiopress, All rights reserved