ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale

Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
7 ore

Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica

Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
8 ore

Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr

Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
9 ore

I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese

Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
10 ore

Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano

A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
12 ore

L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione

Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
Svizzera
1 gior

Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale

I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
1 gior

Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira

Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
1 gior

Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere

Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
friburgo
30.11.2022 - 22:23

Tribunale cantonale assolve in appello 27 attivisti per clima

Avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday.

Ats, a cura di Red.Svizzera
tribunale-cantonale-assolve-in-appello-27-attivisti-per-clima
Le proteste dopo il verdetto negativo del giugno scorso (Keystone)

Friburgo – Il Tribunale cantonale (Tc) di Friburgo ha assolto oggi 27 attivisti per il clima che avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale a Friburgo il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday. Il 18 giugno 2021, in primo grado, erano stati condannati a pene pecuniarie.

Il giudice di polizia della Sarine aveva allora inflitto a 30 attivisti, che con la loro azione avevano voluto disturbare il regolare svolgimento delle vendite e denunciare il consumo eccessivo, pene pecuniarie che andavano fino a 400 franchi.

La Corte d’appello penale del Tc ha tenuto un’udienza lunedì a Granges-Paccot (Fr) in seguito al ricorso degli attivisti. Per la maggior parte, la procedura si è svolta per iscritto. Ma sette attivisti di età compresa tra i 22 e i 32 anni, che il giudice aveva ritenuto colpevoli di coercizione in quanto avevano fisicamente impedito ai clienti di entrare nel centro commerciale incatenandosi ai carrelli, sono comparsi personalmente davanti alla Corte d’appello penale.

Assistiti in appello da sei avvocati friburghesi, losannesi e ginevrini, gli attivisti hanno vinto la causa. I tre giudici della Corte d’appello penale del Tribunale cantonale di Friburgo hanno dapprima assolto tutti gli imputati dall’accusa di violazione della legge sullo spazio pubblico.


Pro-manifestanti fuori dal tribunale (Keystone)

Contribuire al dibattito

Il tribunale ha ritenuto che la semplice assenza di autorizzazione a manifestare, e di fare quindi un uso maggiore del dominio pubblico, non possa giustificare una condanna penale quando l’azione di sfilare, in silenzio o scandendo slogan, cerca di contribuire al dibattito sociale sul cambiamento climatico.

In questo caso, la Corte d’appello penale ha fatto riferimento alla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) in relazione alla libertà di espressione.

I giudici hanno ritenuto che anche l’azione dei manifestanti, che non si sono limitati a sfilare, scandire slogan o brandire cartelli, ma si sono installati davanti all’ingresso principale del centro commerciale in modo da ostacolarne l’accesso, ma senza violenza e senza causare danni, potesse beneficiare della protezione privilegiata offerta dalla Cedu.

Per quanto riguarda i sette manifestanti che erano stati condannati dal giudice di polizia per coercizione per essersi incatenati a carrelli della spesa e aver così creato una sorte di barriera simbolica all’ingresso principale del centro, la Corte d’appello penale non li ha ritenuti colpevoli di coercizione.

In effetti la loro azione era stata strutturata in modo tale che gli altri ingressi e le altre uscite del centro commerciale rimanessero accessibili con una deviazione; secondo i giudici l’intensità necessaria per concludere che vi sia stato un atto di coercizione ai sensi del Codice penale non sussiste. Questi sette manifestanti sono stati comunque multati di 150 franchi.

In un comunicato pubblicato oggi, a seguito della sentenza del Tribunale cantonale, i movimenti Extinction Rebellion e Sciopero per il clima hanno espresso grande soddisfazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved