Svizzera

Lo strano caso dei libri rubati colpisce Ginevra

Sono testi rari di scrittori e poeti russi. Spariscono dalle biblioteche di mezza Europa e ricompaiono in copia

In sintesi:
  • Non si trova più un'antologia del poeta russo Alexander Pushkin
  • Colpite università e biblioteche, dai Paesi baltici a Parigi
Saranno veri?
(Keystone)
28 gennaio 2024
|

Un'antologia del poeta russo Alexander Pushkin è stata rubata dalla biblioteca di Ginevra. Il caso, venuto alla luce all'inizio di gennaio, è l'ultimo anello di una catena di furti identici che si estende dagli Stati baltici a Parigi. La biblioteca di Ginevra ha così intensificato le misure di sicurezza in seguito al furto, ma non ha fornito dettagli, come il Ministero pubblico ginevrino non ha ancora commentato il procedimento penale aperto su questa vicenda.

Secondo l'Università di Berna, le biblioteche interessate - la biblioteca svizzera dell'Europa orientale, il servizio delle collezioni storiche e la biblioteca slavistica - sono a conoscenza "da tempo" della serie di furti attraverso la loro rete.

"Tra le collezioni di queste biblioteche ci sono anche vecchie opere stampate in russo, ma non le prime edizioni di poeti e scrittori russi particolarmente famosi, come Pushkin o Lermontov, che sembrano essere stati l'obiettivo dei ladri", ha dichiarato un portavoce dell'università rendendo noto che qui finora non c'è stato alcun furto.

Solo in sala di lettura e sotto sorveglianza

Anche l'Università di Basilea e la biblioteca centrale di Zurigo sono state informate di questa serie di furti, ma finora sono state risparmiate da questi scippi. In queste biblioteche, le preziose collezioni possono essere consultate solo in sala di lettura e sotto sorveglianza.

L'Università di Berna ha dichiarato di aver sensibilizzato il proprio personale in seguito ai furti. La biblioteca centrale di Zurigo non ha voluto commentare le misure di sicurezza supplementari messe in atto. A Basilea, secondo quanto si è appreso, non sono state adottate misure specifiche.

Importo elevato

I ladri di libri rari si stanno scatenando in Europa da quasi due anni. Il primo furto di letteratura russa è stato riportato dall'agenzia di stampa francese Afp nell'aprile 2022, quando tre libri sono stati rubati dalla biblioteca nazionale della Lettonia.

Nello stesso mese, otto opere di Pushkin e Gogol sono scomparse dalla biblioteca universitaria di Tartu, in Estonia. Valore stimato del bottino estone: 158'000 euro. I ladri avevano sostituito le edizioni originali con delle copie.

Nel maggio 2022, la stessa cosa è accaduta in Lituania: diciassette libri sono scomparsi dalla biblioteca universitaria di Vilnius, questa volta per un valore di 440'000 euro. Secondo l'Afp, la maggior parte è stata sostituita da copie.

In seguito, la biblioteca universitaria polacca di Varsavia è stata colpita duramente dai furti: nell'ottobre 2023 ha scoperto che 79 opere del catalogo russo erano scomparse. L'università ha stimato il danno in circa un milione di euro. I ladri hanno lasciato dietro di loro - ancora una volta - copie delle opere rubate. Queste "vanno da imitazioni sciatte a meticolose contraffazioni", ha indicato l'Afp.

Tre persone sotto processo

Infine, lo scorso ottobre, tre persone sono state processate a Parigi: erano accusate di aver rubato una dozzina di libri dall'Institut national des langues et civilisations orientales.

Episodi simili si erano verificati a Lione nel luglio precedente. Uno dei libri rubati a Parigi - che, come gli altri, non è stato ritrovato - ha un valore stimato di 60'000 euro. Almeno nei casi in Francia e in Lettonia erano coinvolti cittadini georgiani.

La motivazione alla base dei furti sembra essere di tipo pecuniario: un'opera rubata a Varsavia è stata venduta all'asta a Mosca.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE