Svizzera

Valanga a Zermatt, fra le vittime un 15enne americano

Per gli altri due morti, un uomo e una donna, sono ancora in corso le procedure di identificazione. Il capo soccorritori: ‘La slavina è stata provocata’

I soccorritori durante le ricerche
(Polizia vallesana)
2 aprile 2024
|

Le persone rimaste uccise dalla valanga che si è staccata ieri, lunedì 1º aprile, vicino a Zermatt (in Vallese) sono due uomini e una donna. Fra questi vi è uno sciatore americano di 15 anni. Lo ha annunciato martedì la Polizia cantonale. Il ferito è invece uno svizzero di 20 anni.

Per gli altri due morti sono ancora in corso le procedure di identificazione. Il ferito si trova in condizioni gravi in ospedale.

La slavina si è staccata poco dopo le 14 a Riffelberg ed è stata vista da numerosi testimoni nel comprensorio sciistico, ha precisato la polizia. Le vittime sono state travolte mentre si trovavano fuori pista. I tre morti e il ferito sono stati recuperati dopo un'importante azione di ricerca. Al momento alle autorità non sono giunte allerte di persone disperse.

‘La valanga è stata provocata’

Secondo quanto riportato dalla Srf, il capo di lunga data del servizio di salvataggio in montagna a Zermatt, Bruno Jelk, ha parlato di due valanghe che sono probabilmente state provocate da qualcuno.

Leggi anche:
Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE