Svizzera

Dagli Usa chieste sanzioni all'ex procuratore federale Lauber

La commissione del Congresso e del governo indaga sugli aiuti ad accedere a fondi congelati in Svizzera prestati a cittadini russi sanzionati

(Keystone)
29 luglio 2023
|

La commissione Helsinki del Congresso e del governo degli Stati Uniti chiede all'esecutivo americano di imporre sanzioni contro tre cittadini svizzeri, fra cui l'ex procuratore generale della Confederazione Michael Lauber, in relazione a una vicenda fiscale con la Russia.

Nel mirino della commissione vi è anche l'ex procuratore federale Patrick Lamon e un esperto di Russia dell'Ufficio federale di polizia (fedpol). La richiesta dell'organismo, il cui scopo ufficiale è di promuovere i diritti umani, la sicurezza militare e la cooperazione economica in 57 paesi in Europa, Eurasia e America settentrionale, è stata pubblicata ieri sulla rete sociale X (già Twitter) su invito dell'investitore Bill Browder.

Nel documento, la Commissione Helsinki ha accusato i tre svizzeri di aver aiutato russi sanzionati ad accedere a fondi congelati in Svizzera. Essi sono anche accusati di aver accettato regali e viaggi da funzionari e oligarchi russi.

La richiesta di sanzioni è stata avanzata in base alla cosiddetta legge Magnitsky, che limita la libertà di movimento e congela i beni negli Stati Uniti di persone ed enti accusati di violazione dei diritti umani.

Vicenda Magnitsky

Il congelamento dei fondi russi nella Confederazione, del valore di 18 milioni di franchi, risale all'inizio degli anni 2010 nell'ambito della vicenda Magnitsky. Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) aveva interrotto un procedimento per riciclaggio di denaro nel 2021, che era stato avviato nel 2011, in relazione a una frode fiscale in Russia da 230 milioni di dollari (203,6 milioni di franchi al cambio attuale) e voleva confiscare solo quattro dei 18 milioni. Non era stato possibile dimostrare l'esistenza di un legame tra alcuni dei beni confiscati in Svizzera e il reato commesso in Russia, aveva spiegato la procura federale.

La Commissione Helsinki accusa le persone coinvolte nel caso all'epoca di aver agito ingiustamente a favore dei russi sanzionati. L'MPC "ha ripetuto alla lettera la dichiarazione ricevuta dal governo russo" per giustificarsi, aggiunge il documento dell'organismo americano.

L'avvocato Sergei Magnitsky era consulente della società londinese Hermitage Capital in Russia, cofondata da Bill Browder. Il legale è morto in una prigione di Mosca nel novembre 2009, dopo aver denunciato un anno prima un vasto schema finanziario da 230 milioni di dollari che, a suo dire, era stato orchestrato dalla polizia russa e da funzionari del fisco a danno del suo datore di lavoro e dello Stato russo.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE