dono-d-organi-quale-modello-scegliere
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
25 min

Secondo booster necessario: col tempo, meno protezione

Covid-19, per il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità, l’ulteriore dose di richiamo va raccomandata al più presto
Svizzera
3 ore

Urc2022, in piena guerra si parla di ricostruzione

Lunedì e martedì prossimi occhi puntati sulla città per la conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
14 ore

Svizzera-Ue: Leu firma l’intesa sul contributo di coesione

La segretaria di Stato si è recata oggi a Bruxelles per colloqui esplorativi in vista di una normalizzazione delle relazioni con l’Unione europea
Svizzera
16 ore

Infosekta: teorie del complotto sempre in voga

La guerra in Ucraina continua ad alimentare le tesi cospiratorie, riferisce il centro svizzero tedesco di informazione e consigli sulle sette
Svizzera
17 ore

Mantenuta l’immunità a Roger Köppel, Molina perseguibile

Il primo è accusato di aver divulgato informazioni confidenziali. Il secondo è incolpato di aver partecipato a una dimostrazione non autorizzata.
Svizzera
17 ore

In Svizzera manca la manodopera qualificata

È il grido d’allarme che lanciano gli imprenditori. In futuro andrà meglio sfruttato il potenziale interno
Svizzera
17 ore

Grandine, danni per almeno 20 milioni di franchi

In giugno sono state fatte circa 4mila segnalazioni all’Assicurazione grandine svizzera
Svizzera
18 ore

Bus divorato dalle fiamme nei pressi di Rotsee

A bordo del torpedone, fortunatamente, vi era solo l’autista, che è riuscito a mettersi in salvo. Tragedia sfiorata oggi a mezzogiorno sulla A2
Svizzera
18 ore

Nidvaldo si conferma il cantone più attrattivo per le imprese

Ticino al 24esimo posto della classifica, ma le cose stanno per cambiare. Per le persone fisiche, a svettare è sempre Zugo (davanti a Svitto)
Svizzera
20 ore

Panne di Skyguide, conseguenze milionarie per Swiss

Il Ceo Dieter Vranckx torna sul blackout di metà giugno: ‘Se subiamo un danno finanziario indipendente da noi, è giusto reclamare un risarcimento’
Svizzera
21 ore

Torna l’obbligo di mascherina in diversi ospedali

Interessato quello cantonale dei Grigioni e alcuni nosocomi zurighesi. In Svizzera segnalate martedì oltre 33mila infezioni da Covid in sette giorni.
Svizzera
21 ore

Ventidue falle nel sistema informatico della Posta; una seria

‘Stress test’ per il Gigante Giallo, messo sotto pressione in una conferenza di hacker. Risultati tutto sommato confortanti
Svizzera
23 ore

Livia Leu a Bruxelles per colloqui esplorativi

Durante la visita ufficiale della segretaria di Stato è prevista la firma di un accordo di principio sul secondo contributo di coesione
Svizzera
23 ore

Processo ai biker: pene detentive (anche lunghe) per tre persone

Otto anni di carcere al principale imputato, per altri due 8 e 42 mesi. E fuori dall’aula la tensione resta alta
Svizzera
1 gior

Guardia alta a Berna in attesa della sentenza sui bikers

Vasto dispositivo di polizia nella capitale per l’ultimo atto del processo che vede imputati alcuni membri di Bandidos, Hells Angels e Broncos
Svizzera
1 gior

Munizioni nei laghi un rischio finanziario per la Confederazione

Da un rapporto del Controllo federale delle finanze (Cdf) sul risanamento dei siti contaminati emergono costi valutati in centinaia di milioni di franchi.
Svizzera
1 gior

Zurigo è al quarto posto delle città preferite dagli studenti

La città sulla Limmat si posiziona dopo Londra, Seul e Monaco. Lo racconta il sondaggio ‘Qs Best Student Cities Ranking’
Svizzera
1 gior

Covid, 3 svizzeri su 5 soddisfatti delle comunicazioni ufficiali

Secondo uno studio, in Ticino le persone che immaginano ci sia ‘un piano più grande dietro gli avvenimenti mondiali’ sono presenti in minor misura
Svizzera
1 gior

Fa sapere di aver donato un ovulo a una coppia, condannata

L’accordo scritto fra le parti prevedeva la non divulgazione della questione. Confermata la sentenza della giustizia zurighese.
Svizzera
1 gior

Crisi energetica, abbassare il termostato per risparmiare

La Confederazione potrebbe raccomandare alle famiglie che dipendono da questa energia di diminuire la temperatura in casa durante la stagione fredda.
Svizzera
1 gior

Giovane elefante muore allo zoo di Zurigo

L’animale era affetto da un herpes virus molto diffuso tra i pachidermi e particolarmente pericoloso per gli esemplari più piccoli
Svizzera
1 gior

Travolto e ucciso da un’auto mentre si trovava sul marciapiede

È successo a Baar, nel canton Zugo. Una donna avrebbe perso il controllo della vettura uscendo di strada e schiantandosi contro una fermata del bus.
Svizzera
1 gior

La Svizzera riprende il sesto pacchetto di sanzioni

Le nuove misure contro la Russia prevedono in particolare un embargo sul petrolio greggio e su alcuni prodotti petroliferi provenienti dal Paese
Svizzera
1 gior

La Confederazione si prepara a una penuria di gas

Si sta pure studiando un piano per un eventuale razionamento. Negli ultimi mesi i flussi di gas dalla Russia all’Ue sono diminuiti costantemente
Svizzera
1 gior

Identità elettronica, avviata la consultazione

Il Consiglio federale ci riprova: dopo il secco ‘no’ alle urne, propone un nuovo Id-e emesso che ‘garantirà la massima protezione dei dati’
Svizzera
1 gior

Preventivo 2023: eccedenza di 0,3 miliardi ma nubi all’orizzonte

Dal 2024 in poi le direttive del freno all’indebitamento non potranno essere rispettate e sarà quindi necessario adottare contromisure.
Svizzera
1 gior

Materie prime: ‘Serve maggiore trasparenza’

Il Consiglio federale ha deciso di voler raccogliere maggiori dati statistici su un settore sul quale aleggia una certa opacità
Svizzera
1 gior

Proposta una tassa per le auto elettriche

Lo suggerisce il Consiglio federale. Queste vetture non sottostanno alle tasse sui carburanti, utilizzate anche per finanziare le infrastrutture stradali.
Svizzera
1 gior

Veicoli più sicuri, al via la consultazione

Si mira a introdurre sistemi di assistenza alla guida e ad adottare un nuovo tachigrafo in grado di monitorare il rispetto degli orari degli autisti
Svizzera
1 gior

Alloggi protetti, anche in Ticino ne servono di più

Secondo un rapporto adottato oggi dal Consiglio federale anche nella Svizzera occidentale e in quella centrale sono necessarie maggiori strutture
Svizzera
1 gior

La polizia ferma con il taser un uomo armato di ascia a Berna

Il 51enne ha minacciato gli agenti rifiutandosi di gettare le armi. Fermata anche una donna che ha disturbato l’operazione di polizia.
Svizzera
2 gior

Dal traffico costi annui per 1’600 pro capite

Nel 2019 la spesa complessiva per danni all’ambiente e alla salute ha raggiunto i 14 miliardi di franchi
Svizzera
2 gior

Novartis taglia 1’400 posti di lavoro in Svizzera

La riduzione degli impieghi riguarda il 10% dei posti occupati nella Confederazione
Svizzera
2 gior

In Svizzera +34% di contagi da coronavirus in sette giorni

Nell’ultima settimana sono stati registrati 33’108 casi. In terapia intensiva il 6% dei letti è occupato da pazienti Covid
Svizzera
2 gior

Giochi d’azzardo all’estero, appropriato il blocco alle reti

Lo ha stabilito il Tribunale federale, confermando il provvedimento imposto a tre fornitori esteri di simili servizi
votazione, legge sui trapianti
22.04.2022 - 08:30
Aggiornamento: 25.04.2022 - 12:29

Dono d’organi, quale modello scegliere?

Il popolo deciderà il 15 maggio se vuole passare al consenso presunto e forse salvare più vite. I pareri di due medici

Due medici, una missione comune, quella di salvare vite, ma due visioni diverse sulle nuove regole per la donazione d’organi che andremo a votare il prossimo 15 maggio.

In ballo c’è un cambiamento di paradigma. Attualmente, in Svizzera, in caso di morte cerebrale è possibile prelevare organi o tessuti da una persona soltanto se in vita ha dato il proprio consenso (ad esempio con una tessera di donatore o con il testamento biologico) o se i parenti possono presumere che lo volesse. Si chiama consenso esplicito. La modifica legislativa in votazione capovolge la questione. Introduce il cosiddetto consenso presunto: in caso di morte cerebrale sono tutti donatori di organi, a meno di non aver espressamente dichiarato in un registro di non volerli donare. Tuttavia, continuerebbe a valere sempre la regola secondo cui, in assenza della dichiarazione di volontà della persona interessata, i suoi congiunti devono essere interpellati. I parenti possono rifiutare se sanno o presumono che non avrebbe acconsentito alla donazione.

Per il dottor Paolo Merlani, primario di cure intense e direttore sanitario all’ospedale Civico a Lugano, se si passasse al modello del consenso presunto, per le famiglie dei defunti sarebbe più facile prendere una decisione. È il punto di vista di un medico da 20 anni prima a Ginevra (dove vigeva il consenso presunto) poi in Ticino, quotidianamente confrontato in corsia col tema della donazione di organi. Mentre per il dottor Alex Frei di Winterthur, medico di famiglia in pensione e psicoterapeuta, questo nuovo modello non è etico e il silenzio non può essere interpretato come un consenso.

Va chiarito comunque che la donazione di organi segue precisi protocolli, avviene in ospedale e in caso di morte cerebrale, una situazione che si presenta raramente, in meno dell’1% dei decessi. Si tratta di una condizione in cui il cervello e il tronco cerebrale hanno perso, irrimediabilmente e definitivamente, totalmente le proprie funzioni.

Il concetto di morte cerebrale, nato nel 1969, è un concetto giuridico e medico e corrisponde legalmente alla morte.

Romandi più favorevoli dei ticinesi

La modifica della legge sui trapianti sembra convincere, almeno nei sondaggi, una bella quota degli svizzeri. Il 61% è orientato ad appoggiarla, mentre il 37% è contrario. Il nuovo modello di consenso presunto ottiene maggioranze in ogni schieramento politico, a parte l’Udc (58% di no). I più sicuri (75%) sono i Verdi liberali. In Romandia, la quota di favorevoli è al 76%, più che nella Svizzera italiana (67%) e in quella tedesca (55%). Ad approvare il nuovo modello sono più gli uomini delle donne, e più i giovani degli anziani. La principale motivazione dei sostenitori è altruistica: il 62% pensa che con questo cambiamento aumenterebbe la possibilità per i malati di ricevere un organo salvavita. Il 51% considera invece questo modo di procedere poco etico e contrario alla Costituzione. È questo in sintesi il risultato dell’ultimo sondaggio (dell’8 aprile) di 20 Minuten/Tamedia sulle votazioni federali del 15 maggio.

Il dottor Paolo Merlani


Per il dottor Merlani il nuovo modello rappresenta meglio il volere della persona (Ti-Press)

In Svizzera il tasso di donazione di organi è più basso rispetto a molti Paesi europei. Secondo Paolo Merlani, primario di cure intense e direttore sanitario all’ospedale Civico a Lugano, se si passasse al modello del consenso presunto, sottoposto a votazione il 15 maggio, per le famiglie dei defunti sarebbe più facile prendere una decisione. Merlani è membro del Consiglio di fondazione di Swisstransplant e responsabile delle donazioni in Ticino.

La modifica della legge sui trapianti introduce il consenso presunto. Chi non vuole donare gli organi dovrà dichiararlo. Oggi vale l’opposto: la donazione avviene se l’interessato in vita si è espresso a favore. Passando al consenso presunto sarà davvero possibile aumentare il numero di donazioni?

In Francia o nei Paesi Bassi il tasso di donazione di organi è aumentato da quando è stato adottato il modello del consenso presunto. Tuttavia, non siamo sicuri che sia proprio la modifica della legge in sé a produrre questo risultato, o altri aspetti come la formazione delle équipe e le campagne d’informazione che accompagnano tale cambiamento. Comunque cambia un elemento fondamentale, si parte dal presupposto che, in caso di morte cerebrale, possiamo essere un donatore di organi.

Di fatto non ci sarebbe una grande differenza, la famiglia del paziente verrebbe comunque interpellata o sbaglio?

Fino al 2007, la donazione era regolata a livello cantonale, ho lavorato 10 anni all’ospedale di Ginevra, dove c’era il consenso presunto. In cure intense si controllava se il paziente era iscritto sul registro, in caso contrario si chiedeva, come si fa ora, alla famiglia se il congiunto avrebbe voluto donare o meno i propri organi.

Nei sondaggi il 75% si dice favorevole a donare gli organi in caso di morte cerebrale, tuttavia solo il 16% ha una tessera di donatore e nel 60% dei casi i familiari rifiutano l’espianto. Come mai?

Siamo in un contesto drammatico, poiché i potenziali donatori sono spesso persone in salute decedute improvvisamente e le famiglie sono sotto shock. Spesso basta un solo parente contrario o dubbioso, che il resto dei congiunti lo segue. In questi casi la famiglia prende la decisione che le appare meno dolorosa.

Non si mettono più sotto pressione i congiunti: possono opporsi al prelievo, se dimostrano che la persona deceduta l’avrebbe fatto. Si potrebbe rinfacciare loro un comportamento non solidale?

Non devono dimostrare proprio nulla, basta che abbiano un dubbio. La nuova legge aiuta maggiormente le famiglie che sanno con certezza se il congiunto fosse contrario. Meglio che brancolare nel buio. Il consenso presunto sembra, almeno secondo i sondaggi, rappresentare meglio il volere della persona.

Per essere etico, il consenso presunto deve corrispondere alla volontà del defunto. Non è illusorio pensare di riuscire ad informare tutti? Un silenzio può essere interpretato come un’approvazione automatica?

Al giorno d’oggi per coloro che non hanno preso una decisione compilando una carta o iscrivendosi a un registro, e quindi informandosi, decide la famiglia sulla base della discussione con gli specialisti, al momento del decesso. Anche con il nuovo modello varrà lo stesso, per chi non si è espresso in vita, sarà la famiglia a decidere. Rimane il punto che l’informazione è un aspetto fondamentale. In Ticino, il tema è molto mediatizzato, la gente è più informata: questo porta nell’80-100% dei casi i familiari a donare (la media svizzera è del 40-45%).

È la via giusta per avere più organi, salvare più vite? Bisogna informare di più? Formare il personale?

Innanzitutto devo sottolineare che non si intende ‘solo’ aumentare il dono, ma si desidera, come detto, corrispondere di più al volere dei defunti. Non sempre più è meglio, mi pare importante non esagerare con le campagne pro donazione. Formare lo si fa da anni in maniera egregia. La Commissione nazionale d’etica promuove una dichiarazione obbligatoria: tutti sarebbero chiamati a esprimersi pro o contro la donazione, registrandolo ad esempio sulla patente. Ciò imporrebbe una informazione capillare e perfetta prima della decisione e comunque la possibilità di non volersi esprimere… Inoltre non tutti vogliono confrontarsi con l’idea della propria morte. La nuova legge non solo mira ad avere più organi, ma ci avvicina maggiormente al volere del donatore: se il 75% è favorevole e poi le famiglie rifiutano il dono nel 60% dei casi, significa che c’è un problema.

Il dottor Alex Frei


Per il dottor Frei il nuovo modello non è etico

Fino a pochi anni fa, Alex Frei ha lavorato come medico generico e psicoterapeuta in Svizzera, Africa e Afghanistan. Il medico di Winterthur non ha mai fatto politica, finché non è diventato il copromotore del referendum contro la modifica di legge sui trapianti in votazione il 15 maggio.

La sua posizione è particolare, come medico la sua missione è salvare vite umane, ma questa strada, a suo dire, non è etica. Vediamo perché.

Per quali ragioni si oppone al nuovo modello del consenso presunto in materia di donazione di organi in votazione il 15 maggio?

Per qualsiasi intervento sul corpo di una persona, che sia un’analisi o un’operazione, è necessario il consenso esplicito dell’interessato. È un diritto umano inalienabile, l’integrità fisica e psichica è garantita dalla nostra Costituzione e deve valere per l’intervento più invasivo di tutti: quando si tratta di donare gli organi, il silenzio non può essere interpretato come un consenso.

Ma le volontà di ciascuno saranno scritte in un registro nazionale. Ciò non basta per evitare situazioni poco chiare?

Oltre ad essere costoso è tecnicamente impossibile raggiungere tutti e spiegare a chi si rifiuta di donare gli organi che deve registrarsi. La pandemia ha appena dimostrato che è impossibile informare tutti, perché non tutti lo erano. Con il consenso presunto si preleveranno organi da chi non l’avrebbe voluto perché non l’aveva segnalato nel registro nazionale.

Una ulteriore garanzia viene dai familiari che possono opporsi alla donazione di organi se manca una indicazione esplicita del defunto. Inoltre, in caso di dubbio e se la famiglia non è raggiungibile non si potrà fare l’espianto. Non si tutela a sufficienza il diritto all’autodeterminazione?

No, non è una garanzia in più. Quando si perde improvvisamente una persona cara, si è sotto shock, non si ragiona lucidamente. In queste condizioni di estrema fragilità i familiari devono chiedersi se il loro congiunto fosse contrario al dono d’organi, che di regola viene visto come un gesto solidale. Come fanno a decidere, a dire di no, con una pressione simile?

Eppure molti dicono di no. Il 75% degli svizzeri si dice favorevole alla donazione di organi, ma poi il 60% dei familiari che si trovano in questa situazione si oppongono. Con il consenso presunto non si toglie un peso ai familiari?

Bisognerebbe approfondire perché il 75% degli svizzeri risponde ad un sondaggio che è favorevole alla donazione d’organi ma poi solo il 16% ha una tessera di donatore. Forse chi è indeciso risponde affermativamente e poi cambia idea. Sono questioni molto complesse.

La maggior parte dei Paesi dell’Europa occidentale, tuttavia, ha adottato il modello del consenso presunto e fa registrare un tasso di donazione di organi superiore al nostro. La Svizzera non dovrebbe seguire questo esempio?

Vari studi scientifici dimostrano che il tasso di donazione di organi non aumenta per forza con il consenso presunto. Non c’è una correlazione scientifica tra i due. Alcuni Paesi hanno il nostro stesso sistema e riescono comunque ad avere un tasso più elevato. In altri come il Brasile, il consenso presunto ha fatto diminuire le donazioni. Sono più fattori insieme, come ad esempio l’organizzazione e una buona informazione, che possono fare la differenza.

Lei è medico. Nel 2021, 1’434 persone malate aspettavano un organo. La modifica della legge sui trapianti non permetterebbe di salvare vite?

Sono medico, la mia missione è salvare vite, ma questa strada non è etica. Circa due terzi delle persone sulla lista è in attesa di un rene; non si tratta pertanto di una questione di vita o di morte, poiché queste persone possono anche sottoporsi a dialisi. Inoltre è anche possibile donare un rene da vivi. La donazione di organi a fine vita riguarda chi ha subito un trauma cranico o un ictus. Non sono cadaveri freddi. Il loro cuore batte, la loro pelle è calda. La morte cerebrale è un concetto giuridico, in realtà sappiamo poco sul momento della morte e sulle conseguenze di un intervento così massiccio. Cosa sappiamo di quello che succede alla coscienza al momento finale? Che cosa portiamo in un altro corpo? Sono tutte domande che la scienza non ha investigato a fondo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consenso donazione organi trapianti votazione federale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved