ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 min

Gettano il porcellino d’india in un cestino dei rifiuti

È salvo e in buone condizioni l’animaletto domestico recuperato operaio comunale ad Amriswil, ora affidato alla protezione animali
Svizzera
1 ora

Polizze con codice Qr, bilancio ‘molto positivo’

A due mesi dalla sua introduzione, la Posta si dice soddisfatta della risposta dell’utenza. ‘Per la stragrande maggioranza è una routine’
Svizzera
2 ore

Per Ruth Dreifuss un dottorato honoris causa

A conferirglielo, per l’impegno a favore di un mondo più giusto, delle pari opportunità e della tutela delle minoranze è stata l’Università di Berna
Svizzera
2 ore

Scansa un camion e centra il guardrail a bordo carreggiata

Incidente della circolazione sulla cantonale che da Coira porta ad Arosa: ingenti danni a vettura e infrastruttura stradale. Illeso il conducente
Svizzera
4 ore

Fogh Rasmussen: ‘La Svizzera non può chiamarsi fuori’

L’ex segretario generale della Nato critica la neutralità del nostro Paese nell’ambito del conflitto in Ucraina
Svizzera
4 ore

Sale sul tetto di un vagone e resta folgorato: grave un 18enne

Incidente nella notte alla stazione di Gossau (Sg). Il giovane è stato trasportato all’ospedale in condizioni critiche
Svizzera
20 ore

Il centro di cybersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
21 ore

Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe

Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
21 ore

Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli

Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
22 ore

Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto

Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
05.10.2022 - 17:13
Aggiornamento: 19:22

Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci

Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita

Ats, a cura di Red.Web
sempre-piu-problemi-per-l-approvvigionamento-di-farmaci
Keystone

L’approvvigionamento di farmaci è sempre più problematico in Svizzera. Le ragioni sono complesse e vanno dalla mancanza di capacità di trasporto alla penuria di materie prime o a motivi economici. In caso di una nuova ondata di Covid, unita a un’ondata di influenza, alla crisi energetica e alla guerra in Ucraina, il prossimo inverno potrebbe essere difficile. Attualmente, 111 farmaci salvavita figurano nell’elenco delle interruzioni delle forniture pubblicato dall’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). Ma questo elenco non è completo: alcuni prodotti vitali non sono soggetti all’obbligo di annuncio, ha indicato l’Ufsp a Keystone-ATS.

La situazione è particolarmente tesa per gli antinfettivi iniettabili e gli oppioidi orali a rilascio prolungato. Le carenze non sono legate alla guerra in Ucraina, esistevano già precedentemente, precisa l’Ufsp. Nel 2021, il numero di notifiche di interruzioni di fornitura di farmaci salvavita per uso umano inserite nella piattaforma ad hoc era di 137, un ordine di grandezza stabile rispetto al 2020, indica l’UFSP nel suo rapporto annuale.

Catena di approvvigionamento

I gruppi di medicinali più spesso interessati erano anche gli analgesici (29%), seguiti dagli antibiotici (25%), dagli antimicotici e dai vaccini (10% delle notifiche ciascuno). Nel 63% dei casi, le interruzioni erano legate a problemi relativi alla catena di approvvigionamento e nel 20% dei casi a un aumento improvviso dei consumi (rispetto al 32% nel 2020 e al 18% del 2019). I ritiri dal mercato rappresentavano il 18% delle interruzioni notificate. La metà di questi ritiri riguardava antibiotici. La globalizzazione e la centralizzazione della produzione di questi prodotti, in particolare dei principi attivi, giocano un ruolo importante nelle difficoltà di approvvigionamento, sottolinea l’Ufsp.

Ricorso alle riserve obbligatorie in aumento

Di fronte a un problema di penuria, la Confederazione pubblica raccomandazioni sulle possibilità di sostituzione, con farmaci generici o un altro trattamento, sul ricorso alle scorte obbligatorie, a importazioni o eventuali restrizioni di utilizzo. Le riserve sono attualmente usate per compensare la mancanza di antinfettivi e oppioidi orali. Il ricorso alle riserve obbligatorie è sempre più frequente: nel 2021 sono state rilasciate 89 autorizzazioni in tal senso, rispetto alle 71 del 2020 e alle 57 del 2019. Nel caso del Covid-19, il consumo eccessivo di sostanze attive importanti per questa malattia ha potuto nel frattempo essere coperto dalle aziende. La situazione delle forniture è attualmente la stessa rispetto a quella precedente la pandemia. Tuttavia, l’Ufsp rileva che ci sono problemi lungo catene di approvvigionamento dovuti alla Sars-Cov-2.

Catalogo di misure riesaminato

Fondamentalmente, il mercato dei farmaci è confrontato con scorte limitate, lunghi tempi di consegna e condizioni logistiche difficili. Ulteriori problemi dovuti a ridotte capacità di produzione all’estero e in Svizzera, in particolare a causa della carenza di gas e di energia in generale, potrebbero aumentare le difficoltà di approvvigionamento. Di fronte a questa situazione, l’Ufsp e l’Ufficio federale per l’approvvigionamento economico del Paese (Ufae) in febbraio hanno ricevuto dal Consiglio federale il mandato di riesaminare l’attuale catalogo di misure per garantire la sicurezza delle forniture.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved